Archivio news 07/02/2019

CORPORATE CHALLENGE

DAZN vince il titolo d'Apertura


È decisivo DIDN
Gioiello Garlaschi

 

 

DAZN – Azimut 3 – 0
Reti:
Di Noi (D), Marino (D), Garlaschi (D)

 

LA PARTITA
DAZN vince il titolo d’Apertura. Barsotti e compagni alzano la prima coppa stagionale al termine di una partita ostica. Come al solito, partono piano per poi aumentare i giri del motore. Nelle prime fasi del match, infatti, Azimut manifesta la sua strategia: tenere bassi i ritmi e tenere compatti i reparti. La squadra di Guglielmino è consapevole della vivacità atletica dell’avversario e non vuole concedergli spazio per le ripartenze in campo aperto. La tattica dei biancazzurri funziona e anestetizza lo spettacolo. L’occasione più importante del primo tempo capita sui piedi di Miserandino, che non riesce a sfruttare l’assist di Giampietro e a centrare la porta.
La seconda parte di gara è il momento DAZN. Bernardi in cabina di regia alza il ritmo. Davanti, Mastroianni e Di Noi si muovono su tutto il fronte d’attacco e diventano difficilmente marcabili. È proprio DIDN a sbloccare il risultato: attacca lo spazio da punta vera e riceve l’assist di Turci, che dovrebbe essere al centro dell’area, ma è bravo ad allargarsi e a regalare al compagno un pallone da spingere in porta.
Azimut, subito lo svantaggio, deve rischiare e spingersi in avanti. DAZN, però, si difende con ordine e diventa letale in contropiede. Marino (con la collaborazione di Mastroianni) firma il 2-0 con un destro da fuori area. La ciliegina sulla torta è il gol capolavoro di Garlaschi, che manda i titoli di coda.
Al triplice fischio è festa DAZN, che alza la coppa e mostra tutta la forza del gruppo. Questa squadra ha ancora fame: vuole anche la Clausura e le Final Four.

 

LE PAGELLE

DAZN
Magliacane 6.5
Si fa trovare sempre pronto tra i pali. È fondamentale con qualche uscita coraggiosa.
Barsotti 6.5 Si mette al braccio la fascia di Mancini e la onora. Gioca con grinta e tenacia.
Garlaschi 7.5 In fase difensiva è impeccabile. Impreziosisce la sua prestazione con un gioiello dalla distanza.
Palma 6.5 Giocatore duttile e utile sulla fascia. Ricorda Callejon.
Bernardi 6.5 Dà qualità in mezzo al campo. La manovra offensiva passa sempre dai suoi piedi.
Di Noi 8 Ha una percentuale di dribbling riusciti che sfiora il 100%. Ha il grande merito di sbloccare una partita complicata. DIDN è il Man Of The Match Peroni.
Turci 7.5 Non segna, ma lavora tantissimo per la squadra. L’assist per il primo gol completa il quadro tecnico di questo grande attaccante.
Mastroianni 7 Una traversa e molto altro. Quando punta, è sempre pericoloso.
Marino 7.5 Cresce col passare dei minuti. Quando si aprono gli spazi, può mostrare le sue doti da box-to-box midfielder.
Carbonari 6.5 Prestazione diligente. Gioca semplice appoggiandosi al centrocampista vicino.
Sala 6.5 Dà equilibrio alla squadra, posizionandosi nella giusta porzione di campo.

AZIMUT
Colombari 7
Nel primo tempo compie un miracolo da terra clamoroso. Si dimostra ancora una volta un portiere affidabile.
Argenio 6 Lotta con la solita garra su ogni pallone.
Bottoni 5.5 Si meriterebbe la sufficienza per la gestione del duello con Turci. Mezzo voto in meno perché si perde Di Noi in occasione del gol che sblocca il match.
Sperandio 6.5 Corre su e giù per tutta la fascia. Concreto e solido.
De Meo 6 Stavolta fatica un po’ in mezzo al campo. Bisogna ammettere, però, che si trova spesso in inferiorità numerica per vie centrali.
Gallone 5.5 Parte bene, ma poi cala. Deve sacrificarsi molto in fase difensiva.
Giampietro 7 Ancora una volta è il migliore dei suoi, grazie alle sue doti di capacità tecnica ed esperienza.
Miserandino 6 Copre ogni zona del campo con intensità.
Guglielmino 7 La sua squadra esce dal campo senza vittoria, ma con tante certezze. 

 

GUARDA GLI HIGHLIGHTS