News archive 11/09/2021

CHAMPIONS CUP CALCIO A 11 2020/21

Tiki Taka Milano alza il primo trofeo


TIKI TAKA MILANO – REAL ARESE 2-1 (0-1)
RETI
: 22’  Nicolò Melazzi (RA), 10’ s.t. Jedà rigore (TTM), 26’ Jeda (TTM)

LA CRONACA
Tiki Taka Milano alza al cielo La Champions Cup 2020-21, sfatando il tabù dopo due finali perse e conquistando il primo trofeo nel calcio a 11.
Per Real Arese sfuma invece l’opportunità di concedere il bis dopo il trionfo di metà luglio.
Nei primi 22’ scarseggiano le occasioni da gol, poi Real Arese la sblocca con una bella iniziativa di Zamperioli e successiva zampata sotto porta di Niccolò Melazzi,
Nella ripresa i Pirovano boys scendono in campo più determinati e al 10’ la riequilibrano grazie alla sua stella Jeda (ex calciatore professionista) che si procura e trasforma il penalty dell’1-1.
Subito dopo Real Arese ha una clamorosa tripla occasione in pochi secondi per tornare in vantaggio, ma Parraga respinge miracolosamente il tap-in sotto porta di Germiniasi, poi sul rimbalzo Sottile centra la traversa, quindi Barletta calcio alto di pochissimo da due passi.
Al 26’ ancora Jeda s’incunea in area e fredda Capacchione in uscita, segnando il gol decisivo.
Nel finale Real Arese si getta in avanti alla caccia del pareggio, ma Di Venosa viene espulso e la festa è tutta per Tiki Taka Milano.

LE PAGELLE

TIKI TAKA MILANO
Parraga 6,5: decisivo sull’1-1 con una parata strepitosa su Germiniasi.
Giordano 7: motorino infaticabile sulla banda destra, tampona e riparte.
Perriello 6,5: centrale difensivo di sostanza.
Cirillo 6,5: completa con Perriello il pacchetto difensivo.
Ruscio 7: laterale roccioso con i piedi da trequartista. Implacabile.
Veneroni 6,5: non ripete la strepitosa semifinale, ma si mette al servizio dei compagni.
Converso 7: Corre per due in mezzo al campo.
Jeda 9: nel primo tempo agisce al centro del ring, poi avanza e spacca in due il match con la doppietta letale.
De Maio 7: parte largo a sinistra, ma il meglio lo dà quando si sposta in mezzo.
Di Maggio 6,5: il capitano non trova mai la porta, ma si sacrifica davanti.
Gentile 6,5: inizia da seconda punta e fa un lavoro prezioso.
Memola 6,5: geometrie al servizio dei compagni.
Colletta 7: entra a inizio ripresa a blindare la retroguardia.
Gandolfi 6,5: entra e arriva subito il gol del 2-1.
Bastianelli 6,5: I suoi scatti sulla fascia tengono sul chi va là la difesa avversaria.
Allenatori: Pirovano e Riva 8: gestione perfetta della partita, con gli aggiustamenti tattici al momento opportuno.
 

 

REAL ARESE
Capacchione
6: due tiri e due goal presi, ma senza colpa.
D'Amato 6: attento e preciso, tiene la posizione e bada alla sostanza.
Loriggiola 6,5: una sua diagonale miracolosa evita un goal fatto, impeccabile dietro. Divenosa 5: causa il rigore, viene bruciato da Jeda sull’1-2 e nel finale viene anche espulso.
Dasti 7: una spina nel fianco, concede il minimo sindacale al temuto Veneroni e crea più di un pericolo con le sue incursioni.
Ferrari 6: ha fiato da vendere e rincorre chiunque.
Cardani 6,5: partita gagliarda, recupera un’infinità di palloni.
Fiore 6: tante giocate di qualità, ma cala alla distanza.
Zamperioli 6: da una sua incursione nasce il vantaggio, però è troppo nervoso.
Niccolò Melazzi 7: sblocca la gara da rapace d'area, poi tante sportellate e sponde.
Barletta 5,5: si divora il pareggio e sbaglia tanto.
Sottile 6: una traversa clamorosa sull’1-1 sliding doors della finale.
Germiniasi 6,5: scattante e rapido, il suo ingresso crea più di un grattacapo. Bertarione S.V.: esce subito per infortunio
Brando Melazzi S.V.: pure lui da poco entrato deve alzare bandiera bianca.
Allenatore Piciaccia 6: la sua squadra crea tanto, ma è poco concreta e alla fine viene punita.