Sportland S.S.D. a r.l.2015/2016
(Maschile)
Calcio a 7 Open

20° CAMPIONATO CALCIO A 7

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 22^ Giornata

Vighignolo-Tettenham : 6-3

Un buon Vighignolo riesce ad avere ragione solo nella ripresa di un generoso Tettenham, privo del portiere di ruolo. Il match si apre con l’immediato doppio vantaggio del Vighignolo: Fabio Berardi porta il risultato al 3’  sblocca il risultato con un tocco sottoporta, poi concede il bis al 5’ con una rasoiata dal limite. Il Tettenham, però, reagisce immediatamente con Cova che batte Stefano Berardi in uscita e con un eurogol di Rocco che, dopo un doppio dribbling, lascia partire un imparabile sinistro che si insacca sotto la traversa. La prima frazione si chiude con il nuovo sorpasso Vighignolo ancora con Fabio Berardi, protagonista assoluto della serata. Nella ripresa il Tettenham, complice l’impossibilità di effettuare cambi, subisce un calo fisico. Ecco che allora, il Vighignolo ne approfitta immediatamente: Fabio Berardi, questa volta di testa, firma il poker personale. Prima della doppietta finale di Pecorino, c’è spazio sul tabellino anche per Giaquinto, abile a finalizzare un insistito batti e ribatti in area.

 

Vighignolo

Fabio Berardi: “man of the match” padrone del centrocampo, condisce la sua gara straordinaria con 4 gol .Voto 8,5

Stefano Berardi: incolpevole sui gol subiti, si esibisce in altri buoni interventi. Voto 6

Foti: agisce sull’out di sinistra, dove colleziona qualche buona trama offensiva. Voto 6,5

Larocca: svaria sulla corsia laterale di sinistra dove, a una buona tecnica, non unisce sempre concretezza e lucidità. Voto 6

Pecorino: poco lucido per tre quarti di match, si scatena nel finale dove,con una doppietta, mette il lucchetto al match. Voto 7

Francesco Raffaele: entra a gara in corso, posizionandosi sulla sinistra, ma non riesce ad entrare nel vivo del gioco. Voto 5,5

Maurizio Raffaele: gara difficile nella prima metà di gioco,quando fatica a contenere la pericolosità degli avanti del Tettenham. Cresce nella ripresa. Voto 6

Saverino: buona prestazione difensiva soprattutto nella ripresa, dove riesce ad annullare le iniziative avversarie. Voto 6,5

 

Tettenham

Citu: è costretto a disputare il primo tempo tra i pali, dove mostra buone qualità. Non particolarmente incisivo nella ripresa sull’out di sinistra. Voto 6

Colombini: costantentemente messo in difficoltà da Berardi e compagni, non disputa una delle sue miglior partite. Voto 5

Cova: parte dall’out di destra, ma non riesce a dare profondità all’azione. Voto 5,5

D’Angelo: oscurato in mezzo al campo, dalla grande serata di Berardi, fatica non poco a dettare i tempi di gioco alla squadra. Voto 5

Peluso: si posiziona in un primo momento in avanti, dove non riesce a dare peso all’attacco. Sostituisce nella ripresa Citu tra i pali, dove colleziona qualche buon intervento. Voto 5,5

Rocco: buona prestazione, soprattutto grazie alle sue sortite offensive, che gli consentono di trovare lo splendido gol del 2-2. Voto 7

Giaquinto: agisce tra l’out di destra e l’attacco, dove colleziona qualche buona giocata, tra cui la rete del 3-2. Voto 6

 

Autosalone Testori – Real Fire 10-2

Nell’ultima giornata della Gazzetta Football League Autosalone Testori fa un sol boccone di Real Fire, chiude al primo posto con il formidabile bilancio di 18 vittorie in 20 gare giocate e approda direttamente alla semifinale dei playoff. La sfida del Barona si schioda al 10’, quando Mastrogiacomo serve a Donadel il pallone dell’1-0. Real Fire replica sollecitamente con il pareggio di Morandi in contropiede. Negli ultimi 3 minuti del primo tempo la capolista va a segno quattro volte con il 5-1 griffato dal bis di Donadel, la doppietta di Lolli e la segnatura di Imbriaco. Nella ripresa Real Fire cede di schianto e Autosalone Testori ne approfitta per andare in doppia cifra con la tripla di Mastrogiacomo e i sigilli di Testori e Riva. Nel finale Real Fire rompe un lungo digiuno e va a bersaglio per la seconda volta con Bertuzzi.

Le pagelle

Autosalone Testori

Ravera: quasi disoccupato per buona parte del match, si guadagna la pagnotta con tre parate. Voto 6,5

Donadel: incontenibile nel primo tempo, nel quale si merita il premio di “man of the match” con la doppietta e tre conclusioni in porta. Voto 8

Imbriaco: guida senza troppi patemi il reparto difensivo e mette il timbro sul 5-1. Voto 6,5

Lipiani: subisce un colpo a fine primo tempo e si limita al minimo sindacale. Voto 6

Lolli: illumina la scena con classe cristallina e una doppietta Doc che spiana la strada alla goleada. Voto 7,5

Mastrogiacomo: nel primo tempo fornisce due assist vincenti, poi torna nei panni di bomber e timbra tre volte il cartellino. Voto 7,5

Riva: architrave del gioco, pennella la punizione del 7-1. Voto 7

Testori: non impeccabile sull’1-1, si riscatta con la bomba dell’8-1 e una prestazione diligente. Voto 6,5

 

Real Fire

Calegari: all’alba compie tre parate, poi affonda insieme alla barca. Voto 5,5

Battaglia: pure lui dopo un inizio promettente in retroguardia, va a picco a cavallo tra i due tempi. Voto 5,5

Bertuzzi: viene murato ad inizio ripresa a tu per tu col portiere, poi rompe il digiuno, firmando la seconda segnatura. Voto 6

De Rosa: regista dai piedi buoni, però predica nel deserto. Voto 6

Abbruzzi: spinge sulla fascia fino a quando la squadra regge l’urto. Voto 5,5

Morandi: autografa l’illusorio 1-1 e impegna il portiere, poi sparisce. Voto 6

Petricelli: si sbatte davanti, ma non è serata fortunata. Voto 5,5

Roccia: si piazza tra le linee ed è una zanzara fastidiosa per una ventina di minuti. Voto 6

Santelia: davanti non riesce a incidere. Voto 5,5

Vastola: in versione Arsenio Lupin ruba palloni si danna l’anima. Voto 6

 

EL PUMA TEAM – GNU TEAM

Bella vittoria dei padroni di casa che si impongono per 9-5. Partita ricca di gol e di emozioni.

Al 3’ la sblocca Fasolini con un bell’inserimento da dietro piazza un piatto destro preciso e angolato. Al 10’ arriva il raddoppio di Giuri con un bel tiro da fuori. Passano pochi secondi e Macario ripare il match su assist di Alfredo Guacci. Poi ci pensa a Maderna a ristabilire le distanze con due bellissimi gol, il primo di piatto destro dopo un bellissimo aggancio in area di rigore, il secondo con un meraviglioso colpo di tacco a pochi passi dalla porta. Prima dell’intervallo però Macario accorcia nuovamente le distanze con una rete pazzesca, salta tre avversari e di piatto trova un tiro preciso che vale il 4-2.

La ripresa è un festival del gol: inizia Stancampiano che deve depositare in rete un comodo appoggio di Alfredo Guacci, poco dopo però Giuri e Antoniazzi riportano i padroni di casa sul +3. Gnu Team però non si arrende e con Costanzo e lo scatenato Macario ritorna in partita sul 6-5. Qui però si esauriscono le energie ospiti che graziati dai pali di Fumarola e Viganò entro la fine del match incassano altre tre reti, due di Colombo che si inventa due parabole incredibili e l’ultimo sigillo è del giovane e talentuoso Ivan Fumarola.

PAGELLE

EL PUMA TEAM

Corradini: Non deve compiere parate straordinarie ma è sempre attento. Voto 6

Antoniazzi: il capitano gioca una gara solida condita anche dal gol personale Voto 6,5

Fasolini: sblocca la gara con un grande inserimento, buona prova anche in difesa Voto 6,5

Colombo: si inventa due parabole di rara bellezza, prestazione gigantesca del numero 10. Voto 7,5

Antonio Fumarola: tiene alta la squadra, fa qualche buona sponda Voto 6

Ivan Fumarola: il talentino fa intravedere numeri di alta scuola ed entra anche nel tabellino. Voto 6,5

Giuri: buona partita, segna e va vicino anche molte altre volte alla rete, sempre pericoloso Voto 6.5

Iorio: gara tranquilla, senza infamia e senza lode Voto 6

Maderna: trascinatore della squadra insieme a Colombo con una preziosa doppietta, gol di tacco meraviglioso  Voto 7

Viganò: ha un sinistro raffinato, solo il palo gli nega la gioia del gol. Voto 7

 

GNU TEAM

Avanzini: solita gara di corsa e sacrificio. Voto 6

Bassi: soffre tanto le incursioni di Maderna e Viganò, fa quel che può Voto 5,5

Costanzo: prova di carattere come al solito, segna un gol molto pregevole. Voto 6,5

Guacci Alfredo: gioca bene e sfiora il gol più volte, prezioso come assist-man oggi. Voto 6,5

Iurato: compie diverse parate sensazionali, subisce tanti gol ma tiene in piedi la baracca  Voto 7

Guacci Riccardo: gara di sostanza e sacrificio Voto 6

Liotta: da tutto quello che ha, va vicino al gol con un buon colpo di testa Voto 6

Stancampiano: segna un gol facile facile ma stasera non è in giornata, ne sono testimonianza le punizioni calciate questa sera ben lontano dalla parta Voto 5,5

 

I Coloni – Ceva Logistics 4-5

Nella sfida dell’ultima giornata che metteva in palio il penultimo posto, Ceva Logistics bissa il successo dell’andata e sorpassa in classifica i Coloni. Eppure l’a prima parte del match è favorevole ai Coloni, che sbloccano il risultato con una combinazione Paolelli-Marzucca e al 10’ raddoppia con una ripartenza di Cioffi. Sullo slancio arriva anche il 3-0 di Dognini, con una rasoiata chirurgica. Il tempo di battere dal centro e Sabino riporta a meno due Ceva Logistics. Poco prima del riposo Monti a porta sguarnita firma il 4-1. Nella ripresa ribaltone del Ceva Logistics, che prima torna sotto con un tap-in di Scotto, poi impatta con Sabino e Pacchioni. Allo scadere ancora Sabino cala il tris personale, per il definitivo 5-4, che gli vale anche il premio di “man of the match”.

Le pagelle

I Coloni

Roggia: una paratona sull’1-0, poi può solo assistere al tracollo finale. Voto 6,5

Cioffi: timbra il 2-0, poi non riesce mettere a frutto la buona tecnica. Voto 6,5

Dognini: canta e porta la croce fino a quando il fiato regge: segna il 3-0 e apparecchia pure la tavola per il 4-1. Voto 7

Paolelli: senza infamia e senza lode, porge l’assist dell’1-0. Voto 6

Caruso: primo tempo impeccabile dietro, poi perde la bussola. Voto 5,5

Marzucca: apre le danze sbloccando il risultato. Poi s’infortuna e perde lo smalto. Voto 6

Monti: si fa ammonire e segna il 4-1, ma nel finale spreca troppo fiato a discutere. Voto 5,5

Brunner: dietro e sulla fascia prova a dare il suo contributo. Voto 6

 

Ceva Logistics

Chirico: non è un portiere di ruolo e si vede in occasione della frittata dello 0-3. Però poi si riscatta alla grande. Voto 6,5

Cappelletti: in difesa lotta come un leone e usa la ramazza quando serve. Voto 7

Deasti: tuttocampista su entrambe le fasce e da una mano pure dietro. Voto 6,5

Giannetto: porta legna preziosa alla causa. Voto 6

Luongo: cerca fortuna senza successo dalla lunga distanza. Voto 6

Pacchioni: griffa l’importantissimo 4-4. Voto 6

Panzeri: blinda la retroguardia nella ripresa, chiudendo tutti gli spifferi. Voto 7

Sabino: si carica la squadra sulle spalle con la tripletta della remuntada.Voto 8

Scotto: ha il merito soprattutto del gollonzo del 2-4. Voto 6

 

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 21^ Giornata

Tettenham-Real Fire 0-4

Convincente prova di Real Fire che supera in maniera agevole un Tettenham. Gara subito in discesa per Real Fire che al 2’ trova il vantaggio: conclusione di Bertuzzi respinta da Federici, De Rosa è il più rapido di tutti ad avventarsi sul pallone e a trovare il gol dell’1-0. Il Tettenham, colpito a freddo, ci mette un po’ a riorganizzarsi . Col passare dei minuti riesce, però, a costruire importanti occasioni da gol: al 10’ con il palo di D’Angelo, al 21’ con Citu e al 25’ con Peluso, ma la mira è imprecisa. Nella ripresa, Real Fire, complice l’esaurita reazione del Tettenham, diventa padrone del campo. Al 7’ trova il raddoppio con Jilavu, servito ottimamente da Petricelli; al 13’ arriva il tris, con una spettacolare combinazione Jilavu-De Rosa con quest’ultimo che batte Federici in uscita. Il 4-0 è opera ancora di Jilavu, che mette il punto esclamativo su una gara ben giocata dal Real Fire.

 

Le pagelle

Tettenham

Citu: alterna la sua posizione tra l’out di destra e quello di sinistra senza mai riuscire ad incidere. Si rende pericoloso solo su calcio piazzato. Voto 5

Colombini: soffre,soprattutto nella ripresa, la spinta offensiva degli avversari. Voto 5

Cesario: tiene bene il campo nella prima frazione, cala ,come tutta la squadra, nella ripresa. Voto 5,5

D’angelo:agisce in mezzo al campo con grinta ma poca precisione soprattutto in fase offensiva. Voto 5,5

Federici: i 4 gol subiti sono più frutto della bravura avversaria che di sue colpe, perché evita che il risultato si faccia più rotondo. Voto 6

Peluso: entra a gara in corso, posizionandosi in avanti. Si costruisce due importanti palle gol ben neutralizzate da Calegari. Voto 6

Nava: nel primo tempo tiene bene la posizione,nella ripresa gli avversari sfondano troppo facilmente dalle sue parti. Voto 5,5

Zulini: prova, sulla corsia di sinistra, a dare profondità all’azione dei suoi, ma la difesa avversaria ne vanifica l’iniziativa. Voto 5,5

 

Real Fire 

Battaglia: la difesa, questa sera, si dimostra impenetrabile e il merito è anche suo. Voto 7

Bertuzzi: con le sue lunghe leve dà vivacità all’azione sull’out di sinistra. Buona prova. Voto 6,5

Calegari: non particolarmente impegnato, compie però un miracolo nella ripresa quando intercetta una punizione calciata ottimamente da Citu. Voto 7

De Rosa: grinta,qualità e abilità sottoporta per una prestazione molto positiva. Voto 7,5

Jilavu: “man of the match”non eccezionale nel primo tempo, si scatena nella ripresa quando indirizza il match con due reti e uno spettacolare assist di tacco per De Rosa. Voto 7,5

Petricelli: non segna ma è prezioso nel ruolo di assist man: suo, infatti, il passaggio vincente per il raddoppio di Jilavu. Voto 6,5

Roccia: indispensabile in mezzo al campo, dove recupera molti palloni preziosi. Abile anche in fase di impostazione del gioco. Voto 6,5

Vastola: entra a partita iniziata, posizionandosi prima in avanti e poi nelle retrovie. Prezioso soprattutto quando si tratta di spezzare l’azione avversaria. Voto 6

D’Abbruzzi: come Vastola, entra a gara in corso cambiando più volte la sua posizione. Tiene bene in difesa le iniziative avversarie. Voto 6


Vighignolo – Milano Pirates 10-5

Nella penultima giornata Vighignolo stravince la sfida di alta classifica con Milano Pirates e centra il quarto successo di fila. Tre punti messi in cassaforte dai gialloneri con il 3-0 iniziale, griffato da un penalty trasformato da Pecorino, un tap-in di Fabio Berardi e il bis di Pecorino. I Pirati provano a reagire e Dagrada firma l’1-3, ma Foti cala il poker per Vighignolo. Il botta e risposta continua con il 5-1 di Fabio Berardi e la doppietta di Dagrada. Prima del riposo Vighignolo riallunga sul 7-4 con la quaterna di Pecorino, alle quale si oppongono il tris di Dagrada e il gol di Manenti. Ad inizio ripresa ancora l’implacabile Dagrada riporta sotto Milano Pirates (5-7), ricacciati indietro nel finale dalla cinquina di Pecorino e la tripla di Foti.

 

Le pagelle

Vighignolo

Stefano Berardi: incassa 5 gol, ma compie il suo dovere, senza dover ricorrere agli straordinari. Voto 6

Fabio Berardi: il braccio e la mente, corre per tre con la solita garra e mette lo zampino con la doppietta. Voto 7,5

Foti: “Man of the match” con una tripletta e un lavoro fondamentale sulla banda. Voto 8

Francani: se venissero conteggiati gli assist di questo campionato sarebbe probabilmente capocannoniere, lavorando al servizio dei compagni. Voto 7

Pecorino: il capocannoniere del girone fa ammattire i difensori avversari e spacca in due il match con la cinquina che porta a 64 il bottino in questo campionato. Voto 8

Perego: entra a gara in corso e da il suo contributo prezioso in fase difensiva. Voto 6,5

Maurizio Raffaele: mette sul piatto l’esperienza e le buone qualità difensive. Voto 6,5

Saverino: il capitano non è impeccabile sul gol del 5-7, ma per il resto fa il suo. Voto 6,5

 

Milano Pirates

Carfì: gioca acciaccato e non può far nulla contro gli scatenati avversari, incassando 10 gol senza particolari colpe. Voto 6

Bianchi: patisce le pene dell’inferno a contenere Pecorino e deve spesso ricorrere al fallo. Voto 5,5

Dagrada: prova invano a riportare in partita i suoi con una poker d’autore. Voto 7

Kolaj: si sbatte ma pure lui è al disotto degli standard abituali. Voto 5,5

Manenti: timbra il 4-6, ma in mezzo fatica a dettare i tempi. Voto 6

Paolo Marra: inizia procurando il rigore dello 0-1 e poi non riesce a riprendersi. Voto 5,5

Stefano Marra: fa le veci dell’assente bomber Impagnatiello ma non riesce a incidere. Voto 5,5
 

Settimo – El Puma Team 10-3

Settimo s’impone d’autorità su El Puma team e si issa da solo al secondo posto. Settimo approccia a tutta la sfida di alta classifica fra due squadre decimate e vola sul 3-0 con la doppietta di Elia e la segnatura di Marino. El Puma Team, priva del bomber Maderna, ha un sussulto d’orgoglio e prima del riposo torna sotto con l’ambo di Viganò, che prima sfonda la rete su punizione, poi raccoglie un invito di Murgia. Ad inizio ripresa il Settimo riallunga sul 5-2 con due zuccate di Gavani. Rotto l’argine Settimo sale sull’ottovolante con la doppietta di Corani e lo scatenato Gavani. Nel finale Viganò aziona la tripletta per El Puma Team, poi Settimo va in doppia cifra con la cinquina di Gavani.

Le pagelle

Settimo

Novelli: serata tranquilla, nella quale deve sbrigare solo l’ordinaria amministrazione. Voto 6,5

Corani: detta i tempi in mezzo al campo e timbra la doppietta. Voto 7

D’Onofrio: gestisce con buona autorità la propria zolla difensiva. Voto 6,5

Damiani: blinda la retroguardia con qualità e personalità. Voto 7

Elia: co-protagonista della goleada con la doppietta che apre le danze. Voto 8

Gavani: sicario spietato con la cinquina che spacca in due il match. Voto 8,5

Marino: mette lo zampino sul 3-0, coronando una buona prestazione. Voto 7

 

El Puma Team

Corradini: inizia con qualche buon intervento, poi naufraga insieme ai compagni. Voto 5,5

Antoniazzi: il capitano non riesce a ripetere altre buone prestazioni e commette numerosi errori difensivi. Voto 5,5

Colombo: si divora due gol nel primo tempo e non riesce più a trovare la bussola. Voto 5,5

Conversa: in mezzo e sulla fascia è costantemente in difficoltà. Voto 5,5

Dubla: commette due falli iniziali e viene ammonito, poi non riesce ad arginare lo Tsunami. Voto 5,5

Antonio Fumarola: N.E.

Ivan Fumarola: il talentino entra a gara iniziata ma non può fare miracoli. Voto 6

Iorio: acciaccato cerca di gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma non è serata dietro. Voto 5,5

Murgia: innesca il 2-3, ma non riesce con in suoi piedi educati a invertire il trend negativo. Voto 6

Viganò: fa il suo dovere con l’inutile tripletta. Voto 7

CEVA LOGISTICS – AUTOSALONE TESTORI 5-10

CRONACA:

Dopo un primo tempo di grossa sofferenza, con un ottimo Ceva che era riuscito a portarsi in vantaggio, nella ripresa esce fuori il valore della capolista che compie il sorpasso e mette poi al sicuro il risultato grazie alla classe di Mastrogiacomo.

La partita inizia con un clamoroso autogol da parte di Giannetto che non si capisce con Sabino e di testa deposita nella sua rete. Al 12’ Pacchiarini coglie un clamoroso palo con un sinistro da fuori area, due minuti dopo Lipiani segna il raddoppio dopo un bel triangolo con Mastrogiacomo. Da qui inizia uno show personale di Chirico che nel giro di 5 minuti segna tre reti uno più bella dell’altra. La prima con un destro secco da fuori, la seconda con un tiro all’incrocio dal limite dell’area, la terza addirittura con un meraviglioso tiro al volo su assist al bacio di Pacchioni. Il Ceva cerca di difendere il vantaggio ma al 23’ Mastrogiacomo con un destro violentissimo riporta la gara in parità.

La ripresa si apre con il sorpasso di Autosalone Testori ancora con Mastrogiacomo che di testa è abile a sfruttare una carambola in area di rigore. Il Ceva però col cuore trova ancora il pareggio con lo stoico Chirico che trova il modo di girarsi e tirare un destro bellissimo nel sette. Questo gol però risveglia la voglia di vincere della capolista che nel giro di 6 minuti piazza quattro gol, al 6’ con Lipiani, all’8’ e al 11’ con Mastrogiacomo e al 12’ con Riva. C’è tempo per un'altra giocata d’antologia di Chirico che sfiora il pokerissimo personale con una spettacolare rovesciata e per la doppietta di Ravera abile a tirare un bel destro dalla distanza e a realizzare un rigore da lui stesso procurato. La partita si conclude come era iniziata, vale a dire con un autorete stavolta di Autosalone Testori realizzata dallo sfortunato Pacchiarini.

Vince la capolista, soffrendo, si deve dare onore al Ceva che ha provato in tutti modi a render dura la vita a una squadra superiore dal punto di vista fisico-tattico.

 

PAGELLE:

CEVA

 

Sabino Vincenzo: subisce 10 gol ma compie davvero tante buone parate ed evita un passivo più pesante Voto 6.5

Panzeri: salva un gol sulla linea ma non ne evita tanti altri, prestazione comunque positiva Voto 6

Giannetto: realizza una sfortunata autorete che infanga una prova generosa Voto 5.5

Pacchioni: spinge tanto e realizza un bellissimo assist per il gol capolavoro di Chirico Voto 6.5

Luongo: prova generosa e di carattere, cerca anche il gol con poca fortuna Voto 6

Crippa: si sacrifica tanto anche in fase di copertura, fa qualche buona sponda Voto 6,5

Sabino Salvatore: buona prova, tanta corsa e sacrificio Voto 6

Chirico: segna 4 gol meravigliosi, si mette sulle spalle tutta la squadra e accarezza l’idea di compiere un impresa. Si guadagna la palma di man of the match con una prestazione pazzesca Voto 8

 

AUTOSALONE TESTORI

 

Testori Nicholas: si vede che non è un portiere di ruolo ma compie qualche buona parata Voto 6

Testori Oreste: sposa la causa giocando un tempo intero per necessità non demeritando affatto Voto 6.5

Imbriaco: spinge tanto sulla fascia ma incide poco oggi Voto 6

Ravera: si sveglia nella ripresa segnando i due gol finali e saltando più volte quasi tutta la retroguardia Ceva Voto 6.5

Riva: segna un bel gol premio di una buona prestazione in fase di spinta Voto 6.5

Pacchiarini: coglie un gran palo, realizza una sfortunata autorete ma se la cava discretamente in difesa Voto 6

Lipiani: solita grande prestazione del centrocampista, segna, fa segnare, leader vero Voto 7,5

Mastrogiacomo: sbaglia tantissimi gol ma alla fine ne realizza comunque 4 decisivi al fine del risultato Voto 7

 

AC Tenuta Carretta - I Coloni 10-3 

Partita nei primi minuti di gioco equilibrata con un botta e risposta immediato tra le due squadre; dopo pochi minuti sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio, ma la risposta degli ospiti è immediata e trovano l'1-1. Da li a poco sono ancora i padroni di casa a riportarsi in vantaggio e iniziano a far capire che nella loro ultima gara della stagione vogliono portare a casa i tre punti. Il primo tempo termina con Tenuta Carretta in netto dominio che chiude la prima frazione sul 5-1.
Nella ripresa il copione non cambia coi Coloni che provano a trovare il gol con alcune ripartenza, ma il pallino del gioco resta nei piedi della squadra di casa che controlla senza problemi la gara e la chiude sul 10-3.

Tenuta Carretta 
Cantini: 2 gol e altre occasioni, per uno che è solo alla sesta partita stagionale per infortuni vari veramente tanta roba, voto 7,5.
Italia: doppietta anche per lui e tanto lavoro per la sqadra, voto 7.
Lombella: tra i pali una sicurezza, voto 7.
Marugi: buona prestazione anche per lui, unisce quantità e qualità, voto 6,5.
Merligli altri segnano e lui fa il lavoro sporco, voto 7.
Mileto: ottima prestazione con anche un gol come ciliegina sulla torta, voto 7.
Petrazzini: nelle serate delle doppiette non poteva mancare la sua, voto 7.
Restivo: voleva differenziarsi dalle doppiette compagni e spiccare su tutti, con la sua tripletta ci è riuscito, voto 7,5.
Spinelli: ultimo ma non per prestazione sta in campo con l'esperienza di un veterano e sbaglia poco e niente, voto 7.


I Coloni
Marzucca: serata non fortunata per la sua squadra, va premiato l'impegno e alcune buone giocate, voto 6.
Paolelli: anche per lui tanto impegno, ma la serata perfetta degli avversari ha messo in crisi tutta la sua squadra, voto 6.
Dognini: in una serata no riesce a trovare uno dei tre gol della sua squadra, voto 6,5.
Cormio: nonostante la giovane età sta in campo come un giocatore esperto e trova anche il gol, voto 6,5.
Cioffi: ultimo giocatore della squadra a trovare la gioia del gol ieri sera, voto 6,5.
Vercellone: non riesce a trovare nei compagni l'aiuto necessario per ribaltare la partita, voto 6.
Brunner: il più giovane del match non fa vedere la differenza di età rispetto agli altri e gioca una partita sufficiente, voto 6.
Roggia: come i suoi compagni viene piegato dallo strapotere degli avversari in serata di grazia, voto 6.

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 20^ Giornata

 

Autosalone Testori - Tenuta Carretta 4-1

Gara più dura del previsto per la capolista Autosalone Testori. Merito del Tenuta Carretta che per tre quarti del match tiene testa ai più quotati avversari. Il primo tempo si apre con il capolavoro balistico del protagonista della serata, Simone Lolli. Il numero 7 del Testori prende palla sulla trequarti, evita il marcatore con un doppio passo e con il destro trova l’angolino sotto l’incrocio dei pali. Il Testori ha più occasioni per raddoppiare ma la bravura di Lombella, in serata di grazia, e l’imprecisione dei suoi, chiudono la prima frazione sull’1-0.  La ripresa si apre con l’immediato raddoppio della capolista, ancora con Lolli abile a battere Lombella dopo essersi liberato con un pregevole dai e vai. A questo punto il Tenuta Carretta sfodera un’inaspettata reazione: prima ,al 10’, dimezza lo svantaggio con Petrazzini lesto a raccogliere un tiro-cross di De Falco, poi sfiora il pareggio in almeno due occasioni. Ma la legge del calcio è implacabile: gol sbagliato-gol subito e lo scatenato Lolli, al 20’ e al 25’, sigla il definitivo 4-1.

 

Tenuta Carretta

De Falco: in difficoltà sulla velocità di Lolli, impreziosisce la sua prestazione con l’assist vincente a Petrazzini. Voto 6

Di Capua: buona prova sull’out di destra , soprattutto nella ripresa quando non disdegna l’iniziativa offensiva. Voto 6,5

Lombella: prestazione strepitosa: tiene in vita i suoi nel primo tempo con almeno 3 parate decisive. Si riconferma nella ripresa. Del tutto incolpevole sui 4 gol. Voto 7,5

Merli: prova di quantità in mezzo al campo, dove riesce a tenere testa all’abilità di palleggio del Testori. Voto 6,5

Mileto: spreca l’occasione dell’ 1-1 quando,nel primo tempo, non riesce a spingere in rete un cross al bacio di Di Capua. Meglio nella ripresa, quando viene spostato in mezzo al campo. Voto 6

Petrazzini: si traveste da bomber d’area ,quando raccoglie il cross di De Falco per l’1-1. Sfiora anche il pari. Voto 6,5

Spinelli: soffre, come il suo compagno di reparto, l’imprevedibilità di Lolli. Serata non facile. Voto 5,5

 

Testori

Esposti: è ovunque a centrocampo: va sul portatore avversario, recupera palloni, imposta la manovra. Onnipresente. Voto 7

Lolli: “man of the match”, toglie non poche castagne dal fuoco ai suoi con 4 gol di pregevolissima fattura per una prestazione sontuosa. Voto 8

Mazzocchi: ingabbiato nel primo tempo dalla compattezza difensiva degli avversari, si riscatta nella ripresa quando si rende più volte pericoloso. Voto 6,5

Ravera: poco impegnato nel primo tempo, è attento nella ripresa a sbarrare la strada al pareggio avversario. Voto 6,5

Riva: dà le geometrie di gioco alla squadra , ma non disdegna anche gli inserimenti per vie centrali. Voto 7

Nicholas Testori: sicuro nelle chiusure difensive, dà una mano ai suoi in fase di impostazione. Voto 7

Testori Oreste: N.E.

Varaldi: si posiziona sull’out sinistro dove fatica non poco nel primo tempo a trovare profondità. Nella ripresa, quando si aprono gli spazi, si rende più pericoloso. Voto 6

 

TETTHENAM – CEVA LOGISTICS 4-1

Buona prova dei padroni di casa che si impongono con un netto 4-1 sul Ceva. Dopo un primo tempo un po’ sottotono il Tettenham nella ripresa si sveglia e riesce ad allargare il proprio vantaggio sugli avversari.

La prima frazione si apre con una grande occasione capitata sui piedi di Chirico che, solo davanti a Federici, lo supera con un pallonetto, ma trova Colombini a respingere di testa sulla linea. Al 10’ è invece Citu che dopo aver saltato un avversario, supera Sabino con un perfetto lob ma trova l’intervento di Luongo che in rovesciata salva la sua porta. Al 18’ arriva il gol che apre il tabellino: Citu avanza indisturbato e dal limite dell’area lascia partire un preciso rasoterra angolato che vale l’1-0. Poco dopo Cesario scaglia un gran destro dalla distanza che coglie però il palo,

La ripresa si apre con un gran tiro di Panzeri, di sinistro, che termina di poco a lato. Al 10’ arriva il raddoppio Tettenham con un fortunoso tiro cross di D’Angelo che sorprende Sabino e si infila in porta. Pochi minuti dopo è il turno ancora di Citu che dalla fascia destra si accentra e con un bellissimo destro a giro trova il gol del 3-0. Al 16’ arriva il gol ospite, Cappelletti pennella un corner perfetto sulla testa di Pacchioni che insacca nell’angolino. L’ulitmo sussulto del match arriva al 21’ quando Citu completa la sua tripletta con un tiro, non troppo insidioso, che coglie però impreparato il portiere ospite e vale il 4-1 finale.

Le pagelle

TETTENHAM

Federici: partita in cui non deve compiere particolari parate, attento nelle uscite Voto 6
Citu: segna tre gol che gli valgono il man of the match, leader e trascinatore della squadra. Voto 7,5
Colombini: ottimo partita, splendido il suo salvataggio di testa a inizio partita Voto 6,5
Cova
: corre tantissimo e si disimpegna bene in entrambe le fasi. Voto 6
D’Angelo: spinge tanto sulla sua fascia, trova un gol fortunoso ma meritato. Voto 7
Giacquinto
: si rende spesso pericoloso anche se dovrebbe tirare di più. Voto 6
Nava: uno dei leader della difesa, guida il reparto con sicurezza Voto  6,5
Cesario: buona gara, meriterebbe il gol con un tiro bellissimo che però trova il palo Voto 6,5
Sozzari: 
gioca con tranquillità e non commette sbavature Voto 6,5
Rocco: si alterna tra difesa e attacco non demeritando in nessun reparto. Voto 6
Zulini: cerca spesso la conlcusione o il passaggio filtrante per il compagno, buona prova Voto 6,5

 

CEVA LOGISTICS

Sabino: ha responsabilità sul 2’ e 4’ gol ma non è un portiere di ruolo e fa quel che può Voto 5,5

Cappelletti: partita volenterosa, non demorde mai e trova un pregevole assist da angolo Voto 6,5

Giannetto: cerca di contenere l’attacco Tettenham, fa qualche buona chiusura Voto 6

La Notte: gara condizionata dall’infortunio che ne compromette la prestazione Voto 6

Pacchioni: partita contraddistinta da una perfetta incornata che vale il gol della bandiera Voto 6,5

Luongo: compie un prodigioso salvataggio in rovesciata sulla linea Voto 6

Panzeri: cerca di rendersi spesso pericoloso dalla distanza ma con risultati scarsi Voto 5,5

Chirico: fa tanto movimento ma non riesce ad essere incisivo sotto porta questa sera Voto 5,5

 

I COLONI – GNU TEAM

 

Straordinaria impresa dei Coloni che con una meravigliosa rimonta superano lo Gnu Team con un roboante 6-5. Protagonista assoluto del match Dario Dognini, man of the match, con un poker spettacolare.

La partita inizia con la spinta degli ospiti che al 5’ si portano in vantaggio con tiro preciso di Stancampiano che col suo sinistro infila il pallone all’angolino. Passa un minuto e arriva il raddoppio con Radino molto abile a rubare palla, saltare una avversario e depositare il pallone in rete con un bel diagonale mancino. Un minuto dopo ancora Stancampiano riceve palla al limite dell’aerea e scarica un siluro sotto l’incrocio. Lo 0-3 sembra indirizzare la partita verso lo Gnu Team ma Dognini al 9’ riapre i giochi con uno splendido destro angolato. Radino prova a richiuderla con un sinistro preciso e potente da appena fuori aerea ma al 18’, dopo che qualche minuto prima Iurato aveva salvato su Dognini, lo stesso numero 4 dei Coloni riapre ancora il  match con un bel piatto destro su assist di Cioffi.  Il primo tempo si conclude con una doppia clamorosa occasioni dei padroni di casa che vedono Cioffi prima saltare mezza difesa e concludere sul portiere, poi sugli sviluppi del corner colpire di testa da due passi ma mandare il pallone a lato.

La ripresa si apre subito con il botto. Monti salta praticamente tutto lo Gnu team e con un precisissimo sinistro rasoterra trova l’angolino che vale il 3-4. Passa un minuto e Paolelli trova il pari con un gol pazzesco, da terra in scivolata riesce a trovare la porta e a segnare il 4-4. Lo stesso Paolelli qualche istante dopo ha la palla del sorpasso ma Iurato si supera e dice no. All’11 Radino salta lui tutta la difesa Coloni e di sinistro trova un meraviglioso gol che vale il 4-5. I Coloni però non demordono e vanno all’assedio, rischiano in contropiede ma Casale si supera su Stancampiano a 5 minuti dalla fine. Al 24’ durante una mischia la palla arriva sui piedi di Dognini che scaglia un potente destro nel sette e sigla il 5-5. Ma i ragazzi di casa vogliono l’impresa e attaccano ancora alla disperata ricerca del gol vittoria. Gol vittoria che arriva al 25’ ancora con lo straordinario Dognini che concretizza al meglio un triangolo con Monti e rende realtà una rimonta fantastica e meritata.

 

I Coloni

Casale: molto buona la sua prestazione, sempre sicuro nelle uscite, compie buone parate Voto 6

Brunner: gara di sacrificio e di sostanza, difende spesso da solo ma tiene botta Voto 6,5

Monti: segna un gol meraviglioso in azione personale, sa sempre cosa fare col suo mancino Voto 7

Conserva: gioca poco costretto a uscire per infortunio ma finchè resta in campo da un contributo preziosoVoto 6,5

Roggia: difensore inesauribile, si spinge anche in fase offensiva e sfiora il gol in due occasioni. Voto 6,5

Paolelli: segna un gol pazzesco, da terra, si sacrifica tantissimo e gioca una gran partita Voto 7

Cioffi: grande prova oggi, corre senza mai fermarsi, pennella assist e grandi giocate Voto 6,5

Dognini: da il via alla rimonta con due gol pregevoli, la termina con due reti di volontà premio di una gara eccezionale, il primo a credere nell’impresa, partita da incorniciare per il man of the match di questa sera Voto 9

Marzucca: oggi non segna ma fa tanto movimento e gioca di sponda per i compagni, prezioso contributo Voto 6,5

 

Gnù Team

Avanzini: corre tanto sulla fascia e si sacrifica ma si vede poco in fase di spinta. Voto 5,5

Costanzo: prova di carattere, da la carica ed è l’ultimo ad arrendersi. Voto 6

Guacci Alfredo: gioca bene e si crea diverse occasioni per andare al tiro ma è troppo impreciso oggi. Voto 6

Iurato: compie diverse parate importanti ma non riesce ad evitare la sconfitta Voto 6

Radino: partita meravigliosa la sua, segna una tripletta colpendo a ripetizione col suo magico sinistro ma non basta a portare i suoi alla vittoria Voto 7,5

Liotta: gara volenterosa ma soffre la maggior velocità del centrocampo dei Coloni Voto 5,5

Stancampiano: segna due belle reti ma nella ripresa perde precisione e non riesce più a incidere sottoporta. Voto 6,5

 

Milano Pirates – El Puma Team 5-2

Milano Pirates fa suo il big-match della terz’ultima giornata contro El Puma Team e aggancia in vetta Settimo (che ha riposato) e Autosalone Testori, impegnato venerdì 1 aprile nel posticipo contro Tenuta Carretta. El Puma Team approccia meglio la sfida del Baggio, sbloccando il risultato al 5’ con un tiro di Viganò e deviazione sotto porta di Maderna. Milano Pirates replica con la prima gemma di Impagnatiello, ma El Puma Team riallunga con una bomba da fuori area di Colombo. Prima del riposo i pirati riequilibrano di nuovo il risultato con il bis di Impagnatiello. Nella ripresa Milano Pirates piazza il break decisivo  con un parziale 3-0 griffato dalla tripletta del bomber Impagnatiello e il 5-2 completato dai centri di Kolaj e Paolo Marra.

Le pagelle

Milano Pirates

Carfì: bucato due volte nel primo tempo, poi abbassa la saracinesca mantenenendo lo shout out con parecchi interventi Doc. Voto 7,5

Bianchi: perde la palla sanguinosa che costa l’1-2, poi si riscatta con un grande secondo tempo. Voto 7

Dagrada: fa legna in mezzo al campo, anche se non sempre con la dovuta precisione. Voto 6,5

Impagnatiello: “Man of the match”, si carica la squadra sulle spalle portandosi a casa il pallone con una tripletta sontuosa, divorandosi anche il poker nella ripresa. Voto 8

Kolaj: timbra l’importantissimo 3-2, che corona una buona prestazione di lotta e di governo. Voto 7

Manenti: spinge con profitto sulla fascia e prova anche invano la via del gol. Voto 6,5

Paolo Marra: cala la cinquina ed è co-protagonista anche sul 3-2 di Kolaj. Voto 7

 

El Puma Team

Corradini: non impeccabile sul 2-3, per il resto para tutto il parabile. Voto 6,5

Antoniazzi: il capitano ci mette l’esperienza, ma fatica ad arginare lo scatenato Impagnatiello. Voto 6

Colombo: confeziona il 2-1, poi sfiora la doppietta e nel finale non riesce più a incidere. Voto 6,5

Conversa: si presenta a gara iniziata e impiega una decina di minuti per completare il rodaggio, ma resta al disotto degli standard abituali. Voto 6

Fumarola: gioca i primi dieci minuti, nei quali si danna l’anima  da pivot al servizio dei compagni. Voto 6

Iorio: approccio autoritario, poi pure lui fatica a contenere Impagnatiello. Voto 6

Maderna: l’emergenza in attacco lo costringe a giocare più arretrato, ma riesce a piazzare la zampata che sblocca il risultato. Voto 6,5

Viganò: inizia a tutta e da il la al primo gol. Poi si spegne come una candela. Voto 6,5

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 19^ Giornata

Milano Pirates - Real Fire 6-2

Non è stata una passeggiata per i lanciatissimi Milano Pirates che riescono a portare a casa 3 punti sudatissimi , contro un’ottima Real Fire. Eppure la gara si era messa subito in discesa per i Pirates: al 2’ il tap-in di Kolaj e all’11 la rete di Marra, dopo una serie di dribbling sulla destra, portano il risultato sul 2-0. Ma al 20’, in maniera un po’ fortunosa, Real Fire riapre il discorso: sul destro di Giuseppe Battaglia, la respinta di Carfì colpisce la schiena di De Rosa, con la palla che supera beffardamente la linea di porta. Due minuti più tardi i Pirates ristabiliscono la doppia distanza, con una rasoiata dal limite di Impagnatiello. Ma allo scadere il Real si fa di nuovo sotto con un destro di Bertuzzi dal limite. La ripresa si mantiene equilibrata anche se il Real paga la poca lucidità sottoporta. Ne approfittano così i Pirates che vanno in rete in altre 3 occasioni: al 5’ con un colpo di testa di Marra, al 10’ e al 15’ con la doppietta di Celant, per il definitivo 6-2.

Real Fire

Giuseppe Battaglia: soffre in difesa l’iniziativa di Impagnatiello. Meglio in fase offensiva, dove si rende più volte pericoloso. Voto 6

Vastola: entra nella ripresa, quando la spinta dei suoi era già in esaurimento. Voto 6

Bertuzzi: sulla sinistra è una spinta nel fianco per i Pirates.Trova anche il bel gol del 3-2. Voto 6,5

Calegari: poco reattivo solo in occasione del 5-2. E ‘ miracoloso però in almeno altre 4 occasioni. Voto 6,5

De Rosa: decisamente il migliore dei suoi. Attento in fase difensiva e inesauribile nelle sue galoppate in avanti . Voto 7

Jilavu: garantisce buona qualità sulla trequarti, anche se a con scarsa continuità. Voto 6

Abbruzzi: buona prova là davanti, ma con qualche errore di troppo. Voto 6

Petricelli: bravo a tenere palla e a far salire la squadra, poco lucido sottoporta in un paio di occasioni. Voto 6

Roccia: partita generosa in mezzo al campo. Sfortunato nel finale quando centra il palo con una bella conclusione dal limite.  Voto 6,5

Santelia: lotta in mezzo al campo e si rende pericoloso con qualche buona conclusione. Voto 6

Distaso: agisce sull’out di destra con buona spinta e qualche buon ripiegamento difensivo. Voto 6

 

Milano Pirates

Bezzi: soffre soprattutto ad inizio match la vivacità offensiva degli avversari. Meglio nella ripresa. Voto 6

Carfì: colpevole in occasione del primo gol degli avversari, quando respinge male la conclusione dal limite. Si riscatta con qualche buon intervento. Voto 6

Celant: “man of the match” entra a gara in corso, ma lascia il segno con due pregevolissimi gol nella ripresa. Voto 7

Dagrada: buona prova in mezzo al campo, dove a una buona tecnica, unisce tanta corsa. Voto 6,5

Impagnatiello: meno brillante del solito, lascia comunque il segno con il gol del 3-1. Voto 6

Kolaj: anche per il numero 10 dei Pirates la serata non è delle migliori: pochi gli spunti di qualità. Ha comunque il merito di sbloccare la partita. Voto 6

Manenti: fa coppia in difesa con Bezzi, riuscendo,in gran parte, a neutralizzare le iniziative offensive del Real. Voto 6,5

Marra: si posiziona sulla sinistra dove gioca una buona partita , aumentando la pericolosità offensiva dei suoi. Voto 6,5

 

SETTIMO CALCIO  - I COLONI 14-4

Festival del gol stasera con un roboante 14-4 del  Settimo che strapazza i giovani ma volenterosi Coloni. Mattatore del match Francesco Gavani autore di un poker e innumerevoli assist determinanti al fine del roboante punteggio.

Dopo due belle parate di Casale su Gavani e Corani, i due giocatori iniziano un loro personale show tra il 7’ e il 12’ confezionando ben 4 reti in 5 minuti. Ad aprire le marcature è Corani con un sinistro angolato su assist di Gavani, il quale si rende protagonista di due reti subito dopo, la prima al termine di un bel dribbling concluso con un sinistro potente sotto la traversa, la seconda facile dopo aver vinto un rimpallo.  Il 4-0 è ancora di Corani che chiude alla perfezione un triangolo con lo scatenato numero 21.

La partita non conosce pause e al 13’ Monti di testa segna un facile tap-in dopo che Marzucca aveva colto una clamorosa traversa con un bellissimo destro a giro. Nel giro di due minuti però Settimo sigla il quinto e sesto gol prima con Gavani, bellissimo sinistro al volo, poi con Marino che batte il portiere con un preciso rasoterra di destro.  Al 16 arriva il 6-2 di Dognini con un bellissimo destro, potente e preciso, che viene ripetuto un minuto dopo anche se questa volta la conclusione si stampa sul palo. Dopo una traversa di Corani l’ultimo sussulto del primo tempo è il 7-2 siglato da Arcerito su assist del sempre più scatenato  Gavani.

Il secondo tempo si apre con una prodezzo di Elia che salta tutta la difesa ospite, mette a sedere il portiere e di tacco deposita in rete l’8-2. Un minuto dopo è il turno di Arcerito che a porta vuota segna il 9-2, assistito da Elia. Il numero 90 in questa occasione si infortuna per un colpo fortuito ricevuto al momento del tiro ed esce tra gli applausi dei compagni. I Coloni tornano a farsi sotto e trovano il 9-3 con un bel colpo di testa di Marzucca su assist di Brunner. Ma lo show del Settimo non è ancora finito e arrivano al gol Elia, Di Viesti, Corani con un altro spettacolare colpo di tacco e il solito  Gavani. Monti segna il 13-4 ospite con grinta e volontà ma la partita viene definitivamente conclusa dal 14-4 di Marino che chiude il match.

PAGELLE

Settimo Calcio

Sicolo: può ben poco sui gol presi, quasi mai impegnato dagli ospiti Voto 6

Lo Schiavo: partita tranquilla stasera, non corre particolari pericoli Voto 6

Marino: ottima partita, condita da due gol e tanta corsa Voto 7

Arcerito: domina la fascia, segna e fa segnare, costretto a uscire per infortunio Voto 7

Di Viesti: giganteggia nella sua zona di campo, si toglie lo sfizio di entrare nel tabellino Voto 6,5

Elia: il gol di tacco scartando da solo tutta la difesa è una giocata da stropicciarsi gli occhi, il talento non gli manca Voto 7,5

Corani: partita eccellente, si intende alla perfezione con Gavani, fa gol, assist, si diverte Voto 7,5

Gavani: oggi fa quello che vuole, segna un poker, colleziona 4 assist, entra in quasi tutte le reti della sua squadra. Man of the Match che gli spetta di diritto Voto 8,5

 

I Coloni:

Casale: incassa 14 gol ma para tutto ciò che può Voto 6

Brunner: soffre tanto Gavani e Corani, confeziona un assist al bacio per Marzucca Voto 6

Monti: il più determinato dei suoi, segna due reti, gioca in tutti i ruoli, si sacrifica Voto 7

Cormio: gara difficile, sulla sua strada trova Corani e la sfida la vince il giocatore del Settimo Voto 5,5

Cioffi: anche lui soffre il gioco e le combinazioni del Settimo, prova a metter pezze dove riesce Voto 5,5

Dognini: quando riesce a portarsi la palla sul destro è sempre temibile; un gol, un palo ma non basta Voto 6,5

Marzucca: segna un bellissimo gol di testa, si propone spesso in avanti ma viene sempre ben contenuto dalla difesa del Settimo Voto 6

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 18^ Giornata

Real Fire- Ceva Logistics : 3-2

Altalena di gol ed emozioni tra il Real Fire e il Ceva Logistics. Prima frazione che si apre con il fulmineo vantaggio del Ceva con Panzeri che finalizza una bella azione personale. Il Real Fire, colpito a freddo, prova ad organizzare una reazione; ma Jilavu al 7’ e Bertuzzi al 12’ trovano la risposta di un attento Giuseppe Chirico. Così, sul finire del primo tempo, il Ceva raddoppia con un magistrale contropiede ben finalizzato da Nicholas Chirico. Nella ripresa il Real Fire entra in campo con un piglio diverso. Ed al 5’ accorcia subito le distanze: Abbruzzi trova l’esterno destro vincente,dopo un batti e ribatti in area. Il Ceva non riesce ad alzare il baricentro e Il Real ne approfitta per trovare il pari: al 15’ De Rosa trova l’angolino con una bella conclusione dalla trequarti. Ma non finisce qui perché,nei minuti finali, si compie la clamorosa rimonta: Bertuzzi servito in area batte Chirico in uscita, per il definitivo 3-2.

Le pagelle

Real Fire

Battaglia Giuseppe:guida la difesa con autorevolezza e senso della posizione. Voto 6,5

Battaglia Pasquale:contiene efficacemente le iniziative avversarie. Voto 6

Bertuzzi:ineusaribile sulla fascia sinistra, trova anche il gol del sorpasso. Voto 6,5

Calegari:buona prova tra i pali. Incolpevole sui gol, attento in altre occasioni. Voto 6

De Rosa:”man of the match”. Sempre preciso negli interventi quando si tratta di difendere,si dimostra abile anche in fase offensiva trovando il gol del pareggio. Voto 7

Jilavu:parte bene in mezzo al campo quando si rende pericoloso in un paio di circostanze. NELLA RIPRESA SI POSIZIONA IN UN RUOLO Più AVANZATO SENZA,TUTTAVIA, INCIDERE. Voto 6

Abbruzzi:ha il merito di trovare il gol ,ad inizio ripresa, che riapre il match. Voto 6,5

Petricelli:ingabbiato nella morsa di Giannetto e La Notte , fatica a trovare la posizone giusta e a rendersi pericoloso. Voto 6

Roccia:entra nella ripresa ed è determinante nel dare la scossa ai suoi per l’inizio della clamorosa rimonta. Voto 6,5

Santelia:agisce sull’out di destra , aumentando il suo apporto offensivo con il passare dei minuti. Voto 6,5

 

Ceva Logistics

Chirico Giuseppe:miracoloso in più di un’occasione, del tutto incolpevole sui 3 gol avversari. Voto 7

Giannetto:buona prova difensiva soprattutto nel primo tempo. Voto 6

La Notte:fatica nella ripresa ad arginare le iniziative degli avversari.Voto 5,5

Luongo:regge bene fino a metà gara. Nella ripresa non riesce a tenere le iniziative del Real . Voto 5,5

Panzeri: pronti via e trova l’immediato vantaggio dei suoi. Si mantiene lucido e preciso per tutto il match. Voto 6,5

Sabino Salvatore:buona prova nel primo tempo quando insidia più volte la porta avversaria. Nella ripresa patisce il calo della squadra. Voto 6

Sabino Vincenzo:inizia bene , in una posizione più arretrata del solito. Esce a metà primo tempo per infortunio. Voto 6

Chirico Nicholas:il migliore dei suoi: cambia spesso posizione ma mantiene invariato il suo coefficiente di pericolosità. Voto 7

Tettenham - Gnù Team : 3-1

Gara giocata sul sottile filo dell’equilibrio tra Tettenham e Gnù Team, nella diciottesima  giornata del Gazzetta Football League. Le ostilità si aprono con un’occasione per parte: all’8’ Citu centra il palo con un destro dalla distanza: al 12’ lo imita Radino, che si libera del suo diretto marcatore e scarica verso la porta avversaria, colpendo il palo. Citu e Radino sono ancora protagonisti qualche minuto più tardi: al 15’ il numero 5 dello Gnù Team, dopo una caparbia azione di sfondamento in area, si gira verso la porta e batte Federici con un preciso diagonale. Al 20’ il numero 10 del Tettenham sigla il pari, con una spettacolare punizione che lascia pietrificato Iurato. Partita in bilico anche nella ripresa. Al 15’però, D’Angelo spezza l’equilibrio, battendo Iurato in uscita. Chiude i conti Citu ancora su calcio di punizione, questa volta rasoterra, per il definitivo 3-1.

 

Le pagelle

Tettenham

Citu: “Man of the match” è decisivo con due calci piazzati. Con lui in campo il coefficiente di  pericolosità aumenta. Voto 7,5

Colombini: argina efficacemente i tentativi di Stancampiano. Voto 6,5

Cova: agisce sull’out sinistro, collezionando qualche buona giocata . Voto 6,5

D’angelo: rapace d’area quando nella ripresa, batte Iurato e risolve un match complicato. Voto 7

Federici: incolpevole sul gol di Radino, si mette in luce nel finale, quando neutralizza un tiro a botta sicura di Stancampiano. Voto 6,5

Giaquinto: entra a gara in corso e non fa mai mancare la sua pericolosità in avanti. Centra un palo su punizione. Voto 6,5

Rocco: si alterna con D’angelo in mezzo al campo. Soffre il dinamismo di Radino. Voto 6

Zulini: libero di svariare sull’out di destra, garantisce qualità in avanti e continui ripiegamenti difensivi. Voto 6,5

Nava: soffre le incursioni di Radino nel primo tempo. Acquista sicurezza nella ripresa. Voto 6

 

Gnù Team

Avanzini: soffre la qualità degli avanti avversari. Non riesce a rendersi pericoloso nemmeno in fase offensiva. Voto 5,5

Costanzo: soffre le giocate e la qualità di Nicu. Gara comunque generosa. Voto 6

Guacci Alfredo: parte bene in mezzo al campo, dove con Radino mette più volte in difficoltà la retroguardia del Tettenham. Sfortunato, a fine primo tempo quando è costretto ad uscire per infortunio. Voto 6,5

Guacci Riccardo: entra sul finire del primo tempo per sostituire il compagno infortunato. Posizionato sulla destra, non riesce a garantire pericolosità davanti. Voto 5,5

Iurato: beffato dalle due punizioni di Citu e dalla freddezza di D’Angelo, si esibisce in qualche altro buon intervento. Voto 6

Radino: il più brillante tra i suoi: centra un palo, sigla la rete dell’illusorio vantaggio e garantisce grande corsa su tutto il campo. Voto 7,5

Rossi: posizionato al centro della difesa, disputa una buona gara . Non a caso 2 dei 3 gol degli avversari arrivano direttamente da calcio piazzato. Voto 6,5

Stancampiano: serata complicata. Non riesce a incidere sul match nemmeno nel finale quando da pochi passi si fa ipnotizzare da Federici. Voto 5

 

VIGHIGNOLO – A.C. TENUTA CARRETTA 5-0

Netta imposizione per 5-0 dei padroni di casa che, pur sprecando numerose occasioni da rete, ottengono 3 punti importanti che li riavvicina alle prime quattro. Per Tenuta Carretta partita segnata dall’infortunio di Cottarelli e dall’espulsione per doppio giallo di Mileto che ha complicato notevolmente le sorti della partita.

Pronti via dopo 5 minuti arriva subito il vantaggio di Vighignolo con La Rocca che dopo un buon inserimento deposita in rete il gol che sblocca la partita. Tenuta Carretta tenta subito una reazione con Sambito che ci prova dalla distanza e impegna Stefano Berardi, che deve rispondere successivamente anche a un bel tiro di Grossi. Al 20’ c’è un altro bell’inserimento di La Rocca che, servito da Francani, coglie una clamorosa traversa di sinistro. Poco prima della fine del 1’ tempo si sveglia Pecorino che prima va vicinissimo al gol su punizione ma trova il miracolo di Lombella e proprio sulla sirena con una travolgente azione personale riesce a liberarsi di due uomini, entrare in aerea e realizzare il 2-0 con un bel diagonale.

La ripresa inizia con gli ospiti che si spingono in avanti e vanno vicino al gol col solìto Sambito che trova il portiere sulla sua strada. Curioso quello che succede al 9’ quando Pecorino coglie la traversa da punizione e sul rimpallo Francani al volo di destro prende in pieno anche lui la traversa.

La partita viene segnata dall’espulsione di Mileto che per contenere lo scatenato Pecorino deve ricorrere a due falli da ammonizione che portano Tenuta Carretta a dover giocare in 6 fino alla fine.

Dopo due miracoli di Lombella su La Rocca che prova in entrambe le occasioni a batterlo con un destro secco, arriva al 12 il 3-0 di Pecorino abile a mettere in rete una caramella offertagli da La Rocca e due minuti arriva anche il 4-0 su rigore, guadagnato e trasformato in gol sempre da Pecorino. Il bomber del Vighignolo riesce anche a siglare il suo personale poker al 18’ con un destro preciso ed angolato. Dopo un altro palo colto stavolta da Maurizio Raffaele, arriva il finale d’orgoglio di Tenuta Carretta che prima sfiora il gol con Petrazzini che tira una gran sassata col destro e trova una meravigliosa risposta di Stefano Berardi e l’ultimo sussulto è un tiro fuori di Sambito, ultimo ad arrendersi nella squadra ospite.

PAGELLE

VIGHIGNOLO:

Stefano Berardi: compie due bellissime parate, si fa sempre trovare pronto. Voto 7
Francani
: buona partita, attenta e senza nessuna sbavatura. Voto 6,5
La Rocca
: ha il merito di sbloccare la partita, coglie anche una clamorosa traversa e sigla un assist, difficile chiedergli di più. Voto 7,5
Pecorino
: “man of the match” nonostante oggi sbagli tanti gol, riesce comunque a segnarne quattro, si guadagna il rigore, rende pazzi i difensori avversari Voto 8
Maurizio Raffaele
: partita sicura e tranquilla la sua, coglie una clamorosa traversa. Voto 6,5
Saverino
: buona prova, senza infamia e senza lode. Voto 6
Perego:
torna in campo dopo tanto tempo e se la cava egregiamente, ci mette grinta e polmoni, ammirabile Voto 6,5
Solidoro: partita attenta, senza troppi pericoli, va vicinissimo al gol su punizione Voto 6

TENUTA CARRETTA

Lombella: compie tantissime parate straordinarie, tiene a galla i suoi finchè può Voto 7,5
Amato:
 oggi soffre tanto Pecorino che mette in crisi un po’ tutta la retroguardia ospite Voto 5,5
Grossi:
 combatte sempre su ogni palla, non tira mai indietro il piede, va anche vicino al gol Voto 6,5
Merli:
 partita precisa e ordinata, qualche responsabilità sul gol del 2-1 ma è l’unica sbavatura Voto 6
Mileto:
 soffre tanto anche lui Pecorino tanto da stenderlo e prendersi il doppio giallo, il rosso complica le cose alla sua squadra Voto 5.5
Petrazzini:
 riesce poco a rendersi pericoloso, la prima volta che lo fa trova Berardi a negargli la gioia di un gran gol Voto 6
Sambito:
 l’ultimo ad arrendersi, ci prova fino alla fine con il suo destro potente e velenoso, meritava la soddisfazione personale della rete Voto 7
Spinelli:
 il capitano gioca una partita di grande sacrificio, cerca di fare tutte e due le fasi ma dopo l’espulsione di Mileto si sacrifica in fase difensiva Voto 6

 

I Coloni – El Puma Team 2-7

Pronostico rispettato con El Puma Team che conquista i tre punti contro il fanalino di coda I Coloni, ancora alla caccia della prima vittoria. Le ostilità si aprono dopo pochi secondi con un incrocio dei pali stampato per I Coloni da Marzucca. Passato lo spavento, El Puma Team piazza l’uno-due con Giuri, che prima sblocca il risultato con un tocco sull’uscita del portiere, poi raddoppia con un pallonetto da quasi metà-campo. Prima del riposo El Puma Team cala il poker con un tap-in di capitan Antoniazzi e una combinazione Ivan Fumarola-Murgia. Nella ripresa i Coloni rompono il digiuno con una conclusione di Vercellone deviata in rete da Monti. Poi i rossoblu riallungano con il 6-1 di Maderna e il bis di Antoniazzi. Nel finale Dognini timbra il 2-6 e Maderna cala il settebello di El Puma Team per la doppietta personale.

Le pagelle

I Coloni

Brunner: in porta nel primo tempo, compie alcuni buoni interventi si fa uccellare sui primi 2 gol. Meglio nella ripresa quando toglie i guantoni e gioca fuori. Voto 5,5
Conserva: sbriga il compito senza infamia ne lode. Voto 5,5
Cormio: sulla sinistra fatica ad arginare gli attaccanti avversari. Voto 5,5
Dognini: scheggia il palo e battezza il tap-in del 2-6. Voto 6,5
Marzucca: stampa l’incrocio dei pali ed è bravo nell’uno contro uno. Voto 6,5
Monti : sporca il pallone in maniera decisiva per l’1-4. Voto 6
Paolelli: in mezzo al campo fa valere la sua velocità la abilità balistica. Voto 6,5
Roggia spinge sulla fascia, poi è costretto tra i pali, ma non è la specialità della casa. Voto 5,5
Vercellone: ha il merito del tiro che aziona l’1-4. Voto 6

 

El Puma Team

Soffiantini: Non è il portiere titolare, ma se la cava più che egregiamente nelle poche occasioni in cui è impegnato. Voto 7
Antoniazzi: il capitano disputa una prestazione superlativa, con la ciliegina sulla torta della doppietta, che gli vale il premio di “Man of the match”. Voto 8
Colombo: serata di scarsa lena, nella quale lascia il proscenio ai compagni. Voto 6
Conversa: gioca solo pochi minuti poi s’infortuna. Voto 6
Antonio Fumarola: entra nell’ultima parte e  prova a incidere davanti. Voto 6
Ivan Fumarola: il talentino in erba è bravo e tecnico e porge l’assist del 4-0. Voto 7
Giuri: apre le danze con la doppietta, poi subisce un brutto colpo a un occhio ed è costretto ad abbandonare il campo. Voto 7
Iorio: entra nella seconda parte. Voto 6
Maderna: la porta sembra stregata fino al 7’ della ripresa quando rompe il digiuno e poi concede il bis. Voto 7
Murgia: fa sempre il suo tra le linee e autografa il 4-0. Voto 6,5

 

Autosalone Testori – Settimo 2-6

Seconda sconfitta consecutiva per la capolista Autosalone Testori, raggiunta in vetta dal Settimo, che ha però giocato una gara in più. Il big-match si sblocca al 5’, con una magia di destro di Carulli, che porta in vantaggio il Settimo. Poco dopo Settimo raddoppia su autorete. Al 10’ il Settimo affonda per la terza volta, con una sventola da fuori area di Di Viesti. Ad inizio ripresa primo segnale di vita della capolista, con l’1-3 di Donadel in mischia. Passano 3 minuti e il Settimo si riporta a più tre con un’altra sabongia dalla lunga distanza di Elia. Sullo slancio arriva anche il 5-1, grazie a una punizione bomba di Corani. Nel finale Riva firma il 2-5 e poco dopo Elia timbra la doppietta personale che chiude i conti.

Le pagelle

Autosalone Testori

Ravera: il vice-Varaldi incassa almeno un paio di gol parabili e non ripete altre buone prestazioni, anche se nel finale compie alcuni buoni interventi. Voto 5
Donadel: segna l’illusorio 1-3 ma fallisce un paio di altre ghiotte opportunità sotto porta. Voto 5,5
Franzini: Entra sullo 0-3 e prova a dare una mano in mezzo e dietro, ma non può invertire l’andazzo negativo. Voto 5,5
Imbriaco: lontano dal top della condizione, fatica dietro molto più del solito. Voto 5,5
Lipiani: spinge sulla destra senza però incidere come altre volte. Voto 5,5
Mastrogiacomo: sembra il cugino del bomber implacabile che fino a qualche settimana fa terrorizzava le difese avversarie. Voto 5
Riva: parte da centrale difensivo, poi torna nel suo ruolo abituale in mezzo al campo e nel finale viene spostato davanti, timbrando il 2-5. Voto 6
Testori: svolge il suo compito dietro e prova più volte a pungere dalla lunga distanza, ma senza successo. Voto 6
Villa: nel primo tempo è il più vivace davanti, ma il portiere avversario gli nega un paio di volte la gioia del gol. Voto 6

 

Settimo Calcio

Carulli: apre le danze con un gol da fantascienza ed è co-protagonista anche sul 2-0. All’8 però è costretto ad abbandonare la contesa per un problema muscolare. Voto 6,5
Corani: architrave del centrocampo sfiora un paio di volte il gol e sfonda la rete con la punizione del 5-1. Voto 7,5
Damiani: stantuffo instancabile sulla fascia destra. Voto 6,5
Di Viesti: impeccabile prestazione difensiva e griffa pure il 3-0. Voto 7,5
Elia: doppietta d’autore che suggella una prova di qualità e sostanza. Voto 7,5
Gavani: rimpiazza Carulli, ma non è altrettanto incisivo sotto porta. Voto 6
Laudenzi: “man of the match” con una strepitosa prestazione in marcatura su Mastrogiacomo. Voto 8
Lo Schiavo: sempre sul pezzo nel reparto difensivo. Voto 7
Novelli: incolpevole sui 2 gol subiti, da sicurezza ai compagni con numerose parate determinanti a tenere a distanza gli avversari. Voto 7,5
Sicolo: N.E.

 

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 17^ Giornata

REAL FIRE – A.C. TENUTA CARRETTA

Grande partita tra Real Fire e Tenuta Carretta che regala tanti gol ed emozioni dall’inizio alla fine. Il match termina con la vittoria dei padroni di casa trascinata da un De Rosa leader della difesa e da un Pietricelli implacabile finalizzatore offensivo.

Pronti via e subito al 2 minuto Lombella deve compiere due interventi sulle conclusioni di Pietricelli e di Santelia. Poco dopo occasione Tenuta Carretta con un tiro da fuori di Petrazzini di poco a lato. La gara si sblocca all’11’ quando De Rosa, direttamente da calcio di punizione, disegna una traiettoria alla Pirlo che si insacca alle spalle dell’incolpevole estremo difensore ospite. La reazione di Tenuta Carretta non si fa attendere con Sambito che va vicinissimo al gol, pressando alto Calegari e intercettando il pallone che però finisce sulla traversa e sempre il numero 7 ospite sfiora il gol al 16’ ma stavolta Calegari è bravissimo ad opporsi. Un minuto dopo però Mileto con un fantastico assist al bacio pesca ancora Sambito che si coordina alla perfezione e di destro al volo sigla il gol dell’1-1. Gli ospiti spingono forte e Petrazzini sfiora la rete con un diagonale fuori di poco. Al 20’ c’è il nuovo vantaggio di Real Fire con Jelavu che pesca con un bel filtrante Petricelli che a tu per tu col portiere non sbaglia. Passano 4 minuti e arriva il pareggio immediato con un tiro al volo meraviglioso di Mileto che si va ad infilare all’angolino dopo aver baciato il palo.
La ripresa si sblocca subito dopo pochi minuti con il gol ancora di Petricelli abile a insaccare di testa un cross perfetto di De Rosa a conclusione di un bellissimo triangolo con Jelavu.

A questo punto del match fioccano occasioni da una parte all’altra e salgono in cattedra i due portieri: al 9’ gran parata di Lombella su un destro secco di Santelia, all’11’ Calegari nega la doppietta a Mileto, al 16’ Lombella dice no a un tiro da distanza ravvicinata di Vastola ed è straordinario ancora su un tiro da fuori di Santelia. L’ultimo sussulto del match è però degli ospiti con Sambito che da calcio di punizione coglie una clamorosa traversa sulla quale si spengono le speranze di pareggiare la partita da parte di Tenuta Carretta che comunque hanno giocato una partita più che buona.

PAGELLE:

REAL FIRE:

Calegari: ottima partita del portiere di casa che compie diversi interventi importanti al fine del risultato. Voto 6.5

Battaglia: buona prova in entrambe le fasi, difensiva ed offensiva Voto 6.5

Bertuzzi: gara valorosa la sua, ci mette grinta e polmoni per tutto il match Voto 6.5

Vastola: svaria un po’ su tutti i ruoli, guida i compagni da vero leader e fa il suo in ogni posizione Voto 6.5

Jelavu: gara di sostanza e sacrificio a centrocampo, serve un bellissimo assist a Petricelli Voto 6.5

De Rosa: sblocca la gara con una perla su punizione, difende e attacca rendendosi spesso pericoloso. Sigla anche l’assist del 3-2 definitivo, partita sontuosa. Voto 8

Petricelli: fa il suo dovere da attaccante realizzando due gol da rapace d’aerea di rigore, sottoporta non perdona e i 3 punti hanno sopra anche il suo nome  Voto 7,5

Santellia: ottima prova, riesce spesso a smarcarsi e ad andare al tiro ma Lombella gli nega a più riprrese la gioia di un gol che si sarebbe certamente meritato Voto 7

TENUTA CARRETTA

Lombella: partita fantastica, para tutto il parabile e si supera in più occasioni Voto 7

Amato: partita di sostanza, quando chiamato in causa si fa trovare pronto Voto 6

Grossi: combatte su ogni pallone a centrocampo da vero gladiatore Voto 6

Merli: partita precisa e ordinata, qualche responsabilità sul gol del 2-1 ma è l’unica sbavatura Voto 6

Mileto: mette un assist al bacio per Sambito, segna un gol da cineteca, sfiora più volte il gol, il migliore dei suoi indubbiamente Voto 7.5

Petrazzini: spina nel fianco sulla fascia destra non riesce però ad essere preciso sottoporta Voto 6

Sambito: col suo destro è sempre pericoloso, segna un gran gol e coglie due sfortunate traverse Voto 7

Spinelli: cerca di rendersi utile alla squadra ma viene contenuto anche con le cattive dagli avversari Voto 6

 

Vighignolo - Gnù Team 6-3

Gara dal doppio volto quella andata in scena tra Vighignolo e Gnù Team. Primo tempo estremamente equilibrato, che si apre con il vantaggio dello Gnù Team: A.Guacci è abile a capitalizzare una fuga sulla sinistra di Radino. La reazione del Vighignolo non si fa attendere: un tiro dalla lunga distanza, smorzato dalla difesa, diventa facile preda di Francani che, da pochi metri, non può far altro che siglare l’1-1. In chiusura di frazione ecco il sorpasso del Vighignolo: Pecorino, liberato in area, supera Iurato con freddezza e precisione. Nella ripresa immediato pareggio di Radino, con una rasoiata su punizione, che illude lo Gnù Team. Ma è il Vighignolo a prendere progressivamente il largo: prima con F. Raffaele, poi con Foti e infine con la doppietta conclusiva di Pecorino. Chiude il match la rete di R. Guacci, per il definitivo 6-3.

Le pagelle

Vighignolo

Fabio Berardi: temperamento e qualità sulla mediana. Voto 7

Foti: abile sottoporta,sua la rete del 4-2, e molto convincente anche sulla fascia sinistra. Voto 7

Francani: molto dinamico sul settore di destra,ha il merito di mettere subito le cose a posto trovando la rete dell’ 1 -1. Voto 7

La Rocca: dirige la difesa con autorevolezza e senso della posizione. Voto 7

Pecorino: “man of the match” con una tripletta che fa la differenza: imprendibile, soprattutto nella ripresa. Voto 8

Francesco Raffaele: entra nella ripresa e incide subito sul match: suo,infatti, il gol del 3-2. Voto 7

Maurizio Raffaele: nella prima frazione fatica a contenere Guacci, nella ripresa acquisisce maggior sicurezza negli interventi. Voto 6

Saverino: buona prova tra i pali. Dà sicurezza al reparto arretrato. Voto 6,5

Gnù Team

Bassi: buona prova nel primo tempo. Fatica nella ripresa a contenere le iniziative di Pecorino. Voto 6

Guacci A: trova la rete che apre il match: Si mantiene pericoloso per tutta la partita. Voto 6,5

Guacci R.: ottima prova sull’out di destra. Prezioso in fase difensiva,dà una mano anche quando si tratta di offendere ,riuscendo anche a trovare la via del gol. Voto 7

Iurato: privo di responsabilità nei 6 gol subiti,tiene a galla i suoi con altri buoni interventi. Voto 6

Liotta: agisce in mediana, collezionando qualche buona giocata. Colpisce una clamorosa traversa nel primo tempo. Voto 6

Radino: offre la solita dinamicità in mezzo al campo. Trova il gol del 2-2. Voto 7

Villanucci: prova meno brillante del solito sulla fascia sinistra dove soffre la rapidità di Francani. Voto 5,5

 

Autosalone Testori – El Puma Team 1-5

Si ferma a 14 gare la marcia a punteggio pieno della capolista Autosalone Testori, costretta ad arrendersi alla strepitosa prova di El Puma Team. Eppure dopo pochi secondi la capolista affonda per prima con Riva, che ribadisce in rete una doppia conclusione di Lipiani e dello stesso Riva, entrambe respinte dal portiere avversario. Prima del riposo El Puma Team replica con un taglio di Murgia per Colombo che in diagonale firma l’1-1. All’8’ della ripresa El Puma Team mette la freccia del sorpasso con Ochoa che serve sul secondo palo un pallone al bacio per Maderna, solo da spingere in rete. La reazione della capolista non va oltre una traversa stampata da Mastrogiacomo e Colombo timbra il 3-1 con una rasoiata. Nel finale El Puma Team cala la cinquina con una diagonale di Ochoa e una ripartenza avviata da Ochoa e finalizzata da Colombo, che impacchetta la tripletta personale.

Le pagelle

Autosalone Testori

Varaldi: compie alcune parate notevoli, ma si fa scappare il pallone sull’1-3 e potrebbe fare di più pure sul quarto gol. Voto 5,5

Bollani: in mezzo al campo non riesce a dare il solito cambio di ritmo e non è sempre preciso. Voto 5,5

Imbriaco: buon primo tempo dove blinda il reparto difensivo, nella ripresa non riesce a evitare il naufragio. Voto 5,5

Lipiani: appena tornato dagli Usa, nel primo tempo non patisce il jet-lag ed è co-protagonista sul gol. Poi cala vistosamente. Voto 5,5

Mastrogiacomo: imbrigliato e con le polveri bagnate, si mette in mostra solo con una girata nel primo tempo e quando centra la traversa nella ripresa. Voto 5

Riva: Buon primo tempo nel quale sblocca il risultato e detta i tempi con alcuni lanci morbidi. Nella ripresa cala con i compagni. Voto 6

Nicholas Testori: avvia il gol con un lancio pennellato, poi difende con ordine, fino al tracollo della squadra nella ripresa. Voto 6

El Puma Team

Corradini : colpito a freddo, poi blinda a doppia mandata la porta, murando tutti i tentativi di reazione della capolista. Voto 7,5

Bazzo: da una mano nel reparto difensivo con grande efficacia e sicurezza. Voto 7

Colombo: killer spietato, timbra la tripletta che spacca in due la partita. Voto 8

Conversa: mette le ganasce a Mastrogiacomo, salva un gol sulla linea e si merita il premio di migliore in campo. Voto 8,5

Fumarola : N.E.

Iorio N.E.

Maderna: non sta bene fisicamente, ma stringe i denti e firma l’importantissimo 2-1. Voto 7,5

Murgia: tra le linee da un contributo fondamentale per qualità e quantità: fornisce l’assist per l’1-1 e avvia l’azione del 2-1. Voto 7,5

Ochoa: sfonda ripetutamente sulla fascia con la sua velocità e mette lo zampino sul 2-1 e 4-1. Voto 8

 

Milano Pirates - Ceva Logistics 11-0

Sfida a senso unico tra i Pirates e il Ceva Logistics, nella 17a giornata della Gazzetta Football League. Primo tempo che si apre con l’immediato vantaggio dei Pirates: Kolaj prende palla sulla trequarti, salta Crippa e lascia partire un destro imparabile per Chirico. La reazione del Ceva non arriva e allora i Pirates prendono il largo. Dal 10’ al 19’ vanno in rete in altre 4 occasioni: prima con un tiro di punta di Valvo, poi ancora con Kolaj, infine con Marra e Impagnatiello al termine di azioni corali. Nella ripresa il copione del match non cambia: ecco che al 4’ Kolaj sigla la personale tripletta, con una rasoiata dal limite. Nei minuti seguenti a trovare la via del gol sono tre volte Impagnatiello, calando così il personalissimo poker e Marra in 2 occasioni, pure lui autore di una tripletta, per il definitivo 11-0.

Le pagelle

Pirates

Carfì: poco impegnato, si dimostra comunque attento sulle conclusioni di Giannetto. Voto 6,5

Impagnatiello: implacabile nell’area di rigore avversaria: 4 gol per una gara da incorniciare. Voto 8

Kolaj: “man of the match” realizza una tripletta e sforna continui e pregevolissimi assist per i compagni: partita sontuosa. Voto 8

Manenti: offre corsa e anche buona qualità sull’out di sinistra. Voto 7

Marra: gara di grande qualità sulla fascia destra, impreziosita dalla soddisfazione della tripletta personale. Voto 7,5

Valvo: sigla il classico gol da calcetto. Una “puntata” dal limite dell’area che non lascia scampo a Chirico. Voto 7

Vanzin: amministra con autorità la difesa , riuscendo ad arginare con efficacia le rare iniziative offensive degli avversari. Voto 7

Dagrada: N.E.

Ceva Logistics

Cappelletti: posizionato a sinistra , non riesce a dare profondità e pericolosità alle iniziative offensive. Voto 5

Chirico: il tabellino,alla voce “gol subiti”, è impietoso per lui. Nonostante ciò , risulta in gran parte incolpevole sulle reti al passivo, destreggiandosi,invece, in qualche altro buon intervento. Voto 6

Crippa: prova a dare qualità alla manovra, ma la superiorità dei Pirates è a tratti schiacciante. Voto 5,5

Giannetto: agisce con buona continuità sulla fascia destra: alla fine risulterà essere il più pericoloso dei suoi anche in fase offensiva. Voto 6,5

Pacchioni: fatica in mezzo al campo a contenere la qualità di Kolaj. Voto 5

Panzeri: serata molto complessa per lui: poco aiutato dal centrocampo non può far molto contro la straripante qualità avversaria. Voto 5,5

Sabino: molto isolato davanti, spreca le poche occasioni che il Ceva riesce a costruire. Voto 5

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 16^ Giornata

Real Fire- Gnù Team: 3-1

Sotto una pioggia battente, Real Fire regola di misura Gnù Team e lo aggancia in classifica a quota 13 punti. Primo tempo che si apre con Gnù Team decisamente più pericoloso: dopo una serie di conclusioni poco fortunate, Costanzo apre le marcature. Suo il calcio di punizione che, sfiorato da più uomini in area di rigore, beffa Calegari per l’1-0. La reazione di Real Fire si compie in chiusura di frazione: Demartini ruba palla sull’out di destra, salta un paio di avversari e, dopo aver eluso l’intervento di Bulla, appoggia la palla in rete per l’1-1. Nella ripresa Real Fire prende progressivamente in mano le redini del gioco. La sua superiorità si concretizza al 7’ , quando Petricelli sigla il vantaggio, con uno splendido colpo di tacco dopo un tiro-cross dalla trequarti. Al 16’ è ancora Demartini con un preciso esterno destro a siglare il definitivo 3-1.

Le pagelle

Real Fire

Bertuzzi: con la sua fisicità  mette in costante difficoltà la difesa avversaria . Voto 6,5

Petricelli: “man of the match” ripete la prodezza contro El Puma Team: un altro splendido colpo di tacco che però questa volta vale i 3 punti. Voto 7,5

Calegari: senza colpe sul gol di Costanzo, si esibisce in un paio di altri interventi che blindano il successo. Voto 6,5

De Rosa: soffre nel primo tempo l’iniziativa di Stancampiano. Cresce nella ripresa. Voto 6

Demartini: sigla una doppietta che decide le sorti del match. Voto 7,5

Distaso: gara di grande agonismo e determinazione in mezzo al campo, che gli costano però un’espulsione a metà ripresa, per una parola di troppo all’arbitro. Voto 6,5

Jilavu: agisce sulla fascia, con buona pericolosità soprattutto nella ripresa. Voto 6,5

Santelia: aumenta, con un’ottima prestazione, l’apporto in fase offensiva. Voto 6,5

Gnù Team

Avanzini: spinge con continuità sulla fascia. Qualche buona giocata di qualità. Voto 6,5

Bassi: partita difficile soprattutto nella ripresa quando soffre l’imprevedibilità degli attaccanti avversari. Voto 5,5

Bulla: incolpevole sui 3 gol, mostra comunque sicurezza nelle uscite e nel guidare la difesa. Voto 6

Costanzo: apre le marcature con un beffardo calcio di punizione. Cala di rendimento nella ripresa. Voto 6

Guacci: varia con grande sacrificio su tutto il fronte d’attacco, ma i risultati non sono sempre confortanti. Voto 6

Liotta: entra a gara in corso: fatica a incidere sul match. Voto 5

Macario: unisce corsa a giocate di pregevole fattura. Voto 6,5

Radino:serata non facile in mezzo al campo: non gli riesce la consueta abilità nel dettare i tempi di gioco. Voto 5,5

Stancampiano:ci prova nel primo tempo con un paio di conclusioni;sfortunato nella ripresa quando,a causa di un infortunio, è costretto a lasciare il campo. Voto 5,5

Villanucci:si propone sulla fascia con continuità e grande spirito di sacrificio. Voto 6
 

Milano Pirates – I Coloni 16-3

Pronostico rispettato nella sfida del Baggio, nella quale i pirati fanno un sol boccone della maglia nera I Coloni e mantengono la seconda piazza, in compagnia del Settimo. La scorpacciata per Milano Pirates inizia subito, con Impagnatiello e Paolo Marra (su punizione) che confezionano il 2-0. Poi il bomber Impagnatiello stampa il 3-0 con un formidabile volee. I Coloni continuano a battersi con encomiabile impegno e rompono il digiuno, segnando l’1-3 con un penalty trasformato da Dognini. Prima del riposo nuovo strappo dei pirati, che salgono sull’ottovolante con tre gemme di Dagrada, il tris di Impagnatiello e l’ambo di Paolo Marra. Nella ripresa Milano Pirates raddoppia il bottino e va in doppia cifra con la sestina calata da Impagnatiello, la cinquina di Dagrada, la doppietta di Paolo Marra e i sigilli di Bianchi, Bezzi e Manenti. Per i Coloni le altre due segnature sono di Dognini (doppietta) e un eurogol di tacco di Paolelli.

Le pagelle

Milano Pirates

Mauro Carfì: fratello d’arte di Bruno, deve sbrigare l’ordinaria amministrazione e nelle poche volte in cui è chiamato in causa, para con buona sicurezza. Voto 7

Bezzi: poco impegnato dietro, timbra il cartellino nel secondo tempo. Voto 7

Bianchi: il capitano svolge il compitino dietro e pure lui si toglie la soddisfazione del gol. Voto 7

Dagrada: prestazione Doc, certificata dal pokerissimo servito. Voto 8

Impagnatiello: impacchetta la sestina da bomber di razza che porta a 35 reti il bottino in questo campionato. Voto 8

Manenti: aziona sulla banda destra e buca la rete nella ripresa. Voto 7

Paolo Marra: di lotta e governo merita il premio di migliore in campo per la doppietta nel primo tempo e il lavoro al servizio della squadra. Voto 8

I Coloni

Conserva (11): costretto in porta nel primo tempo, raccoglie 8 palloni in fondo al sacco. Poi toglie i guantoni e agisce in mezzo al campo. Voto 5,5

Brunner (2): aziona prevalentemente dietro sulla destra, ma non può arginare lo Tsunami. Voto 5

Cioffi (7): mancino dotato di buona tecnica, non riesce però a incidere. Voto 5

Dognini (4): trasforma il penalty dell’1-3 e nella ripresa concede il bis. Voto 6,5

Marzucca (8): il capitano nel primo tempo è evanescente davanti e nella ripresa è costretto tra i pali, dove viene bucato 8 volte. Voto 5

Monti (10): si piazza dietro sulla sinistra e fa quello che può, contro avversari che sgusciano da tutte le parti. Voto 5

Paolelli (16): impreziosisce la sua prestazione segnando un gol da urlo di tacco: Voto 6,5

 

Vighignolo – Settimo 3-4

Il Settimo si aggiudica il derby di alta classifica contro Vighignolo e resta al secondo posto, in compagnia di Milano Pirates. La supersfida del Baggio si accende all’alba, quando capitan Carulli sblocca il risultato con un sinistro dal limite dell’area, che porta in vantaggio il Settimo. Ad inizio ripresa reazione veemente di Vighignolo, con l’1-1 di Francesco Raffaele, imbeccato da un assist al bacio di Fabio Berardi. Poi sale in cattedra il bomber Pecorino, che stampa la doppietta del 3-1. Il Settimo non ci sta e rivolta il match come un calzino, con il controsorpasso del 4-3, autografato da una girata di Damiani, un diagonale di Marino e una sassata di Corani. Nel finale Novelli blinda la porta del Settimo con un doppio miracolo nel giro di pochi secondi e si merita il premio di “Man of the match”.

Le pagelle

Vighignolo

Stefano Berardi: freddato inizialmente da Carulli, fino a metà ripresa non viene più bucato e compie alcuni interventi provvidenziali. Poi subisce altre 3 reti imparabili. Voto 7

Fabio Berardi: lotta come un leone fino all’ultima stilla di energia e fornisce l’assist dell’1-1. Voto 7

Foti: aziona sulla fascia, ma viene penalizzato da un infortunio. Voto 6

Francani: occupa la corsia di sinistra e svolge con diligenza entrambe le fasi. Voto 6

La Rocca: sempre nel vivo del gioco, ma non incide. Voto 6

Pecorino: nel primo tempo si divora un gol a un metro dalla porta, però non si perde d’animo e ad inizio ripresa impacchetta la doppietta da bomber di razza. Voto 7

Perego: N.E.

Francesco Raffaele: entra nella ripresa e mette il suo timbro con il tap-in dell’1-1. Voto 6,5

Maurizio Raffaele: N.E.

Saverino: il capitano concede il minimo sindacale a Carulli, ma nel finale non riesce a evitare la riscossa del Settimo. Voto 6,5

Solidoro: difende con esperienza e autorità fino al 3-1. Nel finale prova a spingersi senza successo in avanti. Voto 6,5

Settimo

Novelli: migliore in campo con tre miracoli nel finale che abbassano la sbarra del casello ai tentativi del Vighignolo. Voto 8

Carulli: il capitano accende la miccia sbloccando il risultato. Poi viene ben francobollato e non riesce più a incidere. Voto 6,5

Corani: dirige il traffico in mezzo al campo e griffa il decisivo 4-3.Voto 7

Damiani: spinge sulla fascia e apparecchia la tavola per il 3-3 di Marino. Voto 6,5

Di Viesti: imposta e regge l’urto nel reparto difensivo con buona sicurezza. Voto 6,5

Laudenzi: per 33’ mette le ganasce a Pecorino, che poi timbra la doppietta. Voto 6,5

Marino: firma l’importantissimo 3-3 e spinge con profitto sulla destra. Voto 6,5

Savino: primo tempo Doc sulla banda sinistra, poi abbandona la scena. Voto 7

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 15^ Giornata

GNU TEAM – CEVA LOGISTICS 3-2

Partita molto intensa quella tra Gnu Team e Ceva Logistics che ha visto i padroni di casa imporsi per 3-2 dominando a larghi tratti il primo tempo e la prima parte del secondo ma soffrendo il ritorno degli avversari nella seconda parte di gara che con coraggio e orgoglio hanno provato ad ottenere il pareggio.

I padroni di casa iniziano subito fortissimo con Stancampiano che, sfruttando un perfetto assist di Bassi, a tu per tu col portiere lo trafigge con un potente sinistro. Il Ceva ha subito l’occasione di pareggiare con Chirico che si trova da solo contro il portiere ma sfortunatamente inciampa poco prima di calciare. Al 22 grande tiro da fuori di Macario ben parato da Russo, bravissimo ad opporsi poco dopo anche sul tiro di Radino. L’ultima palla gol del 1’ tempo è ancora sui piedi di Chirico che si vede però respinto il tiro da Iurato.

La ripresa si apre con una clamorosa occasione per Stancampiano che solo davanti al portiere calcia alto, si rifa qualche minuto dopo in un azione fotocopia stavolta però conclusa benissimo. Passa un minuto e arriva anche il 3-0 che sembra sigillare l’incontro: grande azione personale di Macario che salta un avversario con un bellissimo tunnel e mette in mezzo un pallone che Stancampiano di tacco deve solo depositare in rete.

La gara sembra chiusa ma, dopo una bella rovesciata di Costanza che termina fuori di poco, esce fuori l’orgoglio del Ceva. Al 13’ arriva il 3-1 di Scotto che dopo una bellissima discesa sulla fascia destra conclude in rete un bel diagonale. Passano 3 minuti e Sabino sfrutta una ribattuta corta di Iurato e segna il 3-2 che riaccende le speranze della squadra ospite. A nulla vale però l’assedio finale con il Gnu Team che si difende e soffre ma alla fine riesce a portare a casa 3 punti preziosi.

PAGELLE

Gnù Team

Avanzini: grande spinta sulla sua fascia, buona anche la fase difensiva. Voto 6,5
Bassi: soffre la velocità di Sabino ma confeziona un assist al bacio per Stancampiano in occasione dell’1-0. Voto 6,5
Costanzo: carica i compagni e si prende cura del centrocampo. Voto 6
Guacci: buona prestazione, cerca spesso la conclusione ma è un pelo impreciso. Voto 6,5
Iurato: Non ha responsabilità sui 2 gol subiti, buonissime le sue uscite sulle palle da fermo. Voto 6
Radino: oggi non riesce a incidere col suo mancino ma mette ordine a centrocampo. Voto 6,5
Stancampiano: potrebbe segnare molti più gol ma 3 volte la butta dentro e tanto basta a far vincere la sua squadra Voto 7

CEVA LOGISTICS

Russo: grande prestazione, leader autoritario della difesa para tutto il parabile. Voto 6,5
Chirico: partita generosa come al solito, pesa però l’errore dopo pochi minuti solo davanti al portiere Voto 5,5
Giannetto: cerca di rendersi pericoloso specie in zona offensiva Voto 6
Pacchioni: partita nella media con tanto sacrificio, lotta su ogni pallone  Voto 6 
Panzeri: oggi in difficoltà, l’impegno però non manca mai Voto 6
Sabino: sempre l’ultimo ad arrendersi, segna il gol del 3-2 che riapre il match Voto 6,5
Luongo:  messo in difficoltà dal fraseggio dello Gnu Team, cerca di mettere delle pezze come può Voto 6
Scotto: oggi capitano, onora la fascia con una grande prestazione, segna un gran gol ma lotta a tutto campo Voto 7
Deasti: spinge tanto in zona offensiva ma non riesce a trovare il gol, prova generosa Voto 6,5
Cappelletti: cerca di arginare le avanzate della squadra di casa, nella ripresa prende bene le misure Voto 6

I COLONI – AUTOSALONE TESTORI 0-10

Pioggia di gol della capolista Autosalone Testori che sconfigge i pur generosi Coloni con il risultato schiacciante di 10-0 e guadagna altri 3 punti in classifica rimanendo saldamente in vetta

Partita che inizia un po’ lenta ad essere sinceri, nei primi 5 minuti Autosalone Testori fa fatica ad impostare la manovra merito anche di un pressing molto alto e molto ben fatto dei padroni di casa. La gara si sblocca al 6’ con una gran punizione del Capitano Nicholas Testori, che pennella col suo mancino una traiettoria imparabile. E’ il gol che sblocca gli ospiti, i quali dopo soli 60 secondi raddoppiano con Riva che smarcato a rete solo davanti a Vercellone lo trafigge per lo 0-2. Dopo due buone occasioni per Autosalone Testori ben parate dal portiere Coloni, i padroni di casa intorno al 15’ hanno due buone occasioni per rientrare in partita, infatti Marzucca coglie il palo con un bel diagonale da fuori, mentre Dognini si vede respinto un colpo di testa a botta sicura da Corbella. Poco dopo un tiro di Mastrogiacomo dalla distanza viene goffamente trasformato in rete da Vercellone che non riesce a trattenere la conclusione. Qui gli ospiti premono sull’acceleratore e nel giro di 6 minuti vanno in rete ancora prima con Nicholas Testori, di destro lui che è mancino, poi con una gran conclusione di Lipiani, che dalla distanza disegna una parabola imprendibile.

La ripresa si apre come si era chiuso il primo tempo, con la capolista che segna subito altri due gol, prima con Villa e poi con Mastrogiacomo che segna con una pregevole volee di destro. I Coloni soffrono e Vercellone è costretto in più occasioni a intervenire sia di mani che di piedi per evitare altre reti. Ma gli scatenati Villa e Nicholas Testori riescono a timbrare ancora il cartellino prima che Riva metta il sigillo finale andando a segnare il gol del definitivo 0-10.

PAGELLE

I COLONI

Vercellone: colpevole sul gol dello 0-3, si riscatta con tantissime altre belle parate Voto 6,5
Brunner:
cerca di spingere sull’out di destra  Voto 6
Cormio: messo in grossa difficoltà da Lipiani questa sera Voto 5,5
Roggia: anche lui stasera soffre terribilmente la maggiore qualità degli avversari. Voto 6
Dognini: ha il merito di creare uno dei pochi pericoli alla porta avversaria Voto 6
Marzucca: è il più pericoloso dei suoi, sfortunato nell’occasione del palo. Voto 6,5
Paolelli: tanto sacrificio come suo solito, oggi anche lui soffre tanto però Voto 5,5
AUTOSALONE TESTORI
Corbella
: mai veramente chiamato in causa Voto 6
Bollani: guida la difesa molto bene consentendo al capitano di stare molto alto e andare a segno. Voto 7
Villa: segna due gol e si rende protagonista di tante belle giocate Voto 7
Lipiani: realizza un gol meraviglioso, per il resto guida il centrocampo con grande carisma Voto 7,5
Mastrogiacomo: fortunato nel primo gol, il secondo però è tutto merito suo, sempre attento sia in fase di spinta che di contenimentp Voto 7,5
Riva: doppietta anche per lui, fa impazzire la difesa Coloni. Voto 7
Nicolas Testori: segna di destro, di sinistro, da fermo, su azione personale. Fa quello che vuole stasera anche perché Bollani lo copre molto bene. Voto 8
Oreste Testori: qualche minuto in campo, giusto in tempo per fare una bella chiusura difensiva Voto 6,5

 

Settimo Calcio – Real Fire 4-2

Pronostico rispettato nella quindicesima giornata, anche se Settimo deve faticare più del previsto per aver ragione di una combattiva Real Fire. Al 12’ capitan Carulli sblocca il risultato con una bomba su punizione. Tre minuti dopo Arcerito firma il raddoppio. Allo scadere del primo tempo ancora la premiata coppia Arcerito e Carullo è protagonista del 3-0, con cross del primo per il capitano che timbra la doppietta con un colpo di testa. Nella ripresa reazione di Real Fire, che prima rompe il digiuno con un tap-in vincente di Nicastro, dopo una punizione calciata da De Rosa e respinta dalla barriera. Al 18’ ancora Nicastro autografa il 2-3, che riapre i giochi. Poi ci pensa il bis di Arcerito a chiudere i conti con il 4-2 dopo una ripartenza avviata da Carulli e Lo Schiavo.

Le pagelle

Settimo Calcio

Novelli: para tutto il parabile con un paio di prodezze per tempo che blindano il successo. Voto 7

Arcerito: Man of the match con la doppietta e l’assist vincente del 3-0. Voto 8

Carulli: il capitano spacca in due la partita con la doppietta del 3-0 e una prestazione da incorniciare. Voto 7.5

Di Viesti:

Laudenzi: rimpiazza Lo Schiavo al centro della difesa e chiude con grande efficacia. Voto 7

Lo Schiavo: l’emergenza a centro campo lo costringe in mezzo al ring, ma se la cava egregiamente e apparecchia la tavola per il 4-2. Voto 7

Marino: aziona sulla fascia destra e si vede negare dal portiere la gioia del gol sotto porta. Voto 6

Sicolo:  N.E.

Real Fire

Calegari: sui 4 gol presi non può nulla, per il resto para con buona autorità. Voto 7

Giuseppe Battaglia: Fa valere la prestanza fisica dietro e prova a salire, senza successo, suoi corner. Voto 6,5

Pasquale Battaglia: senza infamia e senza lode. Voto 6

Bertuzzi: galoppa per 3 sul binario di destra con buona tecnica e velocità ed esce stremato. Voto 7

De Rosa: il capitano calcia la punizione che origina il gol dell’1-3. Voto 6,5

Di Santo: si sbatte davanti, ma senza incidere. Voto 6

Jilavo Nicosur: s’infortuna in avvio, poi rientra al 15’ e prova a dare il suo contributo. Voto 6

Nicastro: confeziona la doppietta che riapre i giochi. Voto 7

Roccia: entra nella ripresa e cerca di fare il suo davanti e in mezzo. Voto 6

Santella: davanti non riesce a sfondare. Voto 6

 

El Puma Team – Vighignolo 6-7

Vighignolo si aggiudica il big-match della quindicesima giornata, interrompendo la striscia vittoriosa di cinque gare di El Puma Team. Nella supersfida del Baggio il bomber Maderna accende la miccia in apertura. La reazione di Vighignolo è veemente e frutta il break decisivo con il 4-1 del 15’ firmato dalla doppietta di Pecorino e i centri di Berardi e Foti. A cavallo dei due tempi El Puma Team torna sotto con il 3-4 di Giuri e Viganò. Poi sul 4-5 viene espulso Viganò per bestemmia nell’ultima parte Vighignolo riallunga a più due con il 7-5 di Pecorino (poker) e Berardi (doppietta), vanificando il tris dei rossoblu di Maderna e la segnatura di Conversa.

Le pagelle

El Puma Team

Corradini: incassa sette gol, senza particolari colpe, anche se non compie miracoli. Voto 6

Colombo: resta a digiuno, ma si sbatte e colpisce il palo che precede il tap-in vincente del 3-4 di Viganò. Perde però il pallone che costa l’1-4. Voto 6

Conversa: Firma il 3-4 e prova a spingere al solito sulla fascia.  Nella ripresa se la cava bene da centrale difensivo. Voto 6,5

Antonio Fumarola: N.E.

Ivan Fumarola: N.E.

Giuri: prima parte dirompente con timbro del 2-4, poi cala. Vo 6

Iorio: il capitano fatica ad arginare lo scatenato Pecorino, poi esce stremato. Voto 5,5

Nicoli: entra a metà primo tempo e resta in campo fino al termine. Commette l’errore che costa il 4-6. Voto 6

Viganò: segna il 3-4, ma si fa cacciare per bestemmia sul 4-5 nella ripresa. Voto 5,5

Maderna: solita tripletta d’autore, che stavolta però non basta per ottenere i tre punti. Voto 7

 

Vighignolo

Stefano Berardi: sveste la tuta da Superman e raccoglie sei palloni in fondo al sacco, ma pure lui, come il collega, senza particolari responsabilità. Voto 6

Fabio Berardi: trascina i compagni allo strappo decisivo del 4-1 e certifica con la doppietta una prestazione Doc per qualità e sostanza. Voto 7,5

Foti: sfonda ripetutamente sulla fascia e griffa il 4-1. Voto 6,5

Francani: sbriga con buona diligenze a applicazione il compito sulla banda e porge l’assist per il 7-5. Voto 6

Pecorino: Man of the match con il poker che spariglia le carte. Voto 8

Perego: entra nella ripresa, quando il reparto difensivo si dispone a 3. Voto 6

Maurizio Raffaele (N.E.)

Francesco Raffaele: entra nel finale di primo tempo e prova a dare il suo contributo. Voto 6
 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 14^ Giornata
 

Gnù Team - Tenuta Carretta 3-4

Rocambolesco 4-3 nella sfida tra Gnù Team e Tenuta Carretta. Al 9’ e 11’ Gnù Team trova il gol in due occasioni, con la doppietta del bomber Stancampiano, che spiana la strada ai suoi. La reazioni di Tenuta Carretta è però immediata e nel giro di pochi minuti, prima Niro accorcia le distanze con una fucilata, poi Mileto pareggia i conti, approfittando di una sbavatura difensiva avversaria. La ripresa si apre con l’occasione per Gnù Team di riallungare: al 5’ Radino viene steso in area di rigore. Dal dischetto si presenta Costanzo che, però, si fa neutralizzare il destro da Lombella. Scampato il pericolo, Tenuta Carretta piazza il break: l’immarcabile Niro sigla la tripletta personale all’11’ e al 19’. Sembra finita, ma c’è ancora spazio per l’ultimo sussulto di Gnù Team con Radino che sigla il definitivo 3-4.

 

Le pagelle

Gnù Team

Avanzini: serata difficile. Non riesce a prendere le misure agli avanti avversari. Voto 5

Bassi: soffre l’imprevedibilità di Niro. Voto 5

Costanzo: si fa neutralizzare il penalty che poteva scrivere un altro film. Voto 5,5

Guacci: agisce sulla fascia destra, con la solita generosità. Voto 6,5

Iurato: Non ha responsabilità sui 4 gol subiti e si dimostra all’altezza con qualche buon intervento. Voto 6

Liotta: fatica a trovare la posizione, prima in mezzo al campo prima e poi davanti. Voto 5,5

Radino: molte giocate di qualità e tanta dinamicità in mezzo al campo. Voto 6,5

Stancampiano: letale nei primi minuti, quando trova la rete in due occasioni. Cala, come tutta la squadra, nella ripresa. Voto 6,5

Villanucci: entra a gara in corso, ma non riesce a dare il consueto apporto in fase offensiva. Voto 5,5

 

Tenuta Carretta

Lenzi: argina con efficacia le iniziative avversarie. Voto 6,5

Di Capua: soffre nel primo tempo la pericolosità di Stancampiano. Migliora col passare dei minuti. Voto 6

Italia: pressing e geometrie al servizio della squadra. Voto 6,5

Lombella: incolpevole sui 3 gol subiti, si esalta parando il rigore di Costanzo. Voto 7

Merli: buona prova difensiva, soprattutto nella ripresa. Voto 6,5

Mileto: sigla il gol del pareggio. Una continua spina nel fianco per Radino sulla destra. Voto 6,5

Petrazzini: buona spinta sulla sinistra, in appoggio a Niro. Voto 6,5

Niro: Man of the match con la tripletta che permette di ribaltare una gara che sembrava complicata. Voto 7,5

 

Real Fire - El Puma Team 1-4

Risultato rotondo quello portato a casa da El Puma Team nella gara contro il Real Fire. Eppure il match era trascorso, nei primi 20’. sul sottile filo dell’equilibrio. Ma sul finire del primo tempo, El Puma sblocca il risultato: su azione di calcio d’angolo, Viganò di prima intenzione fulmina Callegari. La ripresa si apre con l’immediato pareggio di Real Fire: Petruccelli, con uno splendido colpo di tacco, porta il risultato sull’1-1. Un minuto più tardi, però, El Puma ristabilisce le distanze, con Giuri abile ad insaccare da pochi metri sulla respinta corta di Callegari. Al 10’ Real Fire ha l’occasione per impattare immediatamente: Corradini aggancia in area Bertuzzi, l’arbitro indica il dischetto. Lo stresso Bertuzzi,però, calcia incredibilmente a lato. Passato lo spavento, El puma dilaga, con Colombo che firma la personale doppietta, per il definitivo 4-1.

Le pagelle

Real Fire

De Rosa: serata difficile: Giuri e Colombo lo mettono in costante difficoltà. Voto 5

Bertuzzi: calcia a lato il rigore del possibile 2-2: impreciso. Voto 5

Petruccelli: delizia con uno splendido colpo di tacco. Voto 7

Fibba: soffre a centrocampo la dinamicità di Maderna. Voto 5,5

Battaglia: buon primo tempo. Nella ripresa le verticalizzazioni di Colombo e compagni gli creano non pochi problemi. Voto 5,5

Nicastro: agisce sulla sinistra con tanta generosità. Voto 6

Sant’Elia: posizionato sulla destra, prova a dare profondità, ma con risultati non sempre apprezzabili. Voto 6

Callegari: ha poche responsabilità sui 4 gol subiti. Si esibisce in qualche altro buon intervento. Voto 6

Roccia: entra a metà della ripresa, senza tuttavia riuscire a incidere. Voto 5,5

Jilavu: inizia bene sull’out di destra. Uno sfortunato infortunio lo costringe ad uscire e ne pregiudica la restante prestazione. Voto 6

El Puma Team

Bazzo: entra ad inizio secondo tempo. Gestisce bene la fase difensiva. Voto 6

Bronte: N.E.

Colombo: Man of the match immarcabile sull’out di destra. Corona la bella prestazione con una doppietta. Voto 7,5

Conversa: garantisce la consueta sicurezza nel reparto arretrato. Voto 6,5

Corradini: incolpevole sul gol, commette un’ingenuità che poteva costare cara quando atterra Bertuzzi nella sua area. Voto 5,5

Fumarola: N.E.

Giuri: implacabile in occasione del 2-1. Sempre pericoloso in area avversaria. Voto 7

Iorio: esperienza e qualità al servizio della squadra. Voto 6,5

Maderna: fa girare la squadra , garantendo il suo apporto sia in fase difensiva che nella manovra d’attacco. Voto 6,5

Viganò: sblocca il risultato con un destro imparabile. Cala vistosamente nella ripresa. Voto 6

 

I Coloni – Tettenham 1-6

Pronostico rispettato nella terza di ritorno con Tettenham che conquista i tre punti a spese della maglia nera I Coloni, ancora alla caccia della prima vittoria. Tettenham impiega un paio di minuti per sbloccare il risultato, con un formidabile destro a giro palo-rete di Zulini. Al 10’ Rocco si procura e trasforma il penalty del 2-0. Nella ripresa Cova griffa il tris, con un eurogol di sinistro. Poi i Coloni tornano sotto con una ripartenza avviata da Conserva e proseguita da Vercellone, che scarica per l’accorrente Cioffi, con tap-in vincente dell’1-3. Tettenham reagisce e riallunga con il 4-1 firmato ancora da Cova. Nel finale si scatena Citu, che impacchetta la doppietta del definitivo 6-1 con due conclusioni da fuori area.

PAGELLE

I COLONI

Brunner: portiere improvvisato per tre quarti di gara, provoca il penalty e incassa 4 reti senza colpe. Voto 6
Paolelli: i piedi buoni non gli mancano, ma non riesce a incidere. Voto 6
Marzucca: dotato di buona tecnica, nel finale indossa i guantoni e incassa due gol imparabili da fuori area. Voto 6,5
Dognini: pivot cerca di rendersi utile pressando sui difensori, ma con scarsi risultati. Voto 6
Conserva: mancino bravo nell’uno contro uno, sfiora il gol su punizione  e avvia la ripartenza del gol. Voto 6,5
Vercellone: si rende utile davanti e porge l’assist vincente a Cioffi. Voto 6
Monti: senza infamia ne lode. Voto 6
Cioffi: sempre sul pezzo, segna il gol della bandiera. Voto 7
Cormio: playmaker basso imposta e chiude. Voto 6

TETTENHAM

Federici: incassa un gol senza colpe e per il resto sporca i guantoni il minimo sindacale. Voto 6,5
Citu: porge l’assist del 4-1 e si scatena nel finale con una doppietta Doc. Voto 7,5
Colombini: centrale navigato e tempestivo nelle chiusure. Voto 6,5
Cova: spacca in due la partita timbrando il 3-0 e 4-1. Voto 7,5
D’Angelo: azzanna ogni pallone come fosse l’ultimo della vita e innesca il 3-1. Voto 7
Giacquinto: davanti si sbatte, ma non incide. Voto 6
Rocco: si procura e trasforma con freddezza il penalty del 2-0. Voto 6,5
Zulini: l’eurogol che sblocca il risultato all’alba vale il prezzo del biglietto. Voto 8
Nava: imposta da dietro, anche se non sempre con precisione svizzera. Voto 6

 

SETTIMO CALCIO – CEVA LOGISTICS 13-5

Grande prova del Settimo Calcio che nella 14^ giornata della Gazzetta Football League asfalta il Ceva Logistics e si lancia con decisione all’inseguimento della zona Playoff raggiungendo quota 30 punti. Partita dominata dalla squadra di casa, con gli ospiti costretti anche a ruotare il portiere in virtù dell’infortunio a un dito di Ciresi che sicuramente complicato un match già sulla carta molto complesso.
Pronti via e subito Corani sblocca il match con un bell’esterno destro rasoterra; passa un minuto e arriva il pareggio ospite con Chirico abile a sfruttare una corta respinta di Sicolo. Il pareggio dura poco perché nell’arco di due minuti un gran sinistro di Corani e un bel tiro da fuori di Di Viesti portano il risultato sul 3-1. Al 7’ arriva il 4-1 di Marino con una bella conclusione dal limite dell’area, poi dopo una buona occasione capitata sui piedi di Chirico, che di tacco non riesce a concretizzare in rete una palla geniale di Sabino, riinizia la pioggia di gol dei padroni di casa che con Carulli (x2), Arcerito, ancora Corani e Damiani fanno concludere il primo tempo sul risultato di 9-1. Da segnalare l’infortunio di Ciresi che resta comunque in campo come giocatore sostituito in porta prima da Panzeri e poi da Chirico.
La ripresa si apre con una reazione d’orgoglio degli ospiti architettata dalla classe di Sabino che si libera di due avversari e di destro deposita in rete il gol del 9-2. Veemente però la reazione del Settimo che nel giro di 5 minuti con Damiani, Marino e Carulli ottimamente serviti da Novelli portano a 12 i gol segnati. Sempre Sabino d’orgoglio riesce a segnare il gol del 13-3 con un bel sinistro angolato e, dopo il gol ancora di Carulli con una fortunosa carambola su Chirico, il numero 10 ospite prima serve a Ciresi un facile assist per il gol del 13-4 e infine all’ultimo minuto segna ancora e accorcia le distanze facendo terminare l’incontro sul risultato di 13-5

PAGELLE

SETTIMO CALCIO

Sicolo: Sostanzialmente inoperoso, può ben poco sui gol degli ospiti. Voto 6
Arcerito: prestazione tranquilla, spinge tanto e segna anche un bel gol. Voto 6,5
Carulli: il capitano sforna un'altra grande prestazione, un poker pesante e tante buonissime giocate in fase offensiva. Voto 7,5
Damiani: buona prova sia in fase difensiva che offensiva, segna due gol di pregevole fattura . Voto 7
Laudenzi: partita attenta e concentrata in difesa che guida con grande leadership, si propone anche in attacco con continuità. Voto 7
Di Viesti: segna un gran gol di destro e si rende spesso pericoloso. Voto 7
Marino: prestazione di grande sostanza condita da due belle reti, molto positivo. Voto 7
Novelli: sbaglia tanti gol ma con le sue sponde si rende protagonista di ben 3 assist. Voto 6,5
Corani:
Man of the Match quest’oggi, ha il merito di sbloccare la partita subito con due grandi reti. Grazie al suo mancino fa ciò che vuole finendo per firmare un poker personale di grande fattura Voto 7,5

CEVA LOGISTICS

Ciresi: sfortunato a farsi male subito dopo il primo gol, gioca fuori e si toglie la soddisfazione personale di segnare un gol. Voto 6,5
Giuseppe Chirico: il capitano gioca una partita volenterosa, bene in attacco con un gol e un palo a referto, bene anche in porta dove compie alcune pregevoli parate Voto 7
Giannetto: malino in fase difensiva, meglio in zona offensiva dove riesce spesso ad andare al tiro non trovando mai lo specchio però Voto 6
Pacchioni: partita difficile anche per lui, messo spesso in mezzo a due avversari ha vita dura Voto 6 Panzeri: l’attacco ospite lo mette in costante difficoltà, prova a metter delle pezze ma con scarsi risultati Voto 5,5
Sabino
: partita eccezionale la sua, segna 3 gol e colleziona un assist mettendo da solo in difficoltà tutta la difesa ospite Voto 8
Luongo: come tutta la retroguardia viene messo spesso in difficoltà dagli attacchi continui del Settimo Voto 5,5
 

Autosalone Testori – Milano Pirates 5-3

Nella terza di ritorno Gazzetta Football League la capolista Autosalone Testori s’impone 5-3 nello scontro al vertice con Milano Pirates, si mantiene a punteggio pieno e porta a nove i punti di vantaggio sulle immediate inseguitrici. Il big-match del Barona vede partire meglio i pirati, che sbloccano il risultato al 13’ con un destro dall’angolo di Stefano Marra. Al 16’ taglio in area di Paolo Marra a centro area per Manenti che con un piattone firma il 2-0 di Milano Pirates. Al 21’ il primo segnale di riscossa della capolista, con una conclusione al volo di Lipiani, che colpisce il palo e poi s’insacca in rete. Nella ripresa Autosalone Testori alza il ritmo e piazza il break decisivo, segnando 4 gol in 14 minuti. Al 1’ cross in area di Mastrogiacomo e autorete di Valvo che riequilibra il match. Al 4’ sorpasso di Autosalone Testori con il 3-2 timbrato da un diagonale di Lipiani. La capolista poi chiude i conti con il 5-2 impacchettato da altre due gemme di Lipiani “Man of the match” con il poker servito. A 6’ dal termine Valvo segna l’inutile 3-5 di Milano Pirates.

PAGELLE

Autosalone Testori

Ravera: non impeccabile sui primi due gol subiti sul primo palo, poi si riscatta con alcuni buoni interventi. Voto 6
Bollani: detta i tempi in mezzo al campo e apparecchia la tavola per il 4-2. Voto 7
Imbriaco: chiude dietro con buona personalità ed efficacia. Voto 7
Lipiani: timbra il cartellino quattro volte e colpisce un palo. Cosa chiedere di più? Voto 9
Mastrogiacomo: resta a digiuno, ma è comunque co-protagonista in due dei 5 gol. Voto 6,5
Riva: quando alza il ritmo in mezzo al campo da la scarica di adrenalina ai compagni. Voto 7
Nicolas Testori: difende con attenzione e imposta senza sbavature. Voto 7
Oreste Testori: N.E.

 

Milano Pirates

Carfì: nel primo tempo tiene in piedi la baracca con una doppia parata al 15’, poi non può evitare il tracollo nella ripresa. Voto 6,5
Bianchi: mette le ganasce a Mastrogiacomo e si batte come un leone. Voto 7
Dagrada: senza infamia ne lode, prova invano la via del gol da fuori area. Voto 6
Impagnatiello: bomber con le polveri bagnate, anche se sfiora più volte la rete. Voto 5,5
Kolaj: si sbatte davanti ma per una serata è evanescente sotto porta. Voto 5,5
Manenti: battezza il 2-0, ma cala con la squadra nella ripresa. Voto 6
Paolo Marra: arma il raddoppio di Manenti, poi si eclissa. Voto 6
Stefano Marra: nel primo tempo è fondamentale nel raccordo tra difesa e attacco e timbra l’1-0, poi finisce la benzina. Voto 6,5
Valvo: provoca l’autorete del 2-1, poi si riscatta al tramonto. Voto 5,5
Vanzin: meglio da centrale difensivo che da laterale. Voto 6


SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 13^ Giornata

Tettenham – Autosalone Testori 0-4

Partita comandata dal primo all'ultimo minuto da parte della capolista a punteggio pieno Autosalone Testori, che batte con un secco 4-0 un timoroso Tettenham. Risultato che poteva essere anche più ampio se non fosse stato per la straordinaria prestazione del portierone Federici. L’estremo difensore, chiamato in causa per sostituire capitan Brunetti, è stata una vera saracinesca per gli ospiti.
Gara che si apre subito con un gol stupendo di Riva: il centrocampista parte in scioltezza, molto lento, per poi saltare due difensori e scaricare in porta l’1-0 al quarto minuto. Dopo un quarto d'ora si può già facilmente individuare il migliore in campo, Federici: Lipiani di potenza calcia in porta, ma il portierone, è bravo ad opporsi, bloccando in presa. Stessa sorte per Villa che prova la botta ma il portiere del Tettenham non smette di stupire. Gioia soltanto rimandata, però, perché è lo stesso Villa a raddoppiare al 20', con un facile tap-in sotto porta. Nel secondo tempo reazione dei padroni di casa, ma Zulini sbaglia l'occasione più ghiotta del match davanti al portiere, sparando alto sopra la traversa. Al 7' tris del Testori, firmato da Mastrogiacomo, che salta un difensore, si porta il pallone dal destro al sinistro e in un nano secondo, calcia in porta, fulminando Federici. Quarto gol che viene cercato, e poi trovato, con insistenza dagli ospiti: è ancora Villa a giustiziare il Tettenham quando mancano pochi minuti al termine.

Le Pagelle
TETTENHAM

Federici: il portierone del Tettenham evita un passivo più pesante, con parate incredibili. Voto 8

D'Angelo: in confusione per tutto il match. Il terzino non riesce a bilanciare la fase difensiva con quella offensiva. Voto 5,5

Citu: l’ultimo a mollare dei suoi. E’ anche sfortunato nella punizione a 5’ dalla fine con destro a giro, potente dalla distanza che sbatte sulla traversa, negandogli un gol memorabile. Voto 7,5

Giaquinto: tenta col fisico e con la grinta di creare pericoli nella difesa avversaria, ma ha di fronte ottimi difensori che lo disinnescano. Voto 6,5

Colombini: Il “vecchietto” parte maluccio, faticando non poco nel primo tempo. Nella ripresa però trova il ritmo giusto e salva la sua prestazione. Voto 6

Cesario: incide poco sulla partita, la mette sulla velocità ma i difensori del Testori non si scompongono. Voto 6

Cova: sfiora un gran gol a pochi minuti dalla fine ma è sfortunato. Voto 6

Gaglini: Un pesce fuor d'acqua ma era davvero una serata difficile. Voto 5,5

Zulini voto 5.5: Di solito è molto più cinico sotto porta ma ad inizio ripresa, nell'uno contro uno col portiere, sbaglia il possibile 1-2 che avrebbe potuto riaprire la gara. Voto 5,5

 

AUTOSALONE TESTORI

Corbella: non prende un voto come il suo collega solo perchè viene molto meno impegnato, ma in quelle poche occasioni necessarie para con ottimi riflessi, dando sicurezza alla difesa. Voto 7

Nicholas Testori: parte da rifinitore della manovra offensiva, ad impostare ed orchestrare le azioni migliori. Nella seconda frazione, invece, si abbassa come ultimo uomo e stoppa ogni occasione del Tettenham con esperienza. Piedi buoni, raffinato. Voto 7,5

Riva: MVP e dotato di una classe sopraffina e una serenità che gli permette di fare ciò che vuole. Scherza gli avversari con giocate sontuose, togliergli la palla sembra davvero impossibile. Voto 8

Mastrogiacomo: Fallisce qualche occasione di troppo nei primi minuti ma saprà rifarsi. E' pesante fisicamente, ma sa essere rapido ed imprevedibile. Negli ultimi istanti di partita è letale sotto porta. Voto 7

Villa: Segna due gol, ma fa anche tante altre piccole cose importanti e fondamentali per l'esito della partita. Voto 7,5

Bollani: Entra nella ripresa e sembra spaesato in mezzo al campo, poi però, trova le giuste misure e disputa una buona gara. Voto 6

Lipiani: Fa il suo. Tenta anche la giocata spettacolare, ma Federici gli dice di no su un tiro al volo che avrebbe meritato la standing ovation. Voto 6

Imbriaco: preciso in difesa, senza sbavature. Commette soltanto un piccolo errore in tutta la partita. Voto 6,5

 

I COLONI – VIGHIGNOLO 0-12

Pioggia di gol del Vighignolo sul campo dei Coloni in una partita a senso unico dall’inzio alla fine. Il primo tempo è dominato interamente da Pecorino e Berardi che con splendide combinazioni e azioni personali segnano la bellezza di 7 reti. Ad aprire le danze dopo 4 minuti ci pensa Pecorino con un bel destro, subito dopo mette il suo primo sigillo anche Berardi. Dopo altri due gol di Pecorino che sfrutta bene la sua velocità e la sua tecnica con caparbie giocate personali, arrivano altri tre gol di Berardi, uno di testa su assist da rimessa laterale di Perego e uno bellissimo con dribbling su avversario e portiere prima di depositare nella porta sguarnita. Nella ripresa arrivano altri 5 gol, uno realizzato da Francani che disegna una parabola imparabile, uno da Raffaele Francesco con un destro secco, gli altri dallo scatenato Pecorino che, incontenibile, semina avversari e punisce con tre bellissimi reti di destro. I Coloni hanno provato una timida reazione solo nella parte centrale del primo tempo andando qualche volta alla conclusione ma la superiorità di Vighignolo questa sera è stata netta e schiacciante con gli ospiti che, con questa vittoria, continuano a inseguire i playoff.

LE PAGELLE

I COLONI

Brunner: subisce 12 gol ma può farci ben poco, sono tutti tiri ravvicinati Voto 6
Cioffi: il più propositivo dei suoi, i tiri in porta più pericolosi sono opera sua Voto 6,5
Conserva:
 è l’uomo con più qualità della squadra ma stasera non riesce a esprimersi come suo solito Voto 6
Roggia: difende come può le discese di Pecorino che però stasera è immarcabile. Voto 6
Dognini: l’impegno non manca mai ma anche lui contro avversari così organizzati va in difficoltà Voto 5,5
Marzucca: riesce a rendersi pericoloso nel primo tempo, poi cala nella ripresa. Voto 6
Monti:
 corre tanto in fascia e anche lui si rende pericoloso in qualche occasione. Voto 6
 

VIGHIGNOLO

Stefano Berardi: quasi mai chiamato in causa, risponde presente quando impegnato Voto 6,5
Francani: buona partita in fascia condita dalla meravigliosa parabola dello 0-9 Voto 7
Perego: prova attenta, gli avversari non lo intimoriscono quasi mai Voto 6,5
Raffaele Francesco: entra nella ripresa e segna un bel gol con un destro secco e preciso Voto 6,5
Pecorino
: man of the match a mani basse, oggi inarrestabile, segna 6 gol, fa assist, dribbla più volte tutta la difesa dei Coloni, semplicemente scatenato Voto 9
Raffaele Maurizio: prova di sostanza e qualità Voto 6,5
Solidoro
: non sbaglia praticamente nulla né in fase difensiva, né in fase d’impostazione Voto 6,5
Fabio Berardi: gioca un solo tempo e segna 4 gol, prova impetuosa ed estremamente efficace la sua  Voto 8
Foti: buona prova con anche una discreta spinta sulla fascia sinistra. Voto 6,5

 

Milano Pirates – Gnu Team 8-4

Pronostico rispettato nella seconda di ritorno, con i Pirati che superano l’ostacolo Gnu Team e mantengono il secondo posto. Gnu Team esce comunque a testa alta dalla sfida, nella quale sblocca per primo il risultato con un diagonale palo-rete di Macario. La reazione dei Pirati frutta l’uno-due del sorpasso di Valvo e Impagnatiello. Prima del riposo Milano Pirates vola sul 4-1 con il bis di Impagnatiello e un’autorete. Ad inizio ripresa Gnu Team riapre i giochi con la doppietta personale di Macario e il 3-4 di Guacci, con un colpo di testa su lancio di Avanzini. Punti sul vivo, Carfì e compagni danno l’accelerata decisiva e volano fino all’8-3 con il poker di Impagnatiello e i sigilli di Paolo Marra e Dagrada. Nel finale terza gemma di Macario per Gnu Team, che si merita il premio di “Man of the match” di Sportland Channel

Milano Pirates

Carfì: non impeccabile nell’uscita sul 3-4, per il resto è sempre sul pezzo, con alcune paratone prodigiose. Voto 7
Bezzi: più di lotta che di governo, da il suo contributo prezioso alla causa. Voto 6,5
Dagrada: resta in campo stoicamente, malgrado un problema fisico, timbra il 6-3 e apparecchia la tavola per il 5-3. Voto 7
Impagnatiello: il bomber ritrova l’istinto da killer dei tempi migliori, calando il poker che spacca in due la partita. Voto 8
Kolaj: meno devastante di altre occasioni, prova senza fortuna il tiro dalla lunga distanza. Voto 6,5
Manenti: centrale difensivo, nel finale di primo tempo si deve arrendere a un problema muscolare. Voto 6
Paolo Marra: Insacca il 7-3 con una puntata e porge l’assist a Impagnatiello per il 4-1. Voto 7
Valvo: da il via alla riscossa, autografando l’1-1, dopo aver provato un paio di volte di pungere da fuori area. Voto 6,5

Gnu Team

Iurato: incassa 8 reti senza colpe particolari, ma tiene in partita i suoi fino ad inizio ripresa, parando il parabile. Voto 6,5
Avanzini: stantuffo sulla sinistra con buoni piedi, ha il merito del cross vincente del 3-4. Voto 6,5
Bassi: senza infamia, ne lode fa legna per i compagni. Voto 6
Costanzo: ha vita dura nel reparto difensivo, anche se l’impegno non manca. Voto 5,5
Guacci: attore protagonista con il colpo di testa del 3-4 e l’assist vincente per il 2-4. Voto 7
Liotta: centrale difensivo, fatica ad arginare Impagnatiello e provoca anche l’autorete dell’1-3. Voto 5,5
Macario: fa reparto offensivo praticamente da solo, impacchetta una tripletta Doc e colpisce pure la traversa. Voto 8
Radino: con la sua buona tecnica e il sinistro al velluto prova a creare scompiglio. Voto 7
Villanucci: gioca davanti, ma non incide. Voto 5,5

 

Settimo - Tenuta Carretta 6-2

Nella seconda di ritorno netta supremazia mostrata dal Settimo nella vittoria per 6-2 contro Tenuta Carretta. Primo tempo in verità trascorso per lunghi tratti sul sottile filo dell'equilibrio. Ma al 19’ la partita si spacca: Arcerito riceve palla e dalla lunghissima distanza lascia partire un destro che sfiora il palo e gonfia la rete. Il raddoppio è immediato: al 23’ ancora Arcerito si procura e trasforma il rigore. La ripresa è ancora di marca viola: al 6’ Marino fa il tris e all’8’ Carulli cala il poker, con un guizzo da pochi metri. A questo punto il Tenuta Carretta reagisce: Alfieri prima si guadagna un rigore e lo trasforma, poi sigla il 4-2 con un bel destro dal limite dell’area. Ma il Settimo ristabilisce subito le distanze: Novelli riceve palla dentro l’area, salta  l’ultimo difensore e d’esterno destro batte Lombella. Due minuti più tardi  ancora Arcerito chiude il match sul 6-2.

Le pagelle

Settimo Calcio

Arcerito: “man of the match” grazie alla tripletta: imprendibile sulla fascia sinistra. Prestazione decisiva. Voto 8
Carulli
: il bomber e capitano soffre la stretta marcatura dei difensori avversari. Si riscatta nella ripresa con il gol del 4-0. Voto 7
Damiani
: buona prova difensiva nel primo tempo. Nella ripresa soffre il dinamismo di Alferi. Voto 6,5
Laudenzi
: spinge con continuità sull’out di destra , ma è attento anche in chiusura. Voto 6,5
Lo Schiavo
: detta i tempi di gioco in mezzo al campo. Voto 7
Marino
: trova il gol del 3-0, a coronamento di una prestazione maiuscola. Voto 7
Sicolo
: non può far nulla sulla doppietta di Alferi. Alterna  alcuni buoni interventi a qualche indecisione. Voto 6
Novelli
: entra a metà ripresa ed è implacabile, timbrando una rete da grande attaccante e almeno altre due conclusioni pericolose. Voto 7

Tenuta Carretta

Alfieri: opaco nel primo tempo, si scatena nella ripresa con una doppietta e un rigore procurato. Voto 7
Di Capua
: prestazione in chiaroscuro: qualche buona iniziativa offensiva, ma anche alcune disattenzioni in difesa. Voto 6
Italia:
soffre a centrocampo la presenza di Lo Schiavo. Migliora nella ripresa. Voto 5,5
Lombella:
può far poco o nulla sui 6 gol incassati. Nel complesso evita che il passivo si faccia più pesante. Voto 6
Marugi:
agisce sul settore destro con buona continuità anche se soffre la tecnica di Arcerito. Voto 6
Merli:
serata difficile la sua: Carulli e Arcerito lo mettono in costante difficoltà. Voto 5,5
Mileto:
Marino non è un buon cliente e ne soffre il dinamismo e la rapidità. Voto 5,5
Petrazzini:
tiene bene nel primo tempo, cala nella ripresa. Voto 6
Spinelli:
entra ad inizio secondo tempo , posizionandosi sulla sinistra. Non riesce a dare vivacità all’azione. Voto 5,5


El Puma Team – Ceva Logistics 17-2

Nella seconda di ritorno El Puma Team fa un sol boccone di Ceva Logistics, centra la terza vittoria di fila e mantiene il terzo posto, in compagnia del Settimo. Successo dedicato da El Puma al capitano Emanuele Antoniazzi, che allo scadere del primo tempo cadeva male a terra e batteva la tempia perdendo conoscenza, con necessario arrivo dell’ambulanza e ricovero in ospedale. Senza storia la sfida del Baggio, con El Puma avanti 9-0, trascinata dalla cinquina di Maderna, più l’ambo di Giuri e il gol di Ochoa, più un’autorete. Prima del riposo Nicholas Chirico rompeva il digiuno per Ceva Logistics. Nella ripresa El Puma Team andava a segno altre due volte con Maderna e Murgia. Poi il capitano di Ceva Giuseppe Chirico firmava il 2-12. Nel finale saliva in cattedra il mister de Il Puma Antonio Fumarola che impacchettava la tripletta in pochi minuti, che gli valeva il premio di “Man of the match”. Per i rossoblu la goleada era completata dal settebello di Maderna il tris di Giuri e la segnatura del talento in erba Ivan Fumarola.

 

Le pagelle

El Puma Team

Corradini: incassa due gol senza colpa, ma per il resto si deve sporcare pochissimo i guantoni. Voto 6,5
Antoniazzi: il capitano meriterebbe l’Oscar della sfortuna per l’incidente capitato allo scadere del primo tempo. In bocca al lupo per una pronta guarigione e per il rapido ritorno in campo. Voto 7
Conversa: inizia sfondando la traversa da fuori, poi lascia spazio ai compagni e gioca solo una quindicina di minuti. Voto 6,5
Dubla: serata quasi da disoccupato per il difensore, che sbriga l’ordinaria amministrazione. Voto 6,5
Antonio Fumarola: il mister gioca tutta la ripresa e timbra una tripletta  d’autore in pochi minuti, come fece Anastasi in Juve-Lazio nel 1974. Voto 8
Ivan Fumarola: il talentino classe ’99 si toglie la soddisfazione di segnare un gol. Voto 7
Giuri: porta a casa il pallone con la tripletta che lo incorona vice-bomber. Voto 7,5
Maderna: cala un settebello confermandosi bomber implacabile. Voto 9
Ochoa: timbra pure lui il cartellino, firmando il 6-0. Voto 6,5
Murgia: rifinitore al servizio dei compagni, rompe il digiuno ad inizio ripresa. Voto 6,5

 

Ceva Logistics

Ciresi: sembra il malcapitato orso del Luna Park, preso a pallate: raccoglie il pallone in fondo al sacco 17 volte, ma ne evita almeno altrettanti. Voto 5,5
Giuseppe Chirico: il capitano gioca davanti e si toglie lo sfizio di andare a bersaglio. Voto 6
Giannetto: si vede sgusciare avversari da tutte le parti e cerca di arrangiarsi col mestiere, ma con scarso profitto. Voto 5
Pacchioni: provoca l’autorete dello 0-7 e può far poco contro gli indemoniati attaccanti avversari. Voto 5
Panzeri: pure lui dietro non può arginare lo “Tsunami”. Voto 5
Sabino: il più tecnico dei suoi cerca di pungere, ma senza successo. Voto 5,5
Nicholas Chirico: il talentino in erba segna il gol della bandiera. Voto 6
 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 12^ Giornata

EL PUMA TEAM – AC TENUTA CARRETTA 9-4

Grande spettacolo tra El Puma team e Ac Tenuta Carretta nella prima giornata di ritorno della Gazzetta Football League. Partita ricca di gol, alcuni di pregevolissima fattura, con tante emozioni. Sugli scudi sicuramente Maderna, man of the match e autore di ben 6 reti. Proprio l’8 del El Puma Team la sblocca dopo 3 minuti per poi ripetersi su punizione all’6° e con un bel colpo di testa in avvitamento all’11°portando i suoi sul 3-0. La partita sembra già chiusa ma dopo un clamoroso palo colpito da Antoniazzi, Ac tenuta Carretta, che fin li aveva comunque giocato un ottimo calcio, la riapre con un super gol di Merli che spedisce all’incrocio un siluro col destro. Da qui sale sugli scudi Niro che sul finire del primo tempo sigla il 3-2 su punizione e subito all’inizio del secondo tempo realizza la rete dal 3-3 di destro che vale il pareggio. Ci pensa di nuovo Maderna a riportare avanti El Puma Team con un bel diagonale di sinistro, ma ancora Niro e sempre col destro riporta ancora una volta la situazione in parità. Ci vuole un pizzico di fortuna per i padroni di casa che ritrovano il vantaggio con uno sfortunato rimpallo sul portiere dopo un tiro di Dubla. Qui si spegne purtroppo una spettacolare Tenuta Carretta che paga l’infortunio di Cateni e la mancata disponibilità dei cambi. Cosi in contropiede Maderna  (13°e 19°), Giuri (16°) e Antoniazzi (25°) portano il risultato sul 9-4 finale.

Le pagelle

EL PUMA TEAM

Corradini: quando chiamato in causa risponde sempre presente con sicurezza Voto 6,5
Antoniazzi: buona partita in difesa, trova anche la gioia del gol nel finale. Voto 6,5
Colombo: partita discreta, gli manca solo un pochino di concretezza sotto porta . Voto 6
Conversa: buonissima gara, spinge sulla fascia e difende egregiamente. Voto 7
Fumarola Ivan : ha talento e si vede, deve crescere ma il tempo è dalla sua parte. Voto 6,5
Dubla: ha il merito di trovare il fondamentale gol del 5-4, anche se con fortuna. Voto 6,5 
Giuri: segna il gol della sicurezza e fa tante sponde ai compagni Voto 6,5
Iorio
: prestazione attenta e senza sbavature. Voto 6,5
Maderna: in serata di grazia, trascinatore assoluto della squadra, segna 6 gol ed è Man of the Match a mani basse  Voto 8
Fumarola Antonio: ha una grande occasione sotto porta ma preferisce essere altruista e passare il pallone Voto 6
Murgia
: fa tanto lavoro sporco, e lo fa bene Voto 6,5

A.C TENUTA CARRETTA

Lombella: compie tante grandissime parate, senza di lui il passivo sarebbe stato molto più alto Voto 7
Di Capua:
prestazione attenta ma quando arriva Maderna da quelle parti son dolori Voto 6
Spinelli:
grande sacrificio sulla fascia dove spinge e difende con costanza Voto 6,5
Petrazzini:
spinge tanto sulla fascia destra, buona prestazione Voto 6,5
Merli:
trova un eurogol bellissimo che riaccende le speranze e da il via alla rimonta momentanea Voto 6,5
Mileto:
gara difficile e di grande sacrificio Voto 6
Cateni:
si fa male dopo pochi minuti, poteva essere molto utile Voto s.v.
Niro:
anima, leader e trascinatore della squadra, non molla mai, segna 3 reti e ci prova in ogni modo possibile Voto 7,5

 

MILANO PIRATES – TETTHENAM 7-2

Vittoria importantissima per Milano Pirates nella prima giornata di ritorno della Gazzetta Football League contro un Tetthenam brillante e che è rimasto vivo, pericoloso in partita fino agli ultimi 5 minuti prima di sprofondare sotto i contropiedi dei Pirati. Dopo la fase di studio iniziale al 10 minuto c’è una strepitosa doppia parata di Federici che ipnotizza prima Marra su punizione e poi si supera sulla ribattuta a colpo sicuro di Kolaj. I Pirates trovano il vantaggio al 18° con un bel destro di Marra ma passano pochi minuti e Peluso con straordinario senso del gol e della posizione si fa trovare pronto su un traversone in aerea e con un bel destro trova il pareggio. Proprio sul gong del primo tempio Kolaj trova il 2-1 con un insistita azione personale.

Nella ripresa i Pirates vogliono chiuderla e partono all’arrembaggio prendendo un palo con Marra e chiamando Federici a compiere 3-4 interventi fantastici. In due minuti però tra il 14° e il 15° Kolaj segna altri due gol e porta il risultato sul 4-1. Sembra chiusa ma il Tetthenam continua a crederci, dalla panchina chiedono a Peluso di rientrare e pochi minuti dopo il suo ingresso l’attaccante Tetthenam segna ancora da opportunista vero e riapre i giochi. Parte così l’assedio Tetthenam che porta Carfì a compiere un super intervento. Negli ultimi 5 minuti, il Tetthenam ormai stremato crolla, subisce il 5-2 da Bezzi, ben servito da Dagrada e infine sale in cattedra Impagnatiello che segna il 6 e 7-2 definitivo in contropiede.

Le pagelle

MILANO PIRATES

Carfì: fondamentale una sua parata sul 4-2 che poteva riaprire i giochi. Voto 7
Bianchi: partita sontuosa del capitano che è spesso chiamato a mettere una pezza. Voto 7
Dagrada: mette un cioccolatino sulla testa di Bezzi. Voto 6,5
Impagnatiello: sembra non riuscire a ingranare, poi nel finale si sveglia e segna due gol Voto 6,5
Kolaj: oggi è lui a trascinare i Pirates, segna gol fondamentali e gestisce il centrocampo con maestria, Man of the Match . Voto 7,5
Manenti: corre tanto sulla fascia ma non riesce a incidere troppo. Voto 6
Paolo Marra: corre sempre, avanti e indietro come un pendolino inesaurubile. Voto 7 

TETTENHAM

Federici: partita spettacolare, con interventi prodigiosi tiene in piedi la partita fino alla fine Voto 7,5
Citu: corre per tre, guida i suoi con grande determinazione. Voto 6,5
Colombini: ottimo difensore, sempre puntuale nelle chiusure. Voto 6,5
Cova
: corre e si sacrifica, tanto impegno e buona tecnica. Voto 6
D’Angelo: cerca qualche buon inserimento. Voto 6,5
Giacquinto: cerca di dar fastidio su alla difesa avversaria con buoni risultati. Voto 6
Nava: uno dei leader della difesa, guida il reparto con audacia Voto  6,5
Gaglini: giocatore talentuoso, salta spesso l’uomo e ha una gran visione di gioco. Voto 7
Rocco: si sacrifica a fare difesa e attacco continuamente. Voto 6
Zulini: ci prova spesso dalla distanza ma è poco fortunato oggi. Voto 6,5
Maci:
tanto impegno e buona volontà Voto 6
Peluso:
segna due gol su due palloni che ha a disposizione, bomber di razza. Ci crede fino alla fine e gioca una partita sontuosa Voto7,5

 

Autosalone Testori – Vighignolo 4-2

Nella prima di ritorno la capolista a punteggio pieno Autosalone Testori, costretta a schierare in porta un giocatore per l’assenza di un portiere di ruolo, fa suo anche il big-match contro Vighignolo (reduce da quattro successi) e fa il vuoto alle sue spalle. La supersfida del Barona si accende al 10’ quando Donadel mette in mezzo un pallone che Abati battezza in rete. Al 18’ Vighignolo replica, con il pareggio firmato da un diagonale di Fabio Berardi. Poco prima del riposo Autosalone Testori piazza il break decisivo con il 3-1 ravvicinato, griffato da un tocco sottoporta di Mastrogiacomo e un diagonale di Abati. A metà ripresa Pecorino si procura e trasforma il penalty del 2-3, ma a al 15’ il bis di Mastrogiacomo del 4-2 appone il certificato notarile sul match.

Le pagelle

Autosalone Testori

Pacchiarini: costretto a indossare i guantoni per il mancato arrivo di Varaldi, è poco impegnato, ma se la cava egregiamente, soprattutto a fine primo tempo con un paio di pregevoli parate. Voto 7
Abati: come un sicario si fa trovare pronto due volte al momento giusto per colpire e timbra la doppietta del break decisivo nel primo tempo. Voto 7,5
Bollani: entra nel secondo tempo e dal il suo contributo in mezzo al campo. Voto 6
Donadel: apparecchia la tavola per l’1-0 di Abati, sfiora più volte il gol e si merita il premio di “man of the match”. Voto 7,5
Franzini: fa il suo sul binario di destra e prova più volte a calciare in porta, ma commette l’errore difensivo in disimpegno che costa il pareggio. Voto 6,5
Mastrogiacomo: nervoso e meno devastante del solito, ma impacchetta comunque la doppietta decisiva. Voto 7
Riva: guida con autorità il pacchetto difensivo, e francobolla Pecorino. Voto 7
Testori: prestazione senza macchia del capitano sulla fascia sinistra. Voto 7

Vighignolo

Stefano Berardi: strepitoso nel primo tempo, quando compie 6 parate provvidenziali, meno impegnato nella ripresa. Voto 7,5
Fabio Berardi: timbra l’1-1 e si batte fino all’ultimo con impegno e qualità. Voto 7
Foti: nel primo tempo crea scompiglio con i tagli da sinistra verso il centro, poi cala. Voto 6,5
La Rocca: cerca di dare il suo contributo sulla destra e nel finale manca la porta col piattone da posizione favorevole. Voto 6
Pecorino: si procura e trasforma il penalty del 2-3, ma per il resto è abbastanza anonimo rispetto alle gare precedenti. Voto 6
Raffaele: N.E.
Saverino: il capitano è attento nelle chiusure difensive e aiuta Solidoro. Voto 6,5
Solidoro: riesce a limitare in buona parte l’esuberanza di Mastrogiacomo. Voto 6,5
 

Settimo - Gnù Team 7-2

Gara dai due volti quella tra Gnù Team e Settimo. Primo tempo equilibrato, con poche emozioni e gioco prevalentemente a centrocampo. La partita si sblocca al 5’ quando Carulli raccoglie un passaggio filtrante e da pochi metri batte Iurato. Ma la reazione di Gnù team è immediata: Villanucci dalla trequarti lascia partire un destro affilatissimo che batte Sicolo. Il nuovo sorpasso per il Settimo arriva proprio sul finire della frazione, quando ancora Carulli batte Iurato con una rasoiata dal limite. Nella ripresa si rompe l’inerzia e il Settimo dilaga. A trovare la via della rete sono Lo Schiavo, Di Viesti, Damiani e di nuovo Carulli. Sul 6-1 lo Gnù Team accorcia le distanze con un ispirato Villanucci, che raccoglie e capitalizza un lancio illuminante di Costanzo. Il definitivo 7-2 è ad opera di Marino, che supera il portiere da distanza ravvicinata.

Le pagelle

Settimo Calcio

Sicolo: senza colpe sui 2 gol di Villanucci, si esibisce in altre ottime parate. Voto 6,5
Buttacavoli: entra a metà ripresa a partita già decisa. Si limita all’ordinaria amministrazione. Voto 6
Carulli: “man of the match” con una tripletta e un delizioso assist di tacco per il 4-1 di Di Viesti. Partita da incorniciare. Voto 8
Damiani: agisce con continuità ed efficacia sulla fascia sinistra. Grande opportunista in occasione del 5-1. Voto 7
Di Viesti: autoritario in fase difensiva,impreziosisce la sua prestazione con un pregevole gol. Voto 7
Laudenzi: sicuro nelle retrovie, lascia poco spazio agli attaccanti avversari. Voto 6,5
Lo Schiavo: geometra a centrocampo, trova anche la rete che spacca il match ad inizio ripresa. Voto 7
Marino: agisce su tutta la fascia destra  con buona continuità. Chiude i giochi con la rete del 7-2 . Voto 6,5

 Gnù Team

Iurato: poco reattivo solo sul gol di Lo Schiavo. Poi evita che il passivo si faccia più severo. Voto 6
Avanzini: si posiziona sulla fascia sinistra dove non riesce a dare spinta con continuità. Voto 5,5
Bassi: serata complicata. La tecnica di Carulli lo mette in costante difficoltà.  Voto 5,5
Costanzo: protagonista di un lancio perfetto dalla sua metà campo per il gol di Villanucci. Ammonito nel finale per proteste. Voto 6
Guacci R.: entra a gara iniziata,posizionandosi sulla sinistra dove soffre lo strapotere fisico di Damiani.  Voto 5,5
Guacci A.: stretto nella morsa dei centrali avversari,fatica non poco a trovare la posizione. Voto 5,5
Radino: buona prestazione in mezzo al campo. Detta i tempi di gioco e sfiora ripetutamente il gol con conclusioni dalla distanza. Voto 6,5
Villanucci: senza dubbio il migliore dei suoi. Realizza entrambi i gol dimostrando buona tecnica e freddezza sottoporta. Voto 7
Liotta: comincia dalla panchina, entra a metà primo tempo ma non riesce ad incidere sul match. Voto 5,5

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 11^ Giornata

El Puma Team-Gnù Team : 4-1

Partita ad alta intensità tra El Puma e Gnù Team, valevole per l’undicesima giornata  della Gazzetta Football League.La prima frazione vede una netta superiorità degli uomini di El Puma, pericolosi  al 6’ con Maderna, che con un affilato destro da fuori area centra il palo. Un minuto più tardi arriva il vantaggio: Giuri è il più lesto ad arrivare sulla corta respinta di Iurato, siglando l’1-0. Pochi minuti più tardi il raddoppio per El Puma: bellissima verticalizzazione di Conversa per Colombo, che da pochi metri non può sbagliare. La reazione di Gnù Team arriva sul finire del primo tempo, quando una bella triangolazione mette davanti alla porta Guacci, che sigla l’1-2. L’inizio della ripresa coincide con lo sforzo massimo, ma senza esito, di Gnù Team alla ricerca del pari. Scampato il pericolo, El Puma prende il largo: al 10’ con uno sfortunato autogol di Villanucci e all’11’ con un gran destro dalla distanza di Iorio,per il definitivo 4-1.

Le pagelle

El Puma

Corradini: con le sue parate blinda il successo ed evita agli avversari di tornare in partita. Voto 7
Antoniazzi: buona sicurezza nelle retrovie e qualche sortita offensiva. Colpisce un palo nella ripresa. Voto 6,5
Colombo: partita di grande qualità. Implacabile sotto porta in occasione del 2-0. Voto 7
Conversa: ”Man of the match” sicuro nelle chiusure difensive e sempre pericoloso anche in attacco. Delizioso l’assist a Colombo. Voto 7,5
Fumarola: entra negli ultimissimi minuti, quando la vittoria è già in cassaforte. Voto 6
Giuri: sblocca la partita, sfiora il gol in altre occasioni: un costante pericolo per la difesa avversaria. Voto 7
Iorio: chiude il match con un gran gesto tecnico, dopo una buona partita. Voto 6,5
Maderna: non sempre puntuale nelle giocate a metà campo. Poco lucido anche sottoporta. Voto 5,5
Ochoa: una mina vagante con la sua velocità sulla fascia destra, dove i difensori faticano a contenerlo. Voto 6,5
 

 Gnù Team

Iurato: poche responsabilità sui 4 gol subiti, ma evita che il passivo si faccia più pesante. Voto 6
Avanzini: soffre le incursioni di Colombo sulla sinistra e prova qualche buona iniziativa offensiva. Voto 6
Bassi: serata non facile. Fatica a contenere gli attacchi avversari. Voto 5,5
Costanzo: grande corsa e generosità in mezzo al campo, con qualche errore di misura. Voto 6
Guacci: segna il gol che riapre il match. Sempre combattivo in mezzo al campo. Voto 6,5
Macario: il più pericoloso: tante conclusioni, ma spesso imprecise. Voto 6,5
Radino: qualche errore di troppo in fase di impostazione. Voto 5,5
Villanucci: sfortunato in occasione dell’autogol. Serata nel complesso difficile. Voto 5,5

 

Settimo Calcio – Milano Pirates 1-4

Milano Pirates fa suo lo scontro diretto per il secondo posto contro Settimo. Apre le danze Dagrada, che dopo una percussione centrale scaglia un siluro sotto la traversa, portando avanti i Pirati. Settimo replica con Arcerito, che ribadisce in rete una corta respinta di Carfì, dopo una punizione di Corani. Ad inizio ripresa Milano Pirates riallunga con una ripartenza avviata da Merafina e finalizzata da Kolaj. La reazione del Settimo viene contenuta da Carfì e compagni, che poi chiudono i conti con il 3-1 firmata da una sventola da fuori area da Valvo e il 4-1 provocato da un’autorete provocata da Di Viesti.

Le pagelle

Settimo
Novelli
: A 39 anni se la cava egregiamente, con alcuni interventi prodigiosi nel primo tempo. Voto 7
Buttacavoli: entra nel ripresa a dare il suo contributo nel reparto difensivo. Voto 6
Arcerito: firma il pareggio, poi nella ripresa non buca più la porta. Voto 6
Carulli: il capitano digiuna, faticando contro l’attenta retroguardia avversaria. Voto 5,5
Corani: si muove tra le linee e calcia la punizione che origina l’1-1. Voto 6
Damiani: centrale difensivo, non sempre impeccabile nelle chiusure. Voto 5,5
Di Viesti: parte da dietro e s’inserisce, ma macchia una buona prestazione con l’autorete dell’1-4. Voto 5,5
Marino: S.V.
Sicolo: N.E.

Milano Pirates
Carfì
: blinda a doppia mandata la porta, soprattutto nel secondo tempo. Voto 7
Bianchi: nella prima frazione è parecchio falloso, poi prende le misure a Carulli e lo francobolla. Voto 7,5
Dagrada: accende la miccia con l’incursione dell’1-0. Voto 6,5
Impagnatiello: il bomber ha le polveri bagnate, anche se nel finale colpisce un palo e sfiora il gol. Voto 6
Kolaj: sempre sul pezzo, battezza il 2-1 e nel finale centra la traversa. Voto 7
Manenti: senza infamia e senza lode. Voto 6
Paolo Marra: si sdoppia davanti e dietro con una prestazione di sacrificio al servizio della causa. Voto 6,5
Stefano Marra: prova più volte la via del gol, anche su punizione. Voto 6
Merafina: all’esordio assoluto, avvia la ripartenza del 2-1. Voto 6
Valvo: la sassata del 3-1 che sfonda la rete vale il prezzo del biglietto. Voto 7
 

 

Vighignolo – Tettenham 5-3

Terza vittoria di fila per Vighignolo, che nella ripresa riesce a domare la resistenza di un combattivo Tettenham, per primo in vantaggio con un diagonale di Cova. La replica di Vighignolo è immediata, con l’1-1 firmato da una rasoterra di Francani che scheggia il palo prima d’insaccarsi in rete. Sullo slancio Vighignolo ribalta il risultato con un colpo di testa di Fabio Berardi. Tettenham non ci sta e riequilibra il risultato con la ripartenza del 2-2 finalizzata da Zulini. Prima del riposo Pecorino ruba palla e impacchetta il nuovo allungo di Vighignolo, raggiunto però allo scadere da Citu, che sfrutta un’indecisione della difesa avversaria. Nella ripresa sale in cattedra il bomber Pecorino, che si procura e trasforma i due penalty decisivi del 5-3 e si merita il premio di “Man of the match” di Sportland Channel.

LE PAGELLE

VIGHIGNOLO
Stefano Berardi
: compie alcuni buoni interventi, anche se è complice della segnatura del 3-3. Voto 6
Francani: timbra il pareggio e pennella il cross del 2-1, coronando una buona prestazione. Voto 7
La Rocca: giostra sul binario di destra e prova senza successo la via del gol da fuori area. Voto 6
Leoni: entra a gara in corso e cerca di rendersi utile con la sua buona tecnica e il tiro da fuori. Voto 6,5
Pecorino: meno devastante di altre gare, però si procura e trasforma i due penalty decisivi e stampa la tripletta che svolta la gara. Voto 7,5
Saverino: prova diligente del capitano nel reparto difensivo, anche se è co-protagonista del pasticcio sul 3-3. Voto 6
Solidoro: da sostanza dietro, con una prestazione attenta e ordinata. Voto 6,5
Fabio Berardi: all’alba colpisce un palo da due passi, poi insacca di testa il 2-1. Voto 6,5
Foti: penalizzato da un problema a una caviglia, prova a rendersi utile sulla sinistra. Voto 6

TETTENHAM
Maci
: rimpiazza il “Totem” Brunetti e para il parabile, incassando 5 gol senza colpe. Voto 6,5
Citu: il capitano tiene sul chi vive i difensori avversari e firma il 3-3. Voto 6
Colombini: da manforte al pacchetto arretrato, con alcune buone chiusure. Voto 6,5
Cova: sblocca il risultato e sfiora la doppietta, con una spettacolare rovesciata. Voto 7
D’Angelo: si muove con sufficiente dinamismo tra le linee offensive. Voto 6,5
Giacquinto: il pivot si sacrifica in aiuto del reparto difensivo. Voto 6
Nava: guida il reparto arretrato con la consueta autorità. Voto  6,5
Repossi: senza infamia e senza lode fa legna dietro. Voto 6
Rocco: si sdoppia in un doppio ruolo di sacrificio davanti e dietro. Voto 6
Zulini: ha il merito soprattutto di autografare il 2-2 nel primo tempo. Voto 6,5

 

Ceva Logistics - I Coloni     2-1

Ancora alla ricerca dei primi tre punti, Ceva Logistics e I Coloni si affrontano in una gara molto combattuta. La partita si sblocca nei primissimi minuti: Dognini con un bel destro dal limite dell’area trafigge un non impeccabile Ciresi, per l’1-0 dei Coloni. Il primo tempo prosegue tra grande equilibrio a centrocampo e qualche sortita offensiva per parte: al 13’Cioffi scheggia la traversa, poi al 15’ Sabino non trova la porta di poco. Ma proprio sul finale della prima frazione arriva il pareggio del Ceva: su punizione ancora di Sabino è Chirico, con una fortunosa deviazione da pochi metri, a superare Casale. La ripresa si apre con un tiro di Marzucca, che esce di poco alla destra di Ciresi. La risposta del Ceva non si fa attendere: Sabino prende palla sulla destra, entra in area e dopo aver saltato un paio di avversari,  gonfia la rete per il 2-1 del Ceva. Nel finale i Coloni provano in tutti i modi a riequilibrare il risultato, ma gli attacchi sono sterili ed inefficaci. Il Ceva può così festeggiare la prima vittoria .

Le pagelle

I Coloni
Casale:
incolpevole in occasione dei 2 gol, si dimostra all’altezza con un paio di ottime parate. Voto 6,5
Cioffi: il più pericoloso dei suoi: i buoni riflessi di Ciresi e un pizzico di imprecisione gli negano il gol. Voto 6,5
Conserva: prova a dare qualità al centrocampo, con risultati altalenanti: buone giocate e qualche errore di troppo. Voto 6
Cormio: dà peso alla mediana, ma non riesce a rendersi pericoloso in fase offensiva. Voto 6
Dognini: trova il gol dell’illusorio vantaggio, ma come tutta la squadra, cala di rendimento nel secondo tempo. Voto 6,5
Marzucca: riesce a rendersi pericoloso nel primo tempo, poi cala nella ripresa. Voto 6
Monti: discreta prestazione, macchiata da un clamoroso errore a porta vuota nel primo tempo. Voto 6
Paolelli: fatica a contenere gli attacchi degli avversari. Voto 6
Vercellone: il più brillante dei suoi: lotta come un leone su ogni pallone e dà buone garanzie in fase difensiva. Voto 7

Ceva Logistics
Ciresi:
colpevole sul gol subito, si riscatta con qualche buon intervento. Voto 6
Luongo: puntuali chiusure difensive e un buon senso della posizione . Voto 6
Chirico: bravo e fortunato a trovare il gol del pareggio. Non dà punti di riferimento ai difensori avversari. Voto 6,5
Deasti: dà qualità alla manovra dei suoi con buone giocate. Voto 6,5
Giannetto: lotta a centrocampo con generosità e grande determinazione. Voto 6
Pacchioni: riesce ad arginare le sortite offensive degli avversari con efficacia. Voto 6,5
Panzeri: partita molto attenta in fase difensiva, con pochi errori. Voto 6,5
Sabino: ”man of the match” sforna un assist e trova la rete del 2-1:prestazione decisiva. Voto 7
Scotto: grande corsa e quantità al servizio della squadra. Voto 6 

 

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 10^ Giornata

Autosalone Testori - Ceva Logistics: 19-0

Partita a senso unico quella andata in scena tra la capolista a punteggio pieno Autosalone Testori e i Ceva Logistics, fanalino di coda senza punti in classifica. Pronti via e la partita si mette subito in discesa per il Testori: al 3’ Franzini conclude da fuori area bucando le mani a Rossini. Al 6’ c’è l’immediato raddoppio: grande triangolazione offensiva e Lipiani, sottoporta, trafigge il portiere avversario. Incassato l’uno-due, il  Ceva prova la reazione con 3 occasioni che avrebbero potuto riaprire il match, ma il portiere Corbella si dimostra all’altezza. Scampato il pericolo, il Testori dilaga: Riva,Mastrogiacomo (2),ancora Franzini e Imbriaco (2) chiudono il primo tempo sull’8-0. Nella ripresa il copione è sempre lo stesso. Il 9-0 è immediato e arriva direttamente dal cerchio di centrocampo, con un gran tiro di Mastrogiacomo e la complicità di Rossini. Ma il Testori non è sazio e trova ripetutamente la via del gol: timbrano il cartellino Mastrogiacomo in altre 4 occasioni, Nicolas Testori, Riva(2), Bollani, Lipiani e Franzini, per il definitivo 19-0.

Le pagelle

Autosalone Testori

Corbella: gli attacchi del Ceva, seppur sporadici, confermano la sua ottima forma. Voto 6,5
Franzini: sblocca il match, va a segno in altre 2 occasioni. Prestazione maiuscola. Voto 7,5
Imbriaco: una doppietta e tanta sicurezza nel guidare la difesa. Voto 7,5
Oreste Testori: entra solo a metà del secondo tempo a risultato già acquisito. Si limita all’ordinaria amministrazione. Voto 6
Lipiani: grande qualità in mezzo al campo: detta i tempi di gioco e trova il gol in 2 occasioni. Voto 7
Bollani: entra nella ripresa quando il match è in discesa. Fa il suo e trova anche la via del gol. Voto 6,5
Riva: corsa, qualità e grande fiuto del gol, con una tripletta Doc. Voto 7,5
Mastrogiacomo: “man of the match”: non sbaglia niente davanti alla porta avversaria: 7 gol per una prestazione sontuosa. Voto 8,5
Nicolas Testori: iscrive il suo nome nel tabellino dei marcatori, con un bel destro da attaccante vero. Voto 6,5

Ceva Logistics

Rossini: serata da incubo la sua :19 gol subiti,qualche buon intervento ma anche troppe indecisioni. Voto 5
Chirico N. : lo strapotere fisico e tecnico degli avversari lo mettono in seria difficoltà. Voto 5
Chirico G. :ha il merito di rendersi pericoloso in più di una occasione ma con poca freddezza . Voto 5,5
Crippa: prova  a dare sostanza al centrocampo, ma i risultati non arrivano. Voto 5,5
Giannetto: grande determinazione e volontà che però non possono bastare. Voto 5,5
Pacchioni: soffre molto in fase difensiva la qualità degli attaccanti avversari. Voto 5,5
Panzeri: non riesce a contenere le ripetute incursioni di Testori e compagni. Voto 5,5
Sabino: è il più pericoloso dei suoi. La bravura di Corbella e la sfortuna (palo) gli negano la gioia del gol. Voto 6,5
 

I COLONI – A.C TENUTA CARETTA 2-2

Partita dalla straordinaria intensità quella giocata tra I Coloni e Ac Tenuta Caretta con la squadra ospite che dopo aver sprecato varie occasioni si fa raggiungere in extremis all’ultimo secondo dall’assalto dei coraggiosi padroni di casa che si portano a casa un punto preziosissimo per il loro morale.

Pronti via e i Coloni si portano subito in vantaggio con un gran tiro di destro di Dognini che trafigge Lombella. La reazione di A.C Tenuta Caretta arriva però immediata e al 12’ arriva l’1-1 di Cateni abile a sfruttare un tiro-cross in aerea di rigore. Qualche istante dopo Mileto ha la palla del vantaggio ospite ma a un passo dalla porta spalancata calcia incredibilmente sulla traversa. Al 16 ancora Cateni segna l’1-2 con una bellissima scivolata ad anticipare l’avversario e il portiere. Al 20 sempre Mileto ha la chance di chiuderla, ma la sua ribattuta sulla bella punizione di Niro è troppo debole e viene ipnotizzata da un attento Brunner. La ripresa è dominata a larghi tratti dagli ospiti anche se Lombella è chiamato a compiere due grandi interventi su Cioffi su  due tiri insidiosi. Cateni cerca in ogni modo di segnare la sua personale tripletta ma Brunner gli nega a più riprese il gol che avrebbe chiuso la gara e addirittura si supera in un clamoroso intervento su Locatelli che aveva calciato a botta sicura.

I minuti finali sono i più incandescenti con gli ospiti stanchi e infreddoliti che si difendono dall’assedio dei Coloni vogliosi del pareggio. Pareggio che arriva proprio con l’ultima sortita offensiva, palla in mezzo perfetta di Cioffi e Monti è abilissimo e ancora lucido per scaraventare in rete un gol che vale un punto per se e la sua squadra.

PAGELLE

I COLONI

Brunner: straordinaria partita per il portiere dei Coloni. Decisivo nel tenere i suoi in partita con tante belle parate Voto 7,5
Cioffi: partita di grande sacrificio e spinta, trova l’assist al bacio per il gol finale. Voto 7
Dognini: bravissimo nello smarcarsi e tirare un siluro in porta in occasione del vantaggio inziale, buona partita la sua Voto 7
Marzucca: gara attenta e giocata ad alta intensità fino alla fine Voto 6,5
Monti: Man of the Match perché ha il coraggio e la forza di crederci fino all’ultimo secondo e viene premiato con un gol che ha un valore simbolico di immenso valore, la forza di crederci fino alla fine Voto 7,5
Paolelli: buona gara di sostanza, tanta corsa e tanto impegno per i compagni Voto 6
Vercellone: Lotta li davanti e fa anche qualche buona sponda. Voto 6

Tenuta Carretta
Lombella: ogni tanto la difesa va in letargo e lui ci mette quasi sempre una pezza. Incolpevole sui due gol subiti Voto 6,5
Cateni: migliore dei suoi per distacco. Segna due reti da vero bomber, crea sempre dei pericoli ed è bravo anche nel fare gioco di sponda. Voto 7
De Falco: gara difficile perché i ragazzi dei Coloni corrono tanto, fa quel che può per contenerli Voto 6
Italia: Gara senza infamia e senza lode. Voto 6
Locatelli: prestazione positiva con un clamoroso gol sfiorato, solo Brunner gli nega la gioia del gol. Voto 6,5
Merli: corre tanto ma non riesce a trovare la quadratura perfetta in campo Voto 6
Mileto: ha sulla coscienza due gravi errori in fase offensiva che potevano regalare un altro risultato alla squadra Voto 5,5
Spinelli: prova di grande sacrificio come al solito. Voto 6
Niro: prova a far valere il suo mancino ma trova sempre o il difensore o il portiere avversario pronto a respingere Voto 6

 

Milano Pirates – Vighignolo 3-4

Terzo successo consecutivo per Vighignolo, che all’ultimo sospiro segna il gol-partita contro Milano Pirates e si porta a tre soli punti dal quarto posto. La supersfida del Baggio si accende a metà prima frazione con un lancio di Francani e colpo di testa vincente di Fabio Berardi. I Pirati replicano sollecitamente con il tap-in di Kolaj, ma Vighignolo riallunga con il bis di Fabio Berardi, innescato da una sponda di Pecorino. Poco prima del riposo anche Kolaj si ripete, griffando il 2-2 su assist di Paolo Marra. Pirotecnica anche la ripresa, con il nuovo allungo di Vighignolo confezionato dalla terza gemma di Fabio Berardi, premiato come “Man of the match” di Sportland Channel. Nel finale Paolo Marra riequilibra il match con il 3-3 di testa su punizione, poi Kolaj centra il palo e poco dopo Pecorino segna il decisivo 4-3.

Le Pagelle

Milano Pirates
Carfì
: meno saracinesca di altre gare e lascia qualche spiffero. Voto 6,5
Bianchi: il capitano non è sempre efficace nelle chiusure difensive. Voto 5,5
Impagnatiello: il bomber si danna l’anima, ma stavolta resta a digiuno. Voto 6
Kolaj: doppietta da sicario implacabile, nel recupero colpisce il palo del possibile 4-3. Voto 7,5
Manenti: apparecchia la tavola a Kolaj sull’1-1 e spinge con profitto sulla destra. Voto 6,5
Paolo Marra: innesca il 2-2 di Kolaj e timbra l’inutile 3-3. Voto 7
Stefano Marra: prova più volte la via del gol, ma senza successo. Voto 6,5

Vighignolo
Stefano Berardi
: para con autorità e da un contributo fondamentale alla vittoria. Voto 7
Fabio Berardi: serial killer con la tripletta decisiva, dopo una prestazione da extraterrestre. Voto 9
Foti nel primo tempo sfiora il gol in girata, nel finale si arrende a un infortunio. Voto 6
Francani: ha il merito soprattutto di innescare il gol che sghiaccia lo 0-0. Voto 6,5
Pecorino: come un cane da tartufo fiuta il momento buono per colpire, quando erano già pronti i titoli di coda. Voto 7
Perego: entra nella ripresa e fa il suo nel reparto difensivo. Voto 6,5
Saverino: il capitano porta legna alla causa dei compagni. Voto 6,5
Solidoro: mette in campo l’esperienza dietro e spinge sulla fascia. Voto 6,5

 

 

El Puma Team – Settimo 7-4

Nella decima giornata impresa di El Puma Team, che con una grande prestazione collettiva s’impone sul Settimo secondo in classifica, all’esordio nel 2016, dopo il riposo nella giornata precedente. Il team di mister Fumarola approccia il match con grande determinazione e affonda quattro volte con una diagonale di Giuri, la doppietta di Maderna e una segnatura da quasi metà campo di Dubla. Nella ripresa il Settimo prova a reagire e Di Viesti accorcia le distanze, ma Giuri replica per il 5-1, dopo una magnifica azione personale. Poi il Settimo torna sotto con la doppietta di Arcerito del 3-5. Nel finale botta e risposta di Giuri e Carulli e definitivo 7-4 di Colombo. Alessandro Giuri (tripletta) è premiato come “Man of the match” di Sportland Channel.

Le pagelle

El Puma Team
Corradini (1)
: nel primo tempo mantiene lo shout-out. Poi incassa quattro gol, ma compie una miracolosa doppia parata e altri interventi provvidenziali. Voto 7,5
Dubla: segna il golasso del 3-0 coronando una primo tempo Doc. Nella ripresa va in apnea e chiede il cambio. Voto 7
Fumarola: N.E.
Giuri
: il bomber di scorta corre per tre e spacca in due la partita con una tripletta d’autore e la coproduzione sul 7-4, meritandosi il premio di migliore in campo. Voto 8
Iorio: il capitano guida con la consueta autorità la retroguardia, anche se nella ripresa fatica maggiormente a contenere Carulli. Voto 7
Maderna: aziona la doppietta nel primo tempo, nel finale si sacrifica da difensore. Voto 7,5
Murgia: sempre sul pezzo per abnegazione e qualità, nel finale s’infortuna. Voto 7
Nicoli: entra nella ripresa e da un contributo prezioso all’impresa. Voto 6,5
Colombo: rompe il digiuno nel finale, dopo una prestazione di grande sacrificio al servizio dei compagni. Voto 7

Settimo
Novelli
: non esente da colpe sul terzo e quarto gol, per il resto para il parabile. Voto 5,5
Arcerito: timbra la doppietta illusorio del 3-5 e tiene sempre sul chi vive i difensori avversari. Voto 7
Carulli: l’ingresso tardivo nella ripresa del capitano da la scossa di adrenalina ,con l’inutile sigillo gol del 4-6. Voto 7
Corani: prova più volte la via del gol, ma senza successo. Voto 6
Damiani: non sempre preciso nelle giocate, non riesce a incidere. Voto 5,5
Di Viesti: Segna l’1-4, ma dietro non è impeccabile. Voto 6
Gavani: Più fumo che arrosto nel reparto offensivo. Voto 5,5
Lo Schiavo: meno efficace nelle chiusure rispetto ai suoi standard, nella ripresa prova a guidare la riscossa. Voto 5,5

 

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 9^ Giornata

Gnu Team – I Coloni 6-0

Nella nona giornata del campionato Gazzetta Football League Gnu Team stravince 6-0 contro i Coloni e ottiene la terza vittoria. I Coloni si presentano senza l’infortunato portiere di ruolo e sono costretti ad alternare tre giocatori in porta. Gnu Team ne approfitta per sbloccare il risultato al 10’ con una conclusione dal limite dell’area di Guacci Esposito. Al 20’ Radino raddoppia, ribadendo in rete una corta respinta della difesa avversaria. Al 9’ della ripresa Gnu Team triplica, con un tocco sotto porta di Liotta. Passano 4 minuti e Radino cala la doppietta personale con una magnifica azione personale, tagliando dal centro verso sinistra, per poi incrociare in diagonale il 4-0 col mancino. Il 5-0 arriva al 20’ con un lancio di Avanzini per Liotta, che sotto misura deposita in rete. Allo scadere Radino chiude i conti da fuori area con la sventola del 6-0 che gli vale il tris personale e il premio di “Man of the match” di Sportland Channel.

Le pagelle

Gnu Team
Iurato
: poco impegnato, risponde sempre presente quando è chiamato in causa, mantenendo la porta inviolata. Voto 7
Avanzini: tecnico e funambolico, apparecchia la tavola per il 5-0 con un lancio al bacio. Voto 7
Bassi: usa spesso la ramazza per blindare la retroguardia con chiusure efficaci. Voto 6,5
Guacci Esposito: sblocca il risultato e sfiora la doppietta nella ripresa con un tiro a giro che lambisce l’incrocio dei pali. Voto 7,5
Liotta: suggella una buona prestazione con la gemma del 5-0. Voto 7
Macario: crea scompiglio davanti col moto perpetuo e innesca il primo gol. Voto 6,5
Radino: “Man of the match” porta a casa il pallone con la tripletta e magie in serie col mancino fatato alla Messi. Voto 8
Stancampiano: prova più volte a bucare la rete, ma spara a salve e nella ripresa lascia il campo per infortunio. Voto 6
Villanucci: spinge sulla fascia con buona costanza. Voto 6

I Coloni
Cioffi
: Talento cristallino, ma spesso esagera nel dribbling. Voto 6,5
Conserva:  prova a rompere il digiuno, ma senza successo. Voto 6
Cormio: nel primo tempo centrale difensivo, poi viene schierato in porta. Voto 6
Dognini: portiere per necessità nel primo tempo, poi toglie i guantoni e gioca davanti. Voto 6,5
Marzucca: difensore nel primo tempo, in porta nel finale senza fortuna. Voto 5,5
Paolelli: senza infamia e senza lode. Voto 6
Vercellone: prova a spingere, ma senza incidere. Voto 5,5
 

 

Barrio Cenisio – Vighignolo 5 – 6

Riprende la Serie A Gazzetta Football League ed i gialloneri” di Saverino non si lasciano sfuggire l’occasione di accorciare la distanza dalla zona playoff. Nonostante la sconfitta, il Barrio esce a testa alta, forte di una prestazione convincente, che per poco non fruttava un risultato positivo. La prima frazione è molto equilibrata, con due botta e risposta e il 3-2 parziale, firmato da una punizione di Pecorino. Proprio il “Man of the match” prende per mano il Vighignolo nella ripresa, siglando subito una tripletta che sembra chiudere il match. A questo punto i “celesti” tirano fuori gli artigli, accorciando le distanze, fino ad arrivare ad una sola marcatura di svantaggio grazie alla doppietta di Tarquinio. Poi il Vighignolo difende la dote e s’impone 6-5 trascinata dalla cinquina di Pecorino e il gol di Fabio Berardi. Per Barrio Cenisio inutile il poker di Tarquinio e il gol di Paoli.

PAGELLE
 

Barrio Cenisio
Benefico: Pecorino è troppo fisico ed agile, in affanno sulla marcatura del bomber. Voto 5
Boselli: Ottimo anche con i piedi, l’assist dell’ 1-1 è suo. Voto 6,5
Busacca: Il mancino questa sera non funziona come dovrebbe. Voto 5,5
Paoli: Propositivo ma sprecone sotto porta, anche se timbra il cartellino. Voto 5,5
Locci: Sfrutta il fisico per produrre buone sponde ai compagni. Voto 6
Garrone: Legge ed intercetta molti palloni avversari. Voto 6,5
Tarquinio: Costante spina nel fianco per la difesa giallonera, cala il poker. Voto 7,5
Pirola: Meglio da centrale di centrocampo che sulla fascia. Voto 6,5

Vighignolo
Stefano Berardi
: il portierone comanda i compagni da dietro sapientemente. Voto 6,5
Fabio Berardi: Fatica a prendere in mano il gioco come di solito, poco servito. Voto 6,5
L’Arocca: Equilibratore della squadra, gioca di posizione e copre gli spazi. Voto 6
Leoni: Inserimenti insidiosi, impreziositi da buona tecnica. Voto 6
Pecorino: Come spesso accade fa la differenza con una formidabile cinquina. Voto 8
Perego: Grande lavoro anche in fase propositiva. Voto 6,5
Saverino: Fatica contro la fisicità del Barrio. Voto 6
Carnevale: S.V.

 

 

Ceva Logistics – Tettenham      4-12

Tettenham inizia col botto il 2016, andando in doppia cifra contro la decimata Ceva Logistics, che schiera due giovanissimi del 2001. Nel primo tempo la sfida del Barona si mantiene in equilibrio con Colombini, Citu e Giaquinto che firmano il 3-0 per Tettenham e Nicholas Chirico che riporta sotto Ceva Logistics. Prima del riposo una magia di Giaquinto timbra il 4-1. Nella ripresa però Tettenham riallunga fino al 6-1 con Peluso e Citu. Ceva prova a reagire con Giuseppe Chirico, ma il finale è tutto della squadra di mister Zulini, che vola fino all’11-2 con le segnature di Rocio, Citu, D’Angelo, Cesario e Peluso. Poi Ceva va a segno due volte con Vincenzo Sabino e il bis di Nicholas Chirico. Prima del triplice fischio Gaglini cala la dozzina finale per Tettenham.

Le pagelle

Ceva Logistics
Giorgio Sabino
: tra i pali se la cava bene nel primo tempo. Poi subisce una grandinata di reti senza particolare colpe. Voto 6
Giuseppe Chirico: prova a fare il suo con buona tecnica e dinamismo, segnando un gol e fornendo l’assist per l’1-3. Voto 6
Nicolas Chirico: si toglie la soddisfazione di timbrare la doppietta. Voto 6,5
Giannetto: fa quello che può sulla corsia di destra con scarso profitto. Voto 5,5
Panzeri: fatica dietro ad arginare gli scatenati avversari. Voto 5,5
Salvatore Sabino: pure lui non riesce a contenere avversari che spuntano come funghi. Voto 5,5
Vincenzo Sabino: prova a dare il buon esempio da buon capitano e timbra il cartellino del 3-11. Voto 6

Tettenham
Brunetti:
tra i pali più e quasi disoccupato e surgelato manco fosse Capitan Findus, anche se incassa 4 gol. Voto 6
Cesario: nel finale si divora due gol, poi raddrizza la mira e timbra il 10-2. Voto 6,5
Citu: “Man of the match” porta a casa il pallone con una tripletta d’autore. Voto 8
Colombini: sblocca il risultato con grande tempismo su corner, poi è attore non protagonista della goleada. Voto 6,5
Sozzari: acciaccato entra solo nel finale e si guadagna il “premio partita”. Voto S.V.
D’Angelo: gran signore del centrocampo, dirige il traffico con i piedi da pittore e griffa il 9-2. Voto 7,5
Giaquinto: aziona la doppietta e crea scompiglio davanti. Voto 7,5
Nava: dietro deve sbrigare l’ordinaria amministrazione. Voto 6,5
Peluso: falso nueve, giostra su tutto il fronte offensivo e stampa la doppietta. Voto 7,5
Gaglini: cala la dozzina nel finale, entrando nel tabellino dei marcatori. Voto 6,5
Rocco: segna il 7-2 e si batte con buon profitto. Voto 7

 

 

Autosalone Testori – Tenuta Carretta 8-2

La capolista a punteggio pieno Autosalone Testori ricomincia l’anno nuove come aveva finito il 2015, centrando l’ottavo successo in 8 gare. Sfida indirizzata dai capoclassifica fin dai primi minuti, con Mastrogiacomo che al 3’ sblocca il risultato su assist di Riva. Passano 2 minuti e i Testori raddoppiano con un diagonale palo-rete di Lipiani. All’ottavo il nuovo innesto Serrau firma il 3-0 con una magnifica punizione a giro. Altri tre giri di cronometro e Mastrogiacomo concede il bis per il 4-0. Ad inizio ripresa reazione di Tenuta Carretta con Locatelli che timbra l’1-4 con un diagonale chirurgico. All’8’ ci pensa ancora l’implacabile Mastrogiacomo a ricacciare indietro la squadra di mister Galetti con la sventola da fuori del 5-1. Tre minuti dopo Cateni riporta a meno tre Tenuta Carretta, ma il finale è tutto per Autosalone Testori, che sale sull’ottovolante con altre due gemme di Mastrogiacomo (“Man of the match” con la cinquina) e la segnatura di Lipiani.

Le pagelle

Autosalone Testori
Ravera
: incassa due gol senza colpe e para tutto il parabile con alcuni interventi Doc. Voto 7,5
Franzini: prezioso nell’aiuto in marcatura su Cateni, prova anche, senza fortuna, la via del gol dalla lunga distanza. Voto 7
Imbriaco: guida con la consueta autorità il pacchetto arretrato, anche se Cateni è un brutto cliente. Voto 7
Lipiani: timbra il 7-2 coronando una prestazione di lotta e di governo. Voto 6,5
Mastrogiacomo: praticamente immarcabile, trasforma in oro quasi tutto ciò che tocca, con una sontuosa cinquina che gli vale per plebiscito il premio di migliore in campo. Voto 9
Riva: apparecchia la tavola a Mastrogiacomo per l’1-0 poi fa il suo in mezzo al ring. Voto 6,5
Serrau: al debutto impreziosisce la sua prestazione con la chicca su punizione del 3-0 e scheggia pure la traversa. Voto 7,5
Testori: N.E.

Tenuta Carretta
Lombella:
raccoglie suo malgrado 8 palloni in fondo al sacco, ma fa il possibile per tenere in partita i compagni. Voto 6,5
Cateni: tiene costantemente sul chi vive i difensori avversari e ingaggia un duello da “Mezzogiorno di Fuoco” col portiere avversario, spezzando l’incantesimo a metà ripresa. Voto 7
De Falco: non sempre impeccabile nelle chiusure difensive. Voto 5,5
Italia: Si destreggia centrocampo con sufficiente profitto. Voto
Locatelli: insacca il gol dell’1-4 ad inizio ripresa e sfiora anche la doppietta. Voto 6,5
Merli: scheggia la traversa, ma pure lui fatica dietro ad arginare lo scatenato Mastrogiacomo. Voto 5,5
Mileto: prova a dirigere il traffico in mezzo al campo e tenta pure la conclusione da fuori area. Voto 6
Spinelli: il capitano prova a pungere dalla lunga distanza. Voto 6
Di Capua: senza infamia e senza lode. Voto 6

 

 

Milano Pirates – El Puma Team 4-2

Grande spettacolo quello andato in scena al Baggio tra i Milano Pirates ed El Puma Team, in una sfida di alta classifica, caratterizzata da grande equilibrio. Il primo tempo si apre con una leggera supremazia dei Pirates, vicini al vantaggio con due legni colpiti, prima di sbloccare il risultato al 9’ con Marra, che da pochi metri  trafigge Corradini. Non tarda ad arrivare la reazione di El Puma Team, che trova l’immediato pareggio al 19: sugli sviluppi di azione di calcio d’angolo Maderna tocca sottoporta per l’1-1. Il primo tempo si chiude con il nuovo vantaggio dei Pirates, grazie a un gran destro da fuori area di Valvo. Nella ripresa è Carfì a dare la svolta alla partita: l’estremo difensore dei Pirates neutralizza con una prodezza il rigore di Ochoa. Pochi minuti più tardi è Impagnatiello a trovare il 3-1. Al 12’ ancora Maderna in mischia riapre la partita, prima del definitivo 4-2 ad opera di Marra, con un bel colpo di testa su calcio di punizione.

Le pagelle

El Puma Team
Corradini:
incolpevole sui gol subiti, si dimostra all’altezza con altri buoni interventi. Voto 6,5
Conversa: buona prova in fase difensiva. Voto 6,5
Colombo: prova a dare qualità alla squadra, ma con risultati non sempre convincenti. Voto 6
Giuri: entra a fine primo tempo, dà sostanza al centrocampo. Voto 6,5
Maderna: il bomber impreziosisce un’ottima prestazione con una doppietta. Il migliore dei suoi. Voto 7,5
Fumarola: N.E.
Ochoa: molto vivace in mezzo al campo, pesa però il rigore sbagliato a inizio ripresa. Voto 5,5
Iorio: soffre l’imprevedibilità degli attacchi dei Pirates. Voto 5,5
Murgia: buona prova in mezzo al campo. Voto 6
Dublan: entra nella ripresa, senza riuscire ad arginare gli attacchi degli avversari. Voto 5,5

Milano Pirates
Carfì:
ancora una volta “man of the match”. Una saracinesca umana che para un rigore e si esibisce in almeno altre 4 prodezze.  Voto 8
Bianchi: buona prova difensiva, mai in affanno nei disimpegni. Voto 7
Impagnatiello: ottima prestazione, condita con un gol da vero “rapinatore d’area “. Voto 7
Manenti: prezioso sia in fase difensiva, che in attacco. Voto 6,5
Stefano Marra: prestazione di sostanza in mezzo al campo. Voto 6,5
Valvo: ha il merito di trovare il gol nel momento di maggiore difficoltà. Voto 7
Paolo Marra: due gol che aprono e chiudono le marcature: prestazioni quasi perfetta.  Voto 7,5
Kolaj: il più in ombra dei suoi: non riesce a trovare la posizione e si divora un gol nel primo tempo. Voto 5,5
Dagrada: buona quantità a centrocampo. Voto 6,5 

 

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 7^ Giornata Recupero

CEVA LOGISTIC – BARRIO CENISIO 2-11

Grande prova di forza del Barrio Cenisio nella giornata della Gazzetta Football League che precede la sosta natalizia. Il Ceva paga il fatto di giocare in 6 tutta la partita, la mancanza di un uomo alla lunga ha inciso parecchio sulla brillantezza fisica e ha permesso al Barrio di andare a rete numerose volte. Ceva che era anche riuscito ad andare in vantaggio con un gol di rapina di Chirico ed era andato ad un passo dal raddoppio con Salvatore Sabino. Il Barrio poi si è riassestato è ha segnato due reti sull’asse Galli-Paoli con il primo nella versione assist man e il secondo in quella finalizzatore. Nella ripresa calano le energie del Ceva e il Barrio ne approffitta chiudendo il match con una doppietta di Locci. In successione arrivano poi le reti di Ferdico (2), Paoli (2), Galli, un gol del Ceva siglato da Salvatore Sabino e il 2-11 finale realizzato da Benefico al termine di una grande azione personale partita dalla sua aerea e conclusa con un preciso diagonale di sinistro. Vittoria importante per il Barrio, prova coraggiosa del Ceva.

PAGELLE

CEVA LOGISTIC
Rossini
: nonostante gli 11 gol subiti compie tanti interventi di ottima fattura. Voto 6,5
Luongo:
cerca di mettere pezze a tutte le sortite avversarie ma con un uomo in meno era oggettivamente difficile chiudere tutti gli spazi Voto 6
Panzeri:
anche per lui partita di grande difficoltà visti gli spazi in cui i giocatori del Barrio si inseriscono arrivando da tutte le parti Voto 6
Sabino Salvatore:
ha sulla coscienza qualche errore di troppo sottoporta ma nel complesso lotta anche lui come un leone Voto 6
Sabino Vincenzo:
il migliore dei suoi dal punto di vista tecnico, cerca spesso la giocata personale per provare a restare in partita anche sotto di un uomo Voto 6,5
Chirico:
segna il gol dell’illusorio vantaggio e poi fa un grande lavoro li davanti dove però è da solo e contro la difesa del Barrio non ha vita facile Voto 6

BARRIO CENISIO
Vicariotto:
non deve compiere particolari interventi, vita tranquilla stasera Voto 6
Benefico:
gestisce da solo tutta la fase difensiva e fa sempre ripartire l’azione con grande velocità, si toglie anche lo sfizio di segnare il gol più bello della serata Voto 7,5
Ferdico:
metronomo del centrocampo, partecipa alla goleada con due reti di buona fattura Voto 6,5
Busacca:
la fase di interdizione tra centrocampo e attacco passa dai suoi piedi, sfrutta bene gli spazi Voto 6,5
Locci:
trascinatore della squadra, rimprovera spesso i compagni perché da loro esige sempre il massimo. Segna due bei gol col suo piede mancino Voto 7
Galli:
il classico nr 10 che preferisce l’assist al compagno piuttosto che il gol, prova molto buona e generosa Voto 7
Paoli:
oggi nella versione finalizzatore, segna un poker decisamente pesante Voto 7,5
 

EL PUMA TEAM - I COLONI : 7-0

Sfida a senso unico quella andata in scena tra Coloni e El Puma Team, conclusasi 7-0 per quest’ultimi. La partita si mette subito in discesa per El Puma: al 1’ minuto Colombo colpisce una clamorosa traversa, poi al 3’ Maderna trova l’immediato vantaggio, con un tocco da dentro l’area che, dopo aver sfiorato il palo, gonfia la rete. La reazione dei Coloni tarda ad arrivare, cosi sono ancora i ragazzi di mister Fumarola a trovare ripetutamente la via del gol: all’8’ ancora con Maderna, al  10’ con Giuri e al 24’ del primo tempo con Iori. La prima frazione si chiude, dunque, sul 4-0 per El Puma Team. Nella ripresa la musica non cambia: al 2’ minuto gran aggancio di Giuri, assist per Maderna, che da dentro l’area di rigore, trafigge Roggia, complice una deviazione. Poi una disattenzione difensiva dei Coloni viene severamente punita ancora da Maderna che al, 12’ della ripresa , porta il risultato sul 6-0. Il definitivo 7-0 al 21’ con un bel tiro da fuori area ancora di Maderna.

Le pagelle

El Puma Team
Corradini:
poco impegnato tra i pali, sicuro nei pochi interventi effettuati. Voto 6,5
Antoniazzi: autoritario in fase difensiva, prova qualche sortita in avanti . Voto 6,5
Colombo : “Man of the match” un gol, tanti assist e grande classe in mezzo al campo. Voto 8
Giuri: mostra buona qualità in mezzo al campo. Impreziosisce la sua prestazione con un gol e un assist vincente. Voto 6,5
Maderna: Imprendibile: buca 4 volte la rete avversaria. Voto 8
Fumarola: entra nella ripresa, generoso in fase offensiva ma un pò impreciso . Voto 6
Bronte: attento in marcatura. Voto 6
Iorio: serata tranquilla, sicuro in fase difensiva . Voto 6
Nicoli: grinta e determinazione al servizio della squadra. Voto 6
Pasquino: buona qualità e tanto impegno. Voto 6,5

I Coloni
Roggia:
nonostante i 7 gol subiti, si merita la sufficienza: senza di lui il passivo poteva essere peggiore.Voto 6
Dognini: ci prova nel primo tempo con un pallonetto respinto, cala nella ripresa . Voto 5,5
Paolelli:  tanto impegno, ma con scarsi risultati. Voto 5
Cioffi: il migliore dei suoi: buona tecnica e tanta corsa a centrocampo. Voto 6,5
Marzucca: grinta e determinazione al servizio della squadra, ma senza frutti concreti. Voto 5
Conserva: ci prova nella ripresa con un bel tiro parato a terra da Corradini. Voto 5,5
Cormio: fatica a contenere Maderna, che gli sfugge più volte. Voto 5
Monti: fatica molto in difesa, più efficace quando si spinge in avanti. Voto 5
Vercellone: molto combattivo in mezzo al campo, prova a rendersi pericoloso in attacco, ma senza successo. Voto 5,5
Brunner: sostanza e determinazione, ma l’esito non è dei migliori. Voto 5

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 8^ Giornata

GNU TEAM – AUTOSALONE TESTORI 1-5

Ennesima vittoria della squadra Autosalone Testori nell’8 Giornata della Gazzetta Football League, che espugna il campo dello Gnu Team con un pesante 1-5.

Fase iniziale del primo tempo molto sfortunata per gli ospiti che colpiscono una traversa e due pali assediando l’aerea avversaria. La partita si sblocca al 15° quando Testori Nicholas con un abile inserimento sorprende Lurato e lo beffa con un tocco ravvicinato di sinistro. Pochi minuti e Mangiarotti recupera un buon pallone e sigla il raddoppio.

La ripresa si apre con la clamorosa traversa di Macario che poteva riaprire i giochi, subito dopo però arriva lo 0-3 sempre di Mangiarotti bravo a sfruttare un assist al bacio di Riva. Dopo altre due traverse, una di Stancampiano per lo Gnu Team e una di Franzini negli ultimi minuti arrivano i gol di Riva e Lipiani per Autosalone Testori intervallati dal bel sinistro di Radino che segna il gol della bandiera. Finisce 1-5, grande prova per Autosalone Testori che resta ancora imbattuto in questo meraviglioso girone d’andata

PAGELLE

Gnù Team

Iurato: Poteva fare meglio sul primo gol, per il resto prova discreta. Voto 6
Avanzini:
 Fa sempre il pendolo avanti indietro sulla fascia, grande sacrificio. Voto 6
Bassi: Sempre attento in fase difensiva, mette più volte una pezza alle sortite avversarie Voto 6,5
Costanzo:
 Cerca di rendersi utile alla squadra proponendosi spesso ma con risultati deludenti oggi . Voto 6
Alfredo Guacci: Ci mette sempre tanta voglia e tanto agonismo ma con avversari come quelli di oggi soffre parecchio. Voto 5,5                                                                      
Liotta: Entra per dare il suo contributo ma non riesce ad incidere Voto 6
Macario: 
Partita difficile in cui si fa notare per il bellissimo tiro di destro che sfortunatamente si stampa sulla traversa. Voto 6
Villanucci: Corre per tutta la fascia proponendosi in tutte e due le fasi. Voto 6
Radino: Regista della squadra, trova un gran gol di mancino. Voto 6,5
Stancampiano: 
Gioca un po’ più arretrato perché palloni ne arrivano pochi, colpisce una clamorosa traversa col suo sinistro Voto 6

Autosalone Testori

Ravera: Quasi mai impegnato, anche perché in 3 occasioni lo salva la traversa. Voto 6
Franzini:
Prova granitica del centrale di difesa, dalle sue parti non si passa. Voto 6,5
Imbriaco:
Sempre preciso e ordinato nelle chiusure, prova attenta Voto 6
Testori:
Spinge sempre tantissimo sulla sua fascia, ha il merito di sbloccare la partita Voto 7
Lipiani:
Metronomo del centrocampo, condisce una buona prova con un bel gol. Voto 6,5
Mangiarotti: Man of the Match,
era l’ultima partita coi suoi compagni, la gioca alla grande dando tutto e regalando gol e assist per i compagni. Non poteva chiudere in modo migliore Voto 7,5
Riva:
Buona gara condita da ottimi inserimenti e da un sontuoso assist. Voto 7
Mastrogiacomo:
Meriterebbe il gol, lo cerca con insistenza ma la traversa gli nega la soddisfazione della rete personale. Voto 6,5

 

 

Vighignolo – Ceva Logistics 22-3

Scorpacciata per il Vighignolo, che nell’ultimo impegno del 2015 approfitta dei soli 6 giocatori degli avversari per timbrare il cartellino 22 volte. Come se non bastasse, Barrio Cenisio dopo pochi minuti è costretto a schierare in porta un giocatore infortunato e il portiere di ruolo in difesa. Così per Vighignolo la gara è praticamente un tiro al bersaglio, che si conclude con nove reti siglate da Pecorino, triplette di La Rocca e Berardi, doppiette di Leoni, Foti e Saverino, segnatura di Carnevale. Per Ceva Logistics entrano nel tabellino dei marcatori Scotto, Sabino e Deasti.

Vighignolo

Stefano Berardi: più surgelato di capitan Findus tra i pali, compie solo alcune parate e becca tre gol imparabili. Voto 6
Fabio Berardi: fa tutto nella prima parte, quando segna la tripletta. Voto 7,5
Carnevale: praticamente disoccupato dietro, si toglie lo sfizio nella ripresa di timbrare il cartellino. Voto 7
Foti: doppietta d’autore nel primo tempo. Poi tenta il gol dell’anno con una rovesciata alla Pelè in “Fuga per la vittoria” e all’intervallo va a farsi la doccia. Voto 8
La Rocca: impreziosisce la sua prestazione con una tripletta Doc. Voto 7,5
Leoni: entra due volte nel tabellino dei marcatori nel finale e si guadagna la pagnotta. Voto 7
Pecorino: suona la nona ed è spietato sotto porta. Voto 8
Raffaele: gioca il secondo tempo sbrigando il compito a gara abbondantemente decisa. Voto 7
Solidoro: presidia senza problemi la sua zona e tenta il gol da lontano, ma senza fortuna. Voto 7

Ceva Logistics

Panzeri: in porta nei primi minuti, poi è costretto a smettere i guantoni e a destreggiarsi da libero. Voto 5,5
Consonni: fa quello che può contro avversari che sgusciano da tutte le parti. Voto 5,5
Deasti: il capitano segna l’eurogol della serata con una formidabile sabongia da fuori area. Voto 6
Grotto: s’infortuna in avvio ed è costretto tra i pali, dove subisce una grandinata di gol. Voto 5,5
Sabino : il migliore dei suoi, va a bersaglio e fa valere la sua buona tecnica. Voto 6,5
Scotto: si toglie la soddisfazione del gol, che premia il suo impegno. Voto 6



MILANO PIRATES - BARRIO CENISIO 5-4

Nell’ultima giornata del 2015 impresa di Milano Pirates, che si presenta alla sfida contro Barrio Cenisio con soli 6 effettivi, ma riesce ad imporsi 5-4 e resta al terzo posto. Milano Pirates mette fieno in cascina con il 2-0 iniziale impacchettato dalla doppietta di Kolaj, grazie ad una punizione e un preciso piattone sotto porta. Barrio Cenisio reagisce e ribalta il risultato con il 3-2 autografato da Paoli e la doppietta di Pirola. I fuochi d’artificio sono appena cominciati, perchè Dagrada battezza il 3-3 con un tap-in. Barrio Cenisio riallunga con il 4-3 di Locci, che ribadisce in rete una corta respinta di Carfì, dopo una precedente conclusione di Pirola. Nel finale contro-sorpasso definitivo di Milano Pirates, con una ripartenza finalizzata da Kolaj e il 5-4 di Dagrada, con una conclusione da biliardo dalla linea di fondo e il pallone che colpisce il palo opposto, prima di carambolare in rete. Poi l’assalto di Barrio Cenisio, ma Carfì abbassa a doppia mandata la saracinesca e si merita il premio di “Man of the match”.

Le pagelle

Milano Pirates

Carfì: in versione “The wall” para anche le mosche e abbassa la sbarra come al casello, con prodezze in serie. Voto 8
Bianchi: il capitano difende il reparto con le unghie e con i denti, con alcune chiusure da standing ovation. Voto 7
Celant: ringhia come un mastino su tutti gli avversari che passano dalle sue parti. Voto 5,5
Dagrada: timbra il decisivo 5-4 gol da posizione impossibile, suggellando un’ottima prestazione con la doppietta. Voto 7,5
Kolaj: con Dagrada si carica sulle spalle il peso dell’attacco, servendo un tris da raccontare ai nipoti. Voto 8
Valvo: indossa la tuta da operaio e da manforte al reparto difensivo, con grande spirito di sacrificio. Voto 7

Barrio Cenisio

Busacca: non molto impegnato, sbriga l’ordinaria amministrazione, ma si fa sorprendere sul gol del 4-5. Voto 5,5
Fulgheri: agisce in prevalenza nella zona difensiva e nel finale partecipa all’assalto della porta avversaria, ma senza incidere. Voto 6
Garrone: con i suoi piedi educati prova più volte a calciare in porta da fuori area, ma senza esito. Voto 6
Locci: le sue grida per spronare i compagni si sentono fino a San Siro e mette lo zampino sull’effimero vantaggio 4-3. Voto 6
Paoli: timbra il 2-1 con un diagonale chirurgico e nel finale stampa l’incrocio dei pali con una sassata. Voto 7
Pirola: il migliore dei suoi, confeziona l’inutile doppietta ed è co-protagonista del gol del 4-3. Voto 7,5
Saltarelli: detta ai tempi da playmaker basso, ma nel finale eccede nelle proteste e si becca il giallo. Voto 5,5

 

AC TENUTA CARRETTA - FC TETTENHAM 2-6

Grande prestazione per la squadra di mister Brunetti che espugna il campo di Tenuta Carretta con un tennistico 6-2.
Pronti via e il Tettenham si porta subito in vantaggio con Peluso che di destro trafigge il portiere avversario; passano solo 6 minuti e arriva il raddoppio di Cesario. La reazione di Tenuta Carretta non si fa attendere; decisivo l'ingresso di Niro che dal 16° al 22° con una doppietta riporta il risultato in parità.
Nella ripresa Tenuta Carretta non riesce a mantenere il ritmo tenuto in chiusura di primo tempo e il Tettenham ne approfitta ritrovando il vantaggio con una bella azione corale che vede Citu presentarsi a tu per tu con il portiere avversario che è bravissimo in uscita a negargli il gol, ma sulla respinta il più lesto di tutti è Cova che siglia il 3-2. Poco dopo su un disimpegno errato della difesa in bianco, Citu arriva per primo sul pallone e scaglia un destro che si insacca alle spalle del portiere per il 4-2. La partita si chiude definitivamente al 19° quando su una rimessa laterlare, il portiere di Tenuta Carretta, fino a questo momento uno dei migliori dei suoi, buca l'uscita su una rimessa laterale lasciando la porta sguarnita e per Cesario è un gioco da ragazzi appoggiare il pallone in rete per il 5-2.
Sull'onda dell'entusiasmo a due dal termine trova la doppietta anche Peluso che con un gran destro al volo mette il punto esclamativo sulla gara con il gol del 6-2.
 

Le pagelle 

Tenuta Carretta
Grossi:
in mezzo al cmapo prova a creare gioco, ma la serata non è delle migliori, voto 5,5
Italia: come il compagno di reparto tanto impegno, ma la serata magica degli avversari ha messo in crisi il reparto di centrocampo di Tenuta Carretta, voto 5,5
Locatelli: davanti tanti palloni toccati e diverse occasioni, ma il portiere gli nega la gioia del gol, voto 6.
Lombrella: peccato per l'errore sul quinto gol che gli costa un voto in meno, perchè fino a quel momento era stato uno dei migliori in campo, voto 7.
Marugi: sulla fascia sinistra è poco incisivo, avrebbe potuto osare di più, voto 5,5.
Merli: difensore centrale che bada al sodo, cercando di chiudere su tutti, il poco filtro del centrocampo non lo aiuta sicuramente, voto 5,5
Mileto: da una mano a Merli in fase difensiva e prova anche qualche sortita offebnsiva, voto 6.
Niro: il migliore dei suoi, due gol che ridanno ossigeno alla squadra ma nel secodno tempo sparisce insieme ai suoi compagni, voto 6,5.


Tettenham
Cesario: 
nella staffetta con Peluso non fa rimpiangere il compagno, entra e segna e a fine gara trova anche la doppietta, voto 7.
Citu: man of the match della partita, prezioso in ogni giocata per i compagni e sigla anche un gol, voto 8.
Colombini: dietro chiude bene tutti gli spazi agli attaccanti avversari, voto 6,5.
Cova: sulla fascia quando entra si fa sempre trovare pronto, molto bravo a seguire l'azione sul gol e farsi trovare pronto sulla ribattuta, voto 6,5.
D'Angelo: da ordine in mezzo al campo e difende anche bene sugli inserimenti avversari, voto 7.
Giaquinto: subentra in mezzo al campo e oltre a giocare per i compagni si rende anche pericolodo in zona d'attacco, voto 6,5.
Maci: con il portiere avversario merito gli applausi di tutto lo stadio per alcune parate, nel secondo tempo però vive la partita quasi da spettatore, voto 6,5
Nava: in difesa non ha molto lavoro soprattutto grazie al filtro del centrocampo che blocca sul nascere diverse azioni avversarie, voto 6.
Peluso: pronti via e fa subito gol, nel finale trova anche un eurogol per la doppietta personale, voto 7.
Zulini: a sinistra spinge e corre avanti e indietro, prezioso si in fase offensiva che in difesa, voto 6,5.
Rocco: buona prestazione anche per lui, come per tutta i suoi compagni, voto 6.

I COLONI - SETTIMO CALCIO 2-6

Nell’ottava giornata pronto riscatto per il Settimo, che rifila un tennistico 6-2 ai Coloni e resta in vetta e rimane in vetta con Autosalone Testori, ma con una gara giocata in più dalla squadra di Carulli. All’ottavo minuto arriva la prima rete di Dognini, che porta in vantaggio I Coloni. Il Settimo reagisce e al 12’ trova il pareggio, grazie a Carulli, che con un tiro rasoterra ben piazzato trova l’angolino della porta. A pochi minuti dalla fine del primo tempo è sempre Carulli a timbrare la doppietta, che porta in vantaggio 2-1 la squadra ospite. La ripresa si apre con un tiro pericoloso di Gavani, con la palla sfiora il palo. Poi i viola triplicano, grazie a Di Viesti. Ed è proprio quest’ultimo  che a distanza di due minuti si ripete siglando il 4-1, meritandosi il premio di “man of the match”. Nonostante lo svantaggio  I Coloni non si arrendono e dopo una parata strepitosa di Barlocchi, il Settimo subisce il secondo gol, siglato sempre da Dognini. Nel finale Gavani cala la cinquina con un destro a giro sul secondo palo. Poi Cappelli fissa il 6-2 per il Settimo.

Le pagelle 

I Coloni
Roggia: raccoglie sei palloni in fondo al sacco, ma ne evita altrettanti, con alcune buone parate. Voto 5,5
Dognini: migliore in campo dei suoi, segna entrambi i gol ed è l’ultimo ad arrendersi. Voto 7 
Paolelli: corre tantissimo sulla fascia e crea qualche occasione pericolosa. Voto 6 
Cioffi: mette grande impegno, ma non è incisivo sotto porta. Voto 6 
Marzucca: difende con qualche difficoltà, ma avvia alcune ripartenze pericolose. Voto 6 
Conserva: fa quello che può per aiutare i compagni, provando a creare gioco. Voto 6
Cormio: prestazione positiva, gioca anche di sponda. Voto 6 
Monti: si batte con buono spirito, meno efficace in impostazione. Voto 5,5
Vercellone: Tenace in mezzo al campo. Voto 5,5 
Brunner: non molla fino all’ultimo e mette la sua grinta al servizio della squadra. Voto 6

Settimo Calcio
Barlocchi: tra i pali è una sicurezza, subisce due reti, ma compie alcuni pregevoli interventi. Voto 7 
Cappelli: domina la fascia destra e realizza il gol finale. Voto 7
Carulli: il capitano stimola i compagni e confeziona l’importante doppietta. voto 7,5
Di Viesti: migliore in campo, dimostra grande visione di gioco e abilità nel tiro, segnando due gol. Voto 8
Gavani: recupera una quantità industriale di palloni e sfonda a ripetizione sulla fascia sinistra, creando molte occasioni da gol. Voto 8 
Laudenzi: buona prova, difende con esperienza. 6,5
Lo Schiavo: innesca i compagni e lotta con buono spirito di sacrificio. Voto 6,5



SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 7^ Giornata

GNU TEAM – TETTHENAM 3-3

Partita ricca di gol e di emozioni quella andata in scena tra Gnu Team e Tetthenam, nella 7 giornata della Gazzetta Football League, che si conclude con un pareggio per 3-3. Primo tempo molto equilibrato, fase di studio per le due squadre fino a quando nella nebbia un siluro di Citu sblocca la partita al 7 minuto. Dopo due parate meravigliose di Iurato che negano il raddoppio agli ospiti arriva il pareggio Gnu siglato da Stancampiano, abile a finalizzare in rete un azione nata da angolo. Pochi minuti dopo arriva anche il vantaggio dei padroni di casa abili a sfruttare un errore avversario e a colpire implacabili in contropiede sempre con il solito Stancampiano. La ripresa si apre con l’infortunio di Brunetti, capitano e portiere del Tetthenam, a cui subentra un coraggioso Zulini. Con grande forza di volontà e con un lungo assedio il Tettenham riesce a ribaltare il risultato andando prima a segnare con Citu, abile a metter dentro da pochi passi, e poi trovando il vantaggio grazie a un meraviglioso sinistro di Giaquinto. Proprio lui ha sul finire della partita la palla del 2-4 ma si allunga troppo la sfera e fa sfumare il contropiede. Sull’azione successiva, come spesso accade nel calcio con la regola del gol sbagliato-gol subito, lo Gnu Team trova il pareggio con la terza marcatura di Stancampiano che avrebbe anche la grande occasione di fare poker ma sbaglia l’aggancio solo davanti al portiere all’ultimo secondo. Un pareggio tutto sommato giusto visto la poca precisione del  Tetthenam sotto porta e il cinismo a rete dello Gnu Team.

PAGELLE

Gnù Team
Iurato: Gran partita la sua, due parate di difficoltà elevata e tanti buoni interventi. Voto 7
Avanzini: Buona prestazione sia in fase difensiva che in fase offensiva. Voto 6,5
Bassi: baluardo della difesa, non esita a spazzare quando la situazione lo richiede Voto 6,5
Costanzo: si sgola in panchina per guidare i compagni, si danna in campo per dare aiuto alla squadra . Voto 6
Alfredo Guacci: Tanto impegno e grinta come al solito, oggi un po’ impreciso. Voto 6,5                                                                      
Liotta: Entra negli ultimi minuti per cercare il pareggio, entra nell’azione del pareggio con un rimpallo che favorisce Stancampiano 6
Macario: Agisce sulla fascia creando spesso pericoli, con un briciolo di precisione in più troverebbe anche il gol. Voto 6,5
Villanucci: Tanta corsa e sacrificio. Voto 6,5
Radino: Il gioco passa attraverso i suoi piedi, per questo scende spesso e volentieri ad impostare. Voto 6,5
Stancampiano: Tre occasioni da rete, tre gol. Sfrutta alla perfezione le sue doti da rapace dell’aerea di rigore e si porta a casa la palma di man of the match. Voto 7,5

Tettenham
Brunetti: Leader vero della squadra, para il parabile e dopo l’infortunio sprona i suoi dalla panchina . Voto 7
Cesario: partita attenta e ordinata senza sbavature particolari. Voto 6
Citu: Segna un gol bellissimo, uno di rapina ma dà un grosso contributo ai suoi compagni. Voto 7
Colombini: Difensore esperto, fa valere il fisico e gioca sempre con esperienza. Voto 6
D’Angelo: Gioca molto utilizzando il fisico ma non riesce ad essere determinante. Voto 6
Cova: Fa avanti indietro in fascia spendendo tante energie e perdendo col passare dei minuti lucidità e precisione. Voto 6
Nava: buona prova, cerca sempre di servire i compagni Voto 6
Rocco: meritava il gol ma un super intervento di Iurato gli nega questa gioia. Voto 6,5
Giaquinto: Porta in vantaggio i suoi con un sinistro fulminante ma ha la grande colpa di non chiudere la partita. Voto 6
Zulini: si sacrifica in porta dopo l’infortunio di Brunetti e si rende protagonista di qualche buona parata. Voto 6,5

 

Settimo calcio – Autosalone Testori 4-7

Nella settima giornata Autosalone Testori fa suo lo scontro al vertice contro l’imbattuto Settimo, opera l’aggancio in vetta (ma con una gara giocata in meno) e resta a punteggio pieno. Partita dai 2 volti, con primo tempo di netta supremazia del Settimo, al riposo in vantaggio 3-1 grazie alla tripletta di Carulli. Nella ripresa entra in campo un altro Autosalone Testori, che prima accorcia le distanze e si porta sul 3-2. Il Settimo riallunga tornando in doppio vantaggio. Ma dal 10’ la partita cambia: Autosalone prima pareggia e poi grazie alla tripletta di uno scatenato Lipiani cala il settebello e chiude il big-match.

Le Pagelle

Settimo
Novelli
: primo tempo senza sbavature, poi è costretto a raccogliere 6 palloni in fondo alla rete. Voto 5,5
Elia: la fascia destra è sua con qualità e quantità: è sfortunato quando colpisce la traversa con un tiro da fuori. Però cala alla distanza. Voto 6,5
Corani: padrone del centrocampo nel primo tempo, realizza anche il 4-3. Voto 6,5
Carulli: il migliore dei suoi, nel primo tempo è inarrestabile. Quando esce nel secondo tempo la squadra ne risente, non basta la sua tripletta per evitare la prima sconfitta. Voto 7,5
Gavini: buona prova dell’esterno, impiegato anche come punta nel secondo tempo, senza però incidere. Voto 6
Lo Schiavo: Nel primo tempo non è molto impegnato dagli attaccanti avversari, nella ripresa non entra in campo. Voto 6
Laudenzi: difensore centrale attento, cerca di limitare i danni, ma come tutta la squadra nel finale non può evitare il crollo. Voto 6,5
Di Vesti: entra nella ripresa, nel momento peggiore e commette qualche errore di troppo in fase difensiva. Voto 5,5
Buttacavoli: entro nella ripresa e tutti i gol degli avversari arrivano dalla sua parte. Voto 5
 

Autosalone Testori
Varaldi
: non può niente sui gol incassati, mentre compie parate decisive nel primo tempo, che tengono a galla i suoi. Voto 7
Testori: meglio in fase offensiva: positiva comunque la prova nel complesso del capitano. Voto 6,5
Riva: Tanta corsa e mestiere per il laterale, che realizza il 7-4 definitivo su punizione.  Voto 7
Franzini: In mezzo al campo detta i tempi, anche se non è sempre preciso nel primo tempo. Voto 6
Lipiani: “Man of the match” : dopo un primo tempo anonimo, nel secondo è inarrestabile, con la tripletta spacca partita. Voto 8
Mastrogiacomo: punto di riferimento offensivo, nel primo tempo è il migliore dei suoi e chiude con la doppietta e un assist vincente. Voto 7
Imbriaco: soffre la velocità di Carulli nel primo tempo, meglio nella ripresa. Voto 6
Lolli: centrocampista dai piedi raffinati, parte dalla panchina, ma quando entra cambia la partita con quantità e qualità. Autografa anche il 4-4. Voto 7,5

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 6^ Giornata

GNU' TEAM – VIGHIGNOLO  2 -7

Sul campo nebbioso della Vigejunior scendono in campo due formazioni alla ricerca della continuità nei risultati. Il pesante scarto finale non rispecchia appieno l'andamento della gara, nonostante i ragazzi del Vighignolo abbiano ampiamente meritato la vittoria. La prima parte di gara non viene sfruttata dai padroni di casa, che sprecano ghiotte occasioni e subiscono la doppietta di Pecorino, per il 2-0 dell’intervallo. Nella seconda frazione i ritmi si abbassano e gli spazi diventano più ampi, complice il netto calo fisico di Gnù Team. Fabio Berardi timbra il 3-0, replicato immediatamente da Costanzo, con un gran tiro dalla distanza. Poi finisce la benzina di Gnù Team e i gialloneri ne approfittano per dilagare con la tripletta personale dell’incontenibile Pecorino (Mvp) ed i double di Fabio Berardi e Foti. Nel finale gioia personale per Radino, utile solo per consegnare agli archivi il 7-2 definitivo.

Le pagelle

Gnù Team
Avanzini:
Buona prestazione nelle due fasi di gioco. Voto 6
Costanzo: Trova il gol che riapre la partita con un destro imparabile. Voto 6
Alfredo Guacci: Viene limitato da un lieve infortunio. S.V.
Riccardo Guacci:  S.V.
Iurato: Incolpevole sui gol incassati. Voto 6
Liotta: Fatica a contenere la rapidità degli attaccanti gialloneri. Voto 5,5
Macario: Inserimenti a fari spenti che fanno male agli avversari. Voto 6,5
Pannunzio: Buona prestazione da ultimo uomo, quando esce crolla il muro. Voto 6,5
Radino: Corsa importante per dare vivacità ai suoi. Voto 6,5
Stancampiano: Sfrutta il fisico, ma non crea particolari pericoli. Voto 5,5

 

Vighignolo
Fabio Berardi:
Tecnica sopraffina che gli permette di uscire da situazioni scomode. Voto 7
Stefano Berardi: Nella prima frazione mette più volte il risultato al sicuro parando con buona sicurezza. Voto 6,5
Carnevale: Gestisce bene la fase difensiva, senza correre rischi. Voto 6
Foti: In serata di grazia, salta a più riprese gli avversari che lo affrontano nell’uno contro uno. Voto 7
Francani: Si nasconde tra le pieghe della partita. Voto 5,5
Pecorino: Tre gol e due assist per il “Man of the match”, serata magica . Voto 7,5
Raffaele: Limita le sortite offensive avversarie nella seconda frazione. Voto 6
Solidoro: Poco concentrato sul match, sbaglia appoggi semplici. In calo rispetto alle prime uscite. Voto 5,5

 

Ceva Logistics - Milano Pirates 2-14

Vittoria schiacciante per i Milano Pirates che nella sesta giornata  rifilano 14 reti ai Ceva Logistis e confermano il terzo posto nella Serie A Gazzetta Football League. E’ Valvo a rompere il ghiaccio, segnando un gran gol da fuori area per i Milano Pirates, pochi minuti dopo il fischio d’inizio. Il trend perdura fino allo scadere del primo tempo, nel quale Ceva Logistics poco riesce ad opporre contro il dirompente strapotere degli avversari, che vanno al cambio di campo avanti 7-0, trascinati dalle triplette di Valvo e Impagnatiello. Nella ripresa Ceva Logistics accenna a una timida reazione, che frutta le due segnature di Sabino e Pezzimenti. Però non c'è nulla da fare contro il dominio dei Pirates, che continuano il diluvio di reti, e vanno in doppia cifra, sospinti dal settebello del “Man of the match” Impagnatiello.

Pagelle

Ceva Logistics
Consonni
: sfrutta il fisico, offrendo buone sponde e ci mette del suo, ma non incide. Voto 5,5
Giannetto: non molla mai, sotto il profilò dell’impegno. Voto 5,5
Grotto: non riesce a invertire l’inerzia del match. Voto 5,5
Luongo: fatica a tenere il campo, ma da sempre una mano ai compagni. Voto 5,5
Panzeri: Le sue parate non bastano a contenere lo Tsunami. Voto 5,5
Pezzimenti: il migliore fra i suoi, anche se commette qualche errore. Voto 7
Sabino: bravo a  saltare l’uomo, impacchetta un gran gol. Voto 6,5

Milano Pirates
Bianchi
: Contiene gli avversari e infonde sicurezza dietro. Voto 7
Mauro Carfì: buona prestazione, sempre ben posizionato. Voto 6,5
Bruno Carfì: Poco impegnato, ma si fa sempre trovare pronto tra i pali. Voto 7
Dagrada: Aiuta i compagni da prova buona della sua forma fisica Voto 6,5
Impagnatiello: Migliore in campo, si carica la squadra sulle spalle con sette palloni spediti in fondo al sacco. Voto 8
Martino: prestazione di buona qualità e sostanza. Voto 6.5
Valvo: grande incursore, nasconde la palla agli avversari e timbra una tripletta. Voto 7
Vanzin: apporto fondamentale, da una mano dove serve. Voto 6,5

 

Settimo Calcio – Tettenham 8-2

Continua la marcia a punteggio pieno di Settimo Calcio, che nella sesta giornata sale sull’ottovolante a spese di Tettenham. Eppure è Tettenham a dare la prima scarica di adrenalina, sbloccando il risultato in apertura con un piattone di Sozzari, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La reazione della capolista non si fa attendere e Savino pareggia con una rasoiata su punizione. Al 10’ capitan Carulli autografa il primo allungo di Settimo, che poi chiude la prima frazione avanti 4-1 con altre due magie dell’incontenibile Savino. Nella ripresa la capolista si rilassa colpevolmente e incassa il 2-4 di Rocco e rischia anche di subire altre segnature. Nel finale però Settimo riprende il pallino del gioco e piazza un parziale di 4-0 con altre due marcature di Savino (cinquina personale) e i centri di Gavagni (su punizione) e il bis di Carulli.

Le pagelle

Settimo Calcio
Novelli:
quasi disoccupato nel primo tempo, nella ripresa sporca i guantoni con 4 parate provvidenziali che tengono a distanza di sicurezza gli avversari. Voto 7
Buttacavoli: torna in campo nel finale a due mesi e mezzo dall’infortunio e si piazza dietro. Bentornato. Voto S.V.
Carulli: il capitano da il buon esempio di quantità e qualità, azionando la doppietta. Voto 7
D’Onofrio: Voto S.V.
Gavagni: prova più volte la via del gol e viene premiato con la punizione vincente del 6-2. Voto 6,5
Laudenzi: senza strafare, bravo in marcatura, con alcune buone chiusure. Voto 6,5
Lo Schiavo: di lotta e governo, taglia e cuce, fornendo il suo contributo prezioso. Voto 6,5
Savino: cinquina da standing ovation è immarcabile per i difensori avversari. Così si gioca solo in Paradiso. Voto 9

Tettenham
Brunetti:
da buon capitano difende i pali stoicamente, nonostante l’infortunio a un dito della mano e tiene in partita i compagni fino al 2-4, poi si fa pescare fuori dai pali sul 2-7. Voto 7
Cesario: si sbatte davanti, senza infamia e senza lode. Voto 6
Citu: il più vivace sul fronte offensivo, corre per due e sfiora a più riprese il gol. Voto 6,5
Colombini: Da il solito contributo di esperienza a guida del reparto difensivo. Voto 6
D’Angelo: prova a far valere il fisico davanti e sfiora il 4-3. Voto 6
Rave: meno brillante rispetto alla gara precedente, si vede respingere una punizione dalla barriera. Voto 5,5
Rocco: battezza il 2-4 dell’illusione e costringe il portiere avversario a un paio d’interventi. Voto 6,5
Sozzari: sblocca il risultato, poi spinge sulla fascia. Voto 6
Zulini: cerca di far valere i piedi educati e la rapidità sullo scatto, ma non incide. Voto 6

 

El Puma Team – Autosalone Testori 3-4

Autosalone Testori fa suo 4-3 il big-match della sesta giornata contro El Puma Team e si mantiene al secondo posto a punteggio pieno, ma con una gara giocata in meno di Settimo. La supersfida del Baggio è illuminata da una magia di Mastrogiacomo, che in apertura sghiaccia lo 0-0 con una formidabile sabongia da fuori area sotto l’incrocio dei pali. Sullo slancio Autosalone Testori allunga sul 3-0 con Riva (che sfrutta un errore del portiere avversario) e una punizione di Franzini. Nel finale di primo round reazione di El Puma Team, con la doppietta del 2-3 di Maderna, prima con una sassata dalla lunga distanza, poi con un comodo tap-in sotto porta, in coproduzione con Murgia. Nella ripresa Autosalone Testori riallunga con il 4-2 di Donadel, ma El Puma Team torna a meno uno con il solito Maderna e nel finale sfiora anche il pareggio.

Le pagelle

El Puma Team
Corradini
: il portierone macchia una buona prestazione con l’ incertezza dello 0-2 e anche sulla punizione dello 0-3 poteva fare meglio. Voto 5,5
Colombo: meno brillante delle gare precedenti, non riesce a incidere e si divora allo scadere il pareggio. Voto 5,5
Conversa: prova a dare il solito contributo sulla fascia sinistra e nella ripresa limita in marcatura Mastrogiacomo. Voto 7
Dubla: torna dopo la squalifica, scivola sul primo gol subito e commette il fallo che determina la punizione dello 0-3. Voto 5
Fumarola: Non entrato
Giuri: giostra davanti e prova anche senza fortuna la via del gol. Voto 6
Maderna: porta a casa il pallone con l’inutile tripletta, che lo conferma serial killer e vice-capocannoniere del girone con 17 gol. Voto 7,5
Murgia: come nella gara precedente, si batte tra le linee con dinamismo e buone giocate e apparecchia la tavola per il 2-3 di Maderna. Voto 7
Viganò: assente dalla prima giornata è spaesato all’inizio, poi entra in partita e si vede negare dal portiere il gol. Voto 6
Pasquino: N.E.
Iorio: N.E.

Autosalone Testori
Varaldi
: incassa tre gol senza colpe e da il suo contributo alla vittoria, soprattutto nel secondo tempo con alcuni interventi provvidenziali. Voto 7
Donadel: nuovo acquisto, entra nel secondo tempo in mezzo al campo, colpisce un palo e segna nel finale il decisivo 4-2. Voto 7
Franzini: centrocampista difensivo, timbra il 3-0 su punizione e prova più volte la conclusione in porta dalla distanza. Voto 6,5
Imbriaco: guida con buona autorità il reparto difensivo e prova anche qualche uscita palla al piede. Voto 7
Lipiani: gioca solo il primo tempo sulla fascia e prova una conclusione in porta da fuori area. Voto 6
Mangiarotti: sbaglia campo e arriva a inizio gara. Poi prova a dare il suo contributo in grinta, ma eccede e rischia il rosso. Voto 5,5
Mastrogiacomo: sfonda la rete con la gemma dell’1-0, poi prende il fallo che determina il  raddoppio e tiene sempre impegnati i difensori avversari. Voto 7
Riva: Premiato come “Man of the match” griffa il 2-0 e trascina i compagni alla vittoria, con la sua regia illuminata in mezzo al campo e il contributo difensivo. Voto 8
Testori: buona prestazione sulla sinistra del reparto arretrato e nella ripresa effettua una provvidenziale chiusura difensiva della diagonale. Voto 7

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 5^ Giornata

GNU TEAM – BARRIO CENISIO 3-2

Nella quinta giornata della Gazzetta Football  League vittoria soffertissima ma di enorme importanza per Gnu Team, capace di capitalizzare al meglio le palle gol create. Barrio Cenisio, invece paga a carissimo prezzo i troppi errori sotto porta e alcune disattenzioni difensive. Parte forte Gnu Team, che dopo soli 4’ sblocca la partita grazie a Stancampiano, abile a sfruttare un errore difensivo e a scaricare in rete un potente destro. Barrio Cenisio si spinge in avanti alla ricerca del pareggio, andando due volte vicino al gol con Saltarelli che coglie anche un clamoroso palo. Al 14’ gli sforzi vengono premiati con la rete del pareggio di Costanzo, abile a tirare al volo di destro, dopo un grande assist di Locci. Prima della fine del primo tempo il Barrio sfiora altre 3 volte il vantaggio con Garrone e Locci al quale risponde subito Iurato e poi Galli che da pochi passi spara alto. Nel secondo tempo domina sempre il Barrio che sfiora numerose volte la rete con Locci e Costanzo (diagonali fuori di poco) e poi con una clamorosa doppia occasione che impegna Iurato in due super interventi da distanza ravvicinata su Costanzo e Saltarelli. Dopo 15’ di assedio Gnu Team rialza la testa e trova il vantaggio con una bellissima azione personale di Macario, che salta un difensore e crossa in mezzo per il prontissimo Stancampiano, abilissimo a mettere in rete il pallone con un gran sinistro.

Al 21’il pareggio del Barrio Cenisio con una spettacolare azione tutta di prima e palla a terra finalizzata splendidamente da Galli. Passa appena un minuto e arriva la doccia gelata per gli ospiti: Macario si inventa un siluro che finisce inesorabile all’incrocio dei pali e vale il 3-2 finale dello Gnu Team che ottiene una vittoria insperata.

Le pagelle

Gnù Team
Avanzini
: Sempre ben posizionato, si sacrifica tanto per mettere pezze agli attacchi avversari. Voto 6
Bassi: Sempre puntuale nelle chiusure, fa valere molto il fisico. Voto 6,5
Costanzo: Prova di sostanza e di grande carattere. Voto 6,5
Alfredo Guacci: Tanta corsa, con alcune buone giocate. Voto 6
Riccardo Guacci: Non la sua miglior partita, da comunque una mano alla squadra. Voto 6
Iurato: compie tanti interventi importanti che tengono in partita i suoi. Voto 7
Radino: Un po’ in ombra, cerca comunque di rendersi utile alla squadra. Voto 6
Stancampiano: Ha 3 palloni buoni e segna due reti, una media che gli vale la palma di “Man of the match”, grazie alla doppietta spacca partita. Voto 7,5
Macario: Segna il gol decisivo e offre l’assist del 2-2, grande prova. Voto 7

Barrio Cenisio
Boselli: 
Non può nulla sui 3 gol presi, per il resto è vigile e attento. Voto 6
Fulgheri: Si spinge spesso in avanti alla ricerca del gol, ma senza trovarlo. Voto 5,5
Galli: Tocca con maestria ogni pallone ed è abile nel segnare il momentaneo 2-2 . Voto 6,5
Garrone: Cerca di fare quello che può in mezzo al campo ma non ha un ruolo preciso e va un po’ in confusione. Voto 5,5
Locci: Cerca di spronare la squadra dall’inizio alla fine, confeziona un bellissimo assist per Costanzo. Voto 6,5
Saltarelli: Buona prova, colpisce un palo clamoroso e sfiora il gol in più occasioni. Voto 6,5
Costanzo Alessandro: Motorino instancabile sulla fascia, segna un gol e confeziona un assist, grande partita. Voto 7

 

I COLONI – MILANO PIRATES        2 - 7

Nella quinta giornata della Gazzetta Football League grande prova dei Milano Pirates che, pur giocando buona parte del match in inferiorità numerica (per il ritardo di un giocatore prima e l’infortunio di Manenti poi), riescono ad imporsi 7-2 sui Coloni. Pronti, via e subito Manenti costringe Roggia ad un grande intervento. Al 5’ lo stesso Manenti parte dalla fascia destra, si inserisce in aerea e realizza il vantaggio dei Pirates, con una precisa conclusione. Gli ospiti però soffrono l’inferiorità numerica iniziale e cosi dopo solo 2’ arriva il pareggio dei Coloni, con un bel tiro da fuori di Dognini, che non lascia scampo a Carfì. Al 15’ Impagnatiello scaraventa un gran sinistro sotto la traversa riportando avanti 2-1 i Pirates. I Coloni cercano di sfruttare l’uomo in più, alzando il pressing e andando prima vicini al gol con un bel tiro di Conserva (ben parato dal portiere) e poi impattando, grazie ad una prodezza di Marzucca che si inventa il tiro precisissimo del 2-2. Tornati in parità numerica, assedio della squadra capitanata da Bianchi, che prima con Valvo e poi con Impagnatiello (clamoroso il suo palo), sfiora il gol. Vantaggio che arriva nella ripresa, quando sale in cattedra Valvo, che con straordinaria fisicità e abilità palla al piede segna il 3-2 con un pallonetto pregevole. Poco dopo arriva anche il 4-2 di Impagnatiello, abile a sfruttare un contropiede. Infortunatosi Manenti, i Coloni si ritrovano ancora in superiorità numerica, e si gettano all’assalto della porta avversaria, sfiorando il gol con Monti, Paolelli e Conserva, che colpisce una traversa. Sale cosi in cattedra lo strapotere fisico di Valvo che per due volte parte palla al piede dal centrocampo e timbra di potenza il 5-2 e il 6-2, suggellando una granitica prestazione. L’ultimo gol porta ancora la firma di Impagnatiello abile nel concludere in rete l’ennesimo contropiede. Tre punti importanti per i Pirates, buona prova dei Coloni che sembrano migliorare l’intesa partita dopo partita.

Le pagelle
I Coloni

Roggia: partita eccellente in cui compie almeno tre super parate. Voto 7
Paolelli: corre tantissimo, cerca di guidare i compagni con impegno encomiabile. Voto 6
Dognini: Ottima partita, contraddistinta dalla gemma dell’1-1. Voto 6,5
Cioffi: cerca sempre di rendersi pericoloso, va vicino al gol in più di un’occasione. Voto 6
Marzucca: segna un gran gol, gioca dietro con ordine ed è molto abile a ripartire. Voto 7
Conserva: buona partita, cerca di illuminare il gioco, ma la sfortuna gli stampa il tiro sulla traversa. Voto 6,5
Cormio: Cerca in tutti i modi di aiutare i compagni, giocando anche di sponda. Voto 6
Monti: prova a creare gioco, ma è spesso impreciso sotto porta Voto 6

Milano Pirates
Carfì
: buona prova del portierone, che si fa sempre trovare pronto quando è chiamato in causa. Voto 6,5
Bianchi: guida la difesa con la solita sicurezza, serve anche un delizioso assist a Valvo. Voto 7
Impagnatiello: sulla fascia sinistra è micidiale, segna con una regolarità straordinaria, settimana scorsa ne aveva segnati 4, oggi si ferma alla tripletta. Voto 7,5
Manenti: ha il grosso merito di sbloccare la partita, sfortunatamente si fa male dopo pochi minuti nella ripresa. Voto 6,5
Stefano Marra: arriva in ritardo ma offre tanta corsa utile al servizio della squadra. Voto 6,5
Valvo: straripante, domina il centrocampo, si spinge spesso in attacco e segna tre reti. Man of the match per acclamazione. Voto 8
Paolo Marra: gara di grande sacrificio, si rende utile alla squadra. Voto 6,5


TENUTA CARRETTA – CEVA LOGISTICS        5 - 3

Il campo non conferma il pronostico e regala un’emozionante sfida tra Tenuta Carretta e Ceva Logistics, combattuta fino all'ultimo e terminata 5-3 in favore dei primi. Merito di un Ceva ancora senza punti in classifica, ma indomabile e capace di rialzarsi in ogni momento. Pronti via e Cateni timbra due volte il cartellino, con un potente destro dal limite ed un appoggio su assist di Italia. I granata non si danno per vinti e accorciano le distanze a metà primo tempo con Consonni. Nemmeno il tempo di mettere il pallone nel cerchio di centrocampo che Cateni firma la tripletta, grazie ad un tap-in da distanza ravvicinata. Prima della fine del primo tempo c’è gloria anche per Spinelli che porta la sfida sul 4-1. La ripresa cambia le carte in tavola con Ceva grintosa e decisa fin da subito ad accorciare le distanze. Il 2-4 viene siglato da Sabino con un tocco di punta, dopo una splendida discesa mentre il gol della speranza porta il nome di Luongo, sporcato da una deviazione di Mileto. Rimonta incompleta quella degli ospiti che subiscono il definitivo 5-3 proprio di Mileto che finalizza uno splendido contropiede.

Le pagelle

Tenuta Carretta
Lombella
: Incolpevole sui gol. Voto 6
Alferi: Ha un motorino nelle gambe con benzina inesauribile. Voto 6,5
Cateni: MVP del match con una tripletta sontuosa in 15 minuti. Poi deve abbandonare per infortunio. Voto 7,5
Di Capua: Una volta entrato detta legge in difesa. Voto 7
Grossi: Solita tenacia in mezzo al campo. Voto 6,5
Italia: Ruba palloni ed avvia l’azione del secondo gol. Voto 6
Locatelli: Tenta spesso la sortita offensiva, lasciando un pò troppi spazi liberi. Voto 6
Mileto: Pericoloso, sia che giochi a destra, a sinistra o in mezzo. Il suo gol chiude la gara. Voto 7
Niro: Mancino insidioso da qualsiasi posizione, anche se non trova il gol. Voto 6,5
Spinelli: Spinta costante sulla fascia sinistra, mezzo voto in più per il gol. Voto 7
Galetti: Il mister cerca nuove soluzioni, minando a volte l’equilibrio della sua formazione. Voto 6

Ceva Logistics

Cappelletti: Bravo nell'interdizione, meno nella costruzione, poi è costretto ad uscire per una distorsione. Voto 6
Consonni: Chili e centimetri sfruttati per dare sponde ai compagni. Voto 6
Crippa: Tuttofare al servizio della squadra. Voto 6
Giannetto: Non molla mai, è un mastino. Voto 6,5
Luongo: Fatica a contenere Cateni nella prima parte, nel secondo tempo si riscatta trovando anche il gol. Voto 6
Pacchioni: Con l’uscita di Cappelletti deve sacrificarsi in copertura. Voto 6
Panzeri: Salva il possibile. Voto 6
Sabino: Salta spesso l’uomo creando superiorità numerica. Voto 7


SETTIMO CALCIO – VIGHIGNOLO         6 - 4

Settimo Calcio si aggiudica 6-4 il derby contro Vighignolo e resta a punteggio pieno dopo cinque giornate della serie A Gazzetta Football League con il primato solitario, grazie al turno di riposo del coinquilino Autosalone Testori. La sfida del Baggio si accende dopo pochi secondi, quando Carulli (uno dei 4 ex) apparecchia la tavola per l’1-0 del Settimo, griffato da Damiani.  Il Vighignolo reagisce con vigore e rivolta il match come un calzino con il 3-1 dell’intervallo di Pecorino (doppietta) e Foti. Avvio pirotecnico di ripresa, che si incendia con il 2-3 di Corani, direttamente dal calcio d’inizio. Passano pochi secondi e Francani riporta a più 2 Vighignolo, timbrando il 4-2. Al 3’ ancora Corani va a bersaglio per il 3-4 del Settimo. Sullo slancio la truppa di mister Grieci Fiore prima pareggia con Elia, poi mette la freccia del primo e decisivo sorpasso con il bis di Elia. Nel finale Carulli suggella il definitivo 6-4. Vittorio Elia è premiato come “Man of the match” di Sportland Channel.

Le pagelle

Settimo Calcio

Novelli: chiamato in causa soprattutto nel primo tempo, risponde sempre presente con buona autorità e sicurezza. Voto 7
Carulli: ingabbiato dai suoi ex compagni, riesce comunque fornire l’assist dell’1-0 e a siglare al tramonto il 6-4. Voto 6,5
Corani: nel primo tempo prova più volte invano la via del gol, scheggiando anche la traversa su punizione. Poi timbra l’importantissima doppietta del 3-4, che da il via alla remuntada. Voto 7
Damiani: impiega pochi secondi per sbloccare il risultato, poi impegna più volte il portiere avversario, senza trovare però la via della rete. Voto 6,5
Di Viesti: si piazza sul centro destra e nella ripresa resiste con abnegazione ad un acciacco muscolare. Voto 6
Elia: anonimo nel primo tempo, poi si scatena, battezzando la doppietta decisiva, più l’assist del 6-4, meritandosi il premio di migliore in campo. Voto 8
Lo Schiavo: centrale difensivo, chiude e imposta con buona efficacia. Voto 7
Quero: da il suo contributo sul centro destra. Voto 6

Vighignolo

Stefano Berardi: nel primo tempo si traveste da Batman e para anche le mosche, ma ad inizio ripresa si fa uccellare su calcio d’inizio e l’inerzia del derby cambia. Voto 6
Fabio Berardi: in ghingheri nella prima parte, poi si eclissa con i compagni nella ripresa. Voto 6,5
Carnevale: si perde Carulli sul primo gol. Poi si riprende, ma viene lasciato in panchina  nella ripresa e può solo assistere al tracollo. Voto 6
Foti: segna l’illusorio 3-1 e cerca di portare acqua al mulino dei compagni senza risparmiarsi. Voto 6,5
Francani: nella ripresa  segna il 4-2, poi si deve arrendere ad un problema muscolare. Voto 6
La Rocca: svolge il compitino, senza infamia e senza lode. Voto 6
Pecorino: devastante nel primo tempo, quando aziona la doppietta e fornisce anche l’assist del 3-1. Voto 7
Perego: entra nel secondo tempo e non riesce a contenere lo Tsunami difensivo. Voto 5,5
Raffaele: idem come Perego, quando scende in campo gli avversari sono ormai un fiume in piena e commette anche il fallo del rigore del 4-5. Voto 5,5
Saverino: in avvio colpisce il palo che aziona il gol dell’1-1 e crea scompiglio, poi cala. Voto 6
Solidoro: positivo in fase difensiva fino a quando perde il sanguinoso pallone che determina il penalty del 4-5. Voto 5,5

 

EL PUMA TEAM – F.C. TETTENHAM        10 - 1

Quarto successo di fila per El Puma Team, che nella quinta giornata stravince 10-1 contro Tettenham e aggancia al secondo posto Autosalone Testori (a riposo). La gara resta in equilibrio per quasi tutto il primo tempo, che vede El Puma Team affondare due volte allo scadere su autorete e raddoppio di Maderna. Poi sul 2-0 s’infortuna a un dito il bravissimo portiere Brunetti e Tettenham è costretto a schierare tra i pali un giocatore di movimento. La ripresa non ha così più storia, con El Puma  Team che sale sull’ottovolante, grazie ad altre tre gemme di Maderna, la doppietta di Giuri e i centri di Ochoa e Colombo. Nel finale Rave segna il gol della bandiera di Tettenham, poi El Puma Team va in doppia cifra con il definitivo 10-1 di Maderna e Murgia. Ivan Colombo di El Puma Team è premiato come “Man of the Match” di Sportland Channel

El Puma Team

Corradini: nei primi 15 minuti compie un paio di belle parate, poi è praticamente spettatore infreddolito. Voto 6,5
Antoniazzi: il capitano avvicenda a metà primo tempo nel reparto difensivo l’acciaccato Iorio e sbriga il compito senza particolari problemi. Voto 6
Colombo: Rompe il digiuno nella ripresa si e si merita il premio di migliore in campo, per gentile concessione di Maderna. Voto 8
Conversa: non entra nel tabellino marcatori, ma si rende sempre utile con la spinta sulla fascia e i cross a tagliare il campo da sinistra verso destra. Voto 6,5
Fumarola: il mister scende in campo nella ripresa e sfiora anche il gol. Voto 6
Giuri: avvia la scorpacciata della ripresa con la conclusione chirurgica del 3-0 e poi concede il bis. Voto 7
Iorio: in campo solo pochi minuti, poi come nella gara precedente, deve arrendersi a un fastidio muscolare. Voto S.V.
Maderna: Poker d’autore che porta a 7 il bottino delle ultime due gare, cosa chiedere di più? Con grande fair play lascia poi a fine gara il premio "Man of the match" al compagno di merende Colombo. Voto 8

Murgia: è attore protagonista sull'autorete che sblocca la gara e sicario dell'eurogol del 10-1 definitivo. Voto 7,5

Ochoa: crea scompiglio con le sue serpentine e griffa il 4-0. Voto 7

 

Tettenham

Brunetti: per 20 minuti è attore protagonista di numerose parate prodigiose, poi s’infortuna a un dito e abbandona il campo. Voto 7
Colombini: guida con autorità il reparto difensivo per un tempo, poi non può evitare la disfatta. Voto 5,5
Giacquinto: pivot nel primo tempo, poi è costretto a indossare i guanti e raccoglie 7 palloni in fondo al sacco. Voto 5,5
Nava: laterale di destra, provoca l’autorete dello 0-1 e sfiora il gol di testa. Voto 5,5
Rave: il migliore dei suoi, segna il gol della bandiera ed è l’ultimo ad arrendersi. Voto 7
Rocco: jolly difensivo con alcune buone chiusure, sfiora il palo nella ripresa. Voto 6
Zulini: prova a dare il contributo a centrocampo e dietro, ma lotta contro i mulini a vento. Voto 5,5
D’Angelo: gioca in mezzo e sfiora due volte il gol nella secondo parte. Voto 6

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 4^ Giornata

CEVA LOGISTICS – GNU’ TEAM          2 - 6

Nella quarta giornata della Gazzetta Football League arriva la prima vittoria stagionale per lo Gnu Team, che espugna il campo dei Ceva Logistics imponendosi con un autoritario 6-2. Dopo un inizio combattuto con buone parate di entrambi i portieri, a sbloccare la partita ci pensa Radino con un preciso tiro di sinistro che si infila nell’angolino. Il Ceva tenta una reazione, ma a freddo subisce in pochi minuti anche lo 0-2 e lo 0-3, realizzati entrambi da Alfredo Guacci con due azioni personali, magistralmente concluse. Nel secondo tempo è sempre lo Gnu Team a comandare il gioco e nel giro di 10 minuti allunga fino al 6-0, grazie ai centri di Riccardo Guacci, Liotta (attento a credere nella respinta corta del portiere) e ancora Radino. Il Ceva, allora, comincia a tirar fuori l’orgoglio e ad assediare gli avversari, trovando prima il gol con Sabino e poi il definitivo 2- 6 di Pezzimenti.   

Le pagelle
Ceva Logistics
Panzeri
: Fa quel che può, para tutto ciò che riesce a prendere. Voto 6,5
Consonni: Serata complessa, fa a sportellate con Stancampiano, ma perde spesso la sfida. Voto 5,5
Deasti: si arrangia come può contro gli scatenati attaccanti avversari. Voto 6
Grotto: Prova poco concreta, cerca di fare il lavoro sporco ma con risultati altalenanti. Voto 5,5
Cappelletti: Si da un gran da fare, trova anche un bel tiro che gli viene però respinto dal portiere. Voto 6
Scotto: Il gioco passa dai suoi piedi, prova a verticalizzare ma la serata non sorride. Voto 5,5
Pezzimenti: Corre tanto e cerca spesso di andare in avanti a far gol. Ci riesce verso la fine ma troppo tardi. Voto 6,5
Luongo: Si vede poco, dovrebbe essere cercato meglio dai compagni Voto 5,5
Sabino: Il migliore dei suoi, l’ultimo ad arrendersi, il più voglioso di rimontare. Suo il gol che riaccende le flebili speranze di tornare in partita. Voto 7

Gnu Team
Iurato
: Buona prova, incolpevole sui due gol subiti Voto 6,5
Avanzini: Contiene bene gli avversari, si fa sentire dai compagni. Voto 6,5
Bassi: Non ha paura di andare a contrasto, temerario e intraprendente in difesa Voto 6 Costanzo: Non fa correre rischi ai suoi sulla fascia sinistra. Voto 6
Alfredo Guacci: Segna due gol bellissimi e importantissimi. Contributo fondamentale alla vittoria. Voto 7
Riccardo Guacci: Partita di grande corsa e sacrificio, impreziosita da un gol di ottima fattura. Voto 6,5
Liotta: Guida i compagni dalla panchina nel primo tempo, entra e si fa trovare pronto nel tap-in che vale lo 0-5 della tranquillità. Voto 6,5
Radino: col suo mancino apre e chiude le marcature. Costruttore del gioco dello Gnu Team e faro per i compagni. Voto 8
Stancampiano: Vince tutti i contrasti in aerea, ma perde la personale sfida con Panzeri che gli nega la gioia del gol in almeno quattro occasioni. Avrà modo di rifarsi. Voto 7

 

BARRIO CENISIO – SETTIMO CALCIO          0 – 3

La capolista Settimo Calcio continua la sua inarrestabile corsa al comando della Serie A Gazzetta Football League imponendosi per 3 – 0 su Barrio Cenisio. La serata inizia con la notizia inaspettata della mancanza di un giocatore del Settimo Calcio che disputera' l'intero incontro in 6 uomini. Prima parte di gara che scivola via liscia senza grandi emozioni con le due squadre intente a studiarsi. Il match si sblocca al 21' del primo tempo con un calcio d'angolo battuto forte sul primo palo da Carulli che coglie impreparato l'estremo difensore “Celeste”. Si va al riposo con il vantaggio degli ospiti che nonostante l'inferiorita' numerica se la giocano a viso aperto. Inizio secondo tempo e subito raddoppio dei “Viola”, Arcerito dribbla un uomo al limite e scarica un chirurgico destro che bacia il palo. Ancora un'invenzione di Carulli chiude la partita, serpentina incredibile in mezzo a 3 uomini e mancino sotto il sette. Padroni di casa che sprecano una ghiotta occasione di fare punti e grande prova di forza della squadra ospite che si candida come favorita per la vittoria finale.

PAGELLE
BARRIO CENISIO
Barbuto
: Potrebbe spingere di piu' sulla fascia destra. Voto 5,5
Boselli: Pasticcia sul primo gol, reattivo nel resto della partita. Voto 6
Busacca: Tenta sortite offensive con scarsi risultati. Voto 5,5
Galli: Gestisce con mestiere i palloni che tocca. Voto 6
Garrone: Si fa sempre trovare libero con ottimi smarcamenti. Voto 6,5
Locci: Urla dal primo all'ultimo minuto non sempre produttivamente. Voto 5,5
Pancani: Ultimo baluardo della difesa “Celeste”. Voto 6
Colonna: Esegue il suo compito commettendo un solo errore. Voto 6

 SETTIMO CALCIO
Arcerito:
MVP di serata imprendibile sulla fascia sinistra, il gol e' la ciliegina sulla torta. Voto 7,5
Carulli: Doppietta personale, tutte le azioni offensive dei “Viola” si appoggiano a lui. Voto 7
Damiani: Corre a tutto campo per non fare pesare l'inferiorita' numerica. Voto 6,5
Di Viesti: Difensore con spiccate doti offensive. Voto 6,5
Lo Schiavo: Dispensa calma con giocate semplici e precise. Voto 6,5
Novelli: Miracoloso nel salvare piu' volte l'imbattibilita'. Voto 7

 

FC AUTOSALONE TESTORI – I COLONI          14 - 0

Nella quarta giornata della Gazzetta Football League la capolista Autosalone Testori impartisce una severa lezione ai giovani Coloni, sommersi sotto 14 reti. Dopo 3’ ad aprire le danze ci pensa il capitano, Nicholas Testori, con un bel tiro di sinistro. Dopo il raddoppio di Mastrogiacomo, arriva una pioggia di gol realizzati da Mangiarotti, Nicholas Testori, Franzini e ancora Mastrogiacomo che portano il punteggio sul 6-0. Al 20’ si assiste al gol più bello della partita: cross in mezzo di Nicholas Testori e tiro al volo in corsa di Lipiani che va ad infilarsi sotto l’incrocio dei pali, per il 7-0. Negli ultimi 2’ del primo tempo i Coloni provano una timida reazione e vanno vicino al gol in due frangenti colpendo sfortunatamente due pali, uno clamoroso con Marzucca. La ripresa si apre subito con un bel gol di Mastrogiacomo (pallonetto) e un’altra gemma di Lipiani su assist di Mangiarotti. Concludono il match le realizzazioni di Bollani (doppietta) Riva (doppietta) e Franzini. Da segnalare l’ingresso in campo a 10 minuti dal termine di Oreste Testori, leader carismatico nonché giocatore più “anziano” della squadra, che con attenzione e accuratezza guida i suoi “ragazzi” dalla difesa.

Le pagelle
Autosalone Testori
Ravera:
praticamente mai impegnato, vive una giornata sostanzialmente tranquilla. Voto 6
Franzini: prova attenta e sicura, dalle sue parti non si passa mai. Segna anche una doppietta. Voto 7
Nicholas Testori: gara perfetta per il capitano: con il suo mancino disegna parabole sempre efficaci, che fruttano numerosi gol e assist. Voto 8
Bollani: passa in panchina tutto il primo tempo, entra nella ripresa e in 5 minuti realizza due gol di pregevole fattura, cosa chiedere di più? Voto 7
Lipiani: gara ordinata e senza sbavature, impreziosita da un gol di rara bellezza. Voto 7
Mastrogiacomo: attaccante completo, segna 3 gol, fa segnare, si fa trovare sempre nel posto giusto. Punto di riferimento per tutti i compagni. Voto 7,5
Riva: gara tranquilla in difesa, talmente tranquilla che decide di andare a giocare in attacco e con ragione, visto che riesce a confezionare una doppietta. Voto 6,5
Mangiarotti: buona prova, contraddistinta da un bellissimo gol e un assist pregevole. Voto 6,5
Oreste Testori: è il leader carismatico di questa squadra, guida tutti dalla panchina con utili suggerimenti e preziose indicazioni. Si toglie la soddisfazione di entrare in campo e giocare 10 minuti insieme ai suoi ragazzi. Voto 10

I Coloni
Roggia:
non ha responsabilità sui 14 gol, para tutto il parabile. Voto 6,5
Paolelli: in grossa difficoltà per tutta la partita, vede avversari arrivare da ogni posizione. Voto 5,5
Dognini: vista la superiorità avversaria anche per lui la serata è tutt’altro che agevole, fa quel che può. Voto 5,5
Cioffi: prova a creare qualcosa e a rendersi pericoloso, va vicino al gol in un occasione. Voto 6
Marzucca: è quello che riesce a creare i maggiori pericoli col suo mancino, meritava di trovare il gol ma il palo gli si oppone. Voto 6,5
Brunner: anche per lui serata storta, non riesce a imporsi sugli avversari come vorrebbe. Voto 5,5
Cormio: Cerca come può di aiutare la squadra correndo tanto e provando a creare gioco, ma inutilmente. Voto 5,5

 

MILANO PIRATES – AC TENUTA CARRETTA 1999            7 - 4

Nella quarta giornata Milano Pirates sconfigge 7-4 Tenuta Carretta e ottiene il terzo successo. I pirati mettono fieno in cascina con il 2-0 griffato dalla doppietta di Impagnatiello. Al 10’ Niro replica con una punizione rasoterra  che dimezza il gap. Prima del riposo botta e risposta di Kolaj e Filice, per il 3-2 dell’intervallo. Nella ripresa il bis di Kolaj riporta a più 2 Milano Pirates, ma Tenuta Carretta ancora una volta si riavvicina con il 3-4, grazie ad un penalty trasformato da Niro. Il ping pong di segnature prosegue fino al 5-4 firmato da Marra e Alferi. Nel finale settebello definitivo di Milano Pirates, grazie al poker di Impagnatiello.

Le pagelle
Milano Pirates
Mauro Carfì
: avvicenda tra i pali lo squalificato fratello Bruno e, malgrado la ruggine della lunga inattività, se la cava egregiamente. Voto 7
Bianchi: guida con classe e autorità il reparto difensivo con efficaci chiusure. Voto 6,5
Impagnatiello: sicario implacabile, con un poker servito che gli vale il premio di migliore in campo. Voto 8
Kolaj: moto perpetuo, timbra una doppietta e crea scompiglio con i suoi dribbling ubriacanti. Voto 7,5
Manenti: si muove sul fronte offensivo di destra, senza incidere più di tanto. Voto 6
Stefano Marra: formidabile assist-man sfonda la porta con una “maledetta” su punizione. Voto 7,5
Valvo: si rende utile in fase difensiva e in mezzo al campo. Voto 6,5

Tenuta Carretta
Lombella
: buona prestazione tra i pali, malgrado i 7 gol sul groppone. Voto 7
Alferi: si piazza a destra sul fronte offensivo e firma il 4-5 nel finale. Voto 6
Filice: dirige con buon profitto il traffico al centro del ring e timbra il 2-3 con un piattone chirurgico. Voto 6,5
Grossi: sempre sul pezzo sulla destra, pennella il cross per il 4-5. Voto 6,5
Italia: cerca di dar manforte davanti e apparecchia la tavola per il 2-3 di Filice. Voto 6
Lombella: svolge il compito senza infamia e senza lode. Voto 6
Marugi: spinge sulla destra con continuità. Voto 6
Merli: anticipa e riparte con sufficiente profitto. Voto 6
Mileto: più di lotta che di governo, non si tira mai indietro. Voto 6,5
Niro: prova a invertire l’inerzia della gara, con la doppietta, su rigore e punizione. Voto 7

 

US VIGHIGNOLO – EL PUMA TEAM          4 - 6

Nella quarta giornata della serie A Gazzetta Football League El Puma Team s’impone 6-4 con Vighignolo e sale a 9 punti in classifica. Il Vighignolo sblocca il risultato sollecitamente con Foti, che ribadisce in rete una corta respinta del portiere. La replica di El Puma Team è immediata con un missile di Maderna che griffa l’1-1. Sullo slancio El Puma Team vola sul 3-1 siglato da Colombo e Maderna. Prima del riposo Pecorino si procura e trasforma il penalty del 2-3. Nella ripresa El Puma Team piazza il break decisivo, con il 6-2 griffato da Colombo, Maderna e Ochoa. Nel finale Vighignolo reagisce e dimezza il gap con il bis di Pecorino e la segnatura di Berardi. Il portiere di El Puma Team Alberto Corradini è premiato come “Man of the match”.

Le pagelle
Vighignolo
Stefano Berardi
: Incassa 6 gol senza particolari colpe ed evita un passivo più pesante con alcuni buoni interventi, anche se ha vissuto serate migliori. Voto 6
Fabio Berardi: sbaglia il passaggio in uscita che costa l’1-1. Poi prova a riscattarsi, ma deve fare i conti con lo strepitoso portiere avversario. Nel finale rompe il digiuno e segna il tardivo 3-6. Voto 5,5
Foti: sblocca il risultato in apertura. Nella ripresa prova spesso a tagliare da sinistra verso il centro, ma è più fumo che arrosto. Voto 6
Francani: serata senza infamia e senza lode. Voto 6
La Rocca: cerca di rendersi utile, spingendo sulla destra. Voto 6
Pecorino: confeziona l’inutile doppietta e fallisce anche altre occasioni per riportare a galla i suoi. Voto 7
Perego: serata complicata contro gli sguscianti attaccanti avversari. Voto 5,5
Raffaele: gioca solo nel secondo tempo, piazzandosi sulla destra. S.V.
Saverino: il capitano commette l’errore sull’1-2 e ad inizio ripresa non riesce a fermare l’emorragia, che costa il letale 2-6. Voto 5,5

El Puma Team
Corradini
: blinda la porta fino al 6-2 abbassando la saracinesca a doppia mandata e si merita il premio di “Man of the match”. Voto 8
Colombo: timbra la doppietta, colpisce un palo e tiene sempre in apprensione i difensori ed il portiere avversario. Voto 8
Maderna: arma letale che spacca in due la partita con una sontuosa tripletta. Voto 8
Conversa: buona prova difensiva, colpisce un palo su punizione e spinge sulla fascia. Voto 6,5
Dubla: attento in marcatura, anche se commette il fallo da rigore del 2-3. Voto 6
Filippi: da il suo buon contributo in mezzo al campo, con alcune buone intuizioni. Voto 6
Fumarola: N.E.
Iorio: difende con buona efficacia in mezzo, ma nel finale è costretto ad uscire per un problema fisico. Voto 6,5
Murgia: prova senza fortuna la via del gol, ma con la sua buona tecnica costringe spesso gli avversari al fallo. Voto 6,5
Nicoli: N.E.
Ochoa: segna il 6-2, al tramonto colpisce due pali nella stessa azione ed è una costante spina nel fianco della difesa del Vighignolo. Voto 7

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 3^ Giornata

TETTENHAM  - I COLONI         8 - 2

Partita a senso unico tra  Tettenham e Coloni, con i primi che stravincono 8-2. Il match parte a ritmi altissimi, con i padroni di casa che pressano alto e sfruttano efficacemente le fasce. Al 5’ Tettenham si porta in vantaggio: azione insistita con ben tre tiri nel giro di pochi secondi, prima di Giaquinto, poi di Cesario e infine di Citu, che insacca di potenza. Pochi minuti dopo tocco (evidente) di mano in area: sul dischetto del rigore va il portiere Brunetti, che con freddezza trasforma il penalty. Poi il Tettenham cala il tris con Citu. Al 18’ i Coloni accorciano le distanze con la marcatura di Dognini. Nella ripresa si scatena Sozzari (MVP), che all’alba firma il 4-0 con un rasoterra nell’angolino basso. Poi il Tettenham abbassa la guardia e incassa il secondo centro dei Coloni, che riaprono la partita: Dognini fa doppietta, mettendo in porta "il gol dell'anno", con un tiro potente e preciso da centrocampo. Nei minuti finali i padroni di casa ingranano la quinta e poi vanno a segno altre quattro volte: bis di Sozzari con un fendente che bacia il palo prima di entrare in rete, poi gol di Colombini e di Giaquinto su splendido assist del solito Citu. Infine l’ultima firma la mette ancora il numero 11 del Tettenham che aziona la tripletta.

Le Pagelle
Tettenham
Brunetti: Leader in campo e fuori, si fa sempre sentire. Comanda i compagni e guida la squadra alla vittoria. L’unica pecca è il gol subito da metà campo, sul quale poteva fare di più. Voto 6,5
Cesario: Spina nel fianco degli avversari, è rapido e mette sempre in difficoltà i difensori dei Coloni. Voto 6,5
Citu: Tripletta da vero bomber, è lui l’arma letale dei suoi e la punta di diamante. Voto 8
Colombini: Partita dignitosa, valorizzata dal gol. Voto 6,5
Cova: Nella ripresa dona i polmoni alla squadra. Disponibile. Voto 6,5
Giaquinto: Non solo il gol, mette sul piatto anche la qualità. Voto 6,5
Peluso: Sfiora il gol in due occasioni. Se fosse entrata la panchina sarebbe esplosa. Beniamino del gruppo. Voto 7
Rave: Buona prestazione, al servizio della squadra. Voto 6
Sozzari: "Man of the Match" a furor di popolo, i compagni lo stimano e lo decretano il migliore in campo. Strepitoso. Voto 8
Zulini: Buona gara, offre un prezioso aiuto ai compagni. Voto 6

I Coloni
Roggia
: Sui gol incassati può far poco, perché si trova di fronte attaccanti scatenati. Voto 6
Brunner: Fa il suo, ma è una serataccia per tutti. Voto 5,5
Dognini: E' l’ultimo a mollare e timbra la doppietta. Voto 7
Monti: Da sostanza. Voto 6
Marzucca: Sfortunato, esce per grave infortunio al dito. Gli facciamo un grosso in bocca al lupo. Peccato, perché stava anche giocando bene. Voto 6,5
Paolelli: Ci prova, ma lotta contro i mulini a vento. Voto 6
Conserva: Parte fortissima sulla fascia, poi cala. Voto 6
Cormio: Buona intensità, ma soffre in alcune situazioni. Voto 5,5

 

MILANO PIRATES - FC AUTOSALONE TESTORI         2 - 4

Autosalone Testori s’impone 4-2 nello scontro al vertice contro Milano Pirates. Pronti via e Autosalone Testori si porta subito in vantaggio, con un tiro dalla destra di Lipiani. Buona reazione dei padroni di casa che prima impegnano il portiere in un paio di interventi miracolosi, prima su Impagnatiello e poi di Kolaj. Poco dopo arriva il pareggio di Marra. Nella ripresa sollecito vantaggio dei padroni di casa che ribaltano il risultato grazie al gol di Valvo, che dal limite piazza un rasoterra all’angolino. La reazione di Testori è veemente e crea diversi pericoli alla difesa avversaria, ma è molto bravo Carfì a chiudere lo specchio. All’undicesimo arriva il pareggio di Mastrogiacomo che è molto bravo a fare perno sul difensore avversario e a mettere la sfera nell’angolino basso, per il 2-2. A 5’ dalla fine Mastrogiacomo trova la doppietta personale e il 3-2, con un potente tiro dalla destra che sorprende il portiere avversario.  Subito dopo l’episodio che chiude il match. Carfì compie un’altra bella parata, ma leggermente fuori dall’area e viene espulso dal direttore di gara. Gli ultimi minuti di gioco vedono i “Pirati” provare il tutto per tutto giocando con un portiere di movimento per cercare il gol del pareggio, ma all’ultimo arriva una ripartenza dei Testori che chiude i giochi con il 4-2 di Franzini.

Pagelle
Milano Pirates

Bianchi: preciso e puntuale nelle chiusure, concede però troppo spazio a Mastrogiacomo in occasione del gol del 2-2. Voto 5,5
Carfì: sicuro sia tra i pali che nelle uscite, salva diverse volte la propria porta, ma alla fine non si accorge di essere leggermente fuori dall’area nel momento di parare un tiro avversario e si becca il rosso. Voto 6
Dagrada: comincia in panchina, poi si posiziona sulla sinistra facendo il suo, senza però dare quella marcia in più che di solito si richiede a chi entra fresco in campo. Voto 5,5
Impagnatello: lotta su tutti i palloni e conclude spesso in porta. Per sua sfortuna il portiere avversario è in serata di grazia. Voto 6
Kolaj: giocatore tutto campo, difende, imposta e attacca. Pericoloso anche in alcune circostanze sotto porta. Voto 6,5
Manenti: sulla destra prova a frenare la spinta avversaria, facendosi però a volte prendere in mezzo. Non la migliore partita stagionale. Voto 5,5
Stefano Marra: bravo a segnare il gol del pareggio dopo un’azione centrale della sua squadra. Cala nella ripresa. Voto 6
Valvo: firma il sorpasso a inizio ripresa con un bell’inserimento che lo porta a calciare dal limite e piazza la palla all’angolino dove il portiere non può arrivare. Voto 6,5

Testori
Franzini: chiude la partita con il gol del 4-2 e per tutta la gara amministra i suoi in mezzo al campo. Voto 6,5
Imbriaco: chiude bene sulle incursioni avversarie, poche sbavature per tutta la gara. Voto 6
Lipiani: subito incisivo con un gol dopo neanche sessanta second. Poi controlla che dalla sua parte non arrivino pericoli. Voto 6,5
Mangiarotti: centrocampista di qualità, con tocchi felpati e palle filtranti per gli attaccanti. In fase difensiva soffre poco gli avversari. Voto 6,5
Mastrogiacomo: primo tempo sotto tono, nella ripresa cambia marcia e sigla una doppietta decisiva. Voto 7
Riva: in mezzo al campo gioca di esperienza, aiutando anche i compagni. Voto 7
Testori: sulla sinistra fa avanti e indietro per tutta la gara. Decisivo in un paio di chiusure sugli avversari. Voto 7
Varaldi: sui gol subiti non può nulla, mentre è decisivo in un paio di circostanze nelle quali gli avversari stavano già esultando. Voto 7

 

AC TENUTA CARRETTA 1999 – GNU’ TEAM         5 - 3

Partita vivace e piena di emozioni in quel di Cimiano. Tenuta Carretta voleva confermare l’ottimo inizio di campionato, mentre Gnu Team cercava i primi punti. La gara si apre col vantaggio dei padroni di casa, con un perfetto diagonale di Niro su assist di testa di Cateni. Reazione degli ospiti con Stancampiano che piazza sul secondo palo il pareggio, dopo aver vinto una carambola in area. Il primo tempo si conclude con il gol allo scadere ancora di Niro, premiato al termine come “Man of the match”. La seconda frazione si apre con l’immediato 3-1 di Filice, al quale risponde immediatamente il potente sinistro di Radino, che accorcia le distanze. La gara si chiude a metà ripresa con la segnatura di Cateni e la doppietta personale di Filice. Arriva a tempo scaduto il 5-3 finale di Stancampiano.

Pagelle
Tenuta Carretta
Cateni
: Nei momenti di difficoltà fa respirare la squadra. Voto 6,5
Filice: Amministra il gioco dal centro del campo e impacchetta una doppietta d’autore. Voto 7,5
Grossi: Tanta grinta in mezzo al campo. Voto 6
Locatelli: Perde palloni sanguinosi in uscita dalla difesa, si riscatta in un paio di occasioni. Voto 6
Lombella: Miracoloso nella prima frazione, commette un errore sul terzo gol avversario. Voto 5,5
Merli: Una sicurezza per i compagni. Voto 6,5
Mileto: I suoi inserimenti sono sempre pericolosi. Voto 6
Niro: Mancino magico, che griffa 2 gol splendidi. Voto 8
Shehi: Un diesel che non si arresta mai. Voto 6

Gnù Team
Avanzini
: Ordinato nei movimenti e nelle giocate. Voto 6
Bassi: Contrasta con il fisico la superiorità tecnica di Cateni. Voto 6
Costanzo: Non fa correre rischi ai suoi sulla fascia sinistra. Voto 6
Alfredo Guacci: Lotta come un leone, mettendo in mostra buone giocate. Voto 6,5
Riccardo Guacci: Fatica ad entrare in partita. Voto 5
Iurato: Incolpevole sui gol. Voto 6
Liotta: Guida i compagni dalla panchina. Voto 6
Radino: Perfetto collante tra difesa e attacco. Voto 6,5
Stancampiano: Sfrutta bene i pochi palloni a disposizione. Voto 7
Villanucci: Non ha un ruolo definito in campo, gioca un po’ ovunque. Voto 5,5

 

 EL PUMA TEAM – BARRIO CENISIO          5 - 0

Nella terza giornata El Puma Team supera Barrio Cenisio con un rotondo 5-0. Il primo tempo è più equilibrato e vede El Puma Team andare al riposo in vantaggio 1-0, grazie a un eurogol di Maderna. Nella ripresa la maggiore esperienza permette alla squadra di Fumarola di amministrare il vantaggio e di dilagare fino al 5-0, grazie al bis di Maderna, alla doppietta di Murgia e alla segnatura di Viganò.

Pagelle
El Puma Team
Corradini
: non subisce gol ed è attento soprattutto in un paio di circostanze a negare il gol a Barbuto, che avrebbe potuto riaprire la partita. Voto 7
Colombo: davanti lotta su tutti i palloni, creando anche situazioni di pericolo per la difesa avversaria e gli manca solo il gol. Voto 6,5
Conversa: padrone della fascia sinistra, difende e chiude tutti gli spazi agli avversari e si propone anche in fase offensiva. Voto 7
Dubla: gara abbastanza agevole per l’ultimo uomo del reparto difensivo. Tiene bene la marcatura e soffre poco la pressione avversaria. Voto 6
Filippi: parte dalla panchina e quando entra da il suo apporto, mettendo ordine in mezzo al campo e controllando agevolmente gli attacchi avversari. Voto 6
Fumarola: pochi minuti di gioco, ma sufficienti per confezionare l’assist del 5-0. Voto 6
Iorio: idem come per il collega di reparto difensivo: è poco impegnato dagli avversari, ma sempre attento. Voto 6
Murgia: doppietta d’autore, che taglia le gambe agli avversari. Voto 7,5
Viganò: le azioni più pericolose lo vedono quasi sempre protagonista e sigla anche il 3-0. Voto 7,5.
Maderna: man of the match, per tutta la gara è una spina del fianco per gli avversari: sblocca la gara con una rovesciata e sigla la doppietta personale, con un appoggio comodo a porta vuota. Voto 8
Modeo: entra nel finale senza sfigurare. Voto 6

Barrio Cenisio
Barbuto:
il più pericoloso dei suoi, ma ha la sfortuna di trovare il portiere avversario a frapporsi sempre tra lui e il gol. Cala nel secondo tempo e la sua squadra non riesce a riaprire la partita. Voto 6,5
Benefico: sulla fascia destra macina chilometri provando spesso a proporsi anche in fase conclusiva, mentre in difesa sempre attento e preciso negli interventi. Voto 6,5
Boselli: subisce 5 gol, ma è bravo in altre circostanze a tenere viva la partita. Voto 6
Busacca: sulla fascia sinistra inizia bene poi si perde, come tutta la squadra. Prova anche diverse conclusioni, ma senza mai impensierire il portiere avversario. Voto 5,5
Fulgheri: insieme al reparto difensivo soffre la serata di grazia degli avanti avversari. Efficace in alcune chiusure. Voto 5,5
Garrone: in mezzo al campo detta i tempi di gioco, senza però riuscire a far girare la squadra come vorrebbe. Voto 6
Locci: l’anima della squadra si prodiga molto anche nel consigliare i compagni. Crea spazi per gli inserimenti ma non è quasi mai pericoloso. Voto 5,5

 

CEVA LOGISTICS – SETTIMO CALCIO          1 - 14

Nella terza giornata della serie A Gazzetta Football League si conferma la devastante forza del Settimo, che resta in vetta, dopo aver annientato Ceva Logistics per 14-1. Pronti via ed è subito gol dei ragazzi di Grieci. Al 12’ arriva il raddoppio, grazie al primo centro di Carulli che qualche istante dopo realizza anche il 3-0, con un meraviglioso colpo di tacco. Negli ultimi 5 minuti del primo tempo prima Laudenzi, poi il solito Carulli portano il risultato sul 5-0. La ripresa si apre con un buon tentativo di Sabino ben parato dal portiere. Poco dopo ancora l’inarrestabile Carulli e Gavani firmano rispettivamente il 6° e 7° gol del Settimo. Clamoroso quello che succede al 6’ quando Novelli (l’estremo difensore) esce palla al piede dalla sua area, avanza indisturbato fino a centrocampo e offre un delizioso assist a Carulli che, solo davanti al portiere, realizza il personale pokerissimo. Poi si assiste a una pioggia di gol del Settimo (poker di Savino, centri per Laudenzi e Gavani) intervallati dal gol della bandiera di Sabino, che portano il punteggio sul 14-1 definitivo

Ceva Logistics
Giannetto: Incassa 14 gol, ma si vede arrivare tiri da ogni posizione e para il parabile. Voto 6,5
Consonni: Ha una clamorosa occasione nel primo tempo, ma la spara sulla traversa. Serata difficile. Voto 5,5
Crippa: Preso in mezzo dai 3 attaccanti del Settimo, che gli rendono la vita molto difficile. Cerca di arrangiarsi, ma con scarsi risultati. Voto 5
Cappelletti: Si da un gran da fare, trova anche un bel tiro che gli viene però respinto dal portiere. Voto 6
Grotto: Cerca di impostare il gioco e di andare alla conclusione dalla distanza, ma viene ben contenuto dai suoi avversari. Voto 5,5
Luongo:
Si vede poco anche perché poco servito. Prova evanescente, non solo per demerito suo. Voto 5
Sabino: Il migliore dei suoi, crea i maggiori pericoli e riesce a segnare il gol della bandiera, dopo un’azione insistita. Voto 7

Settimo Calcio
Novelli
: Si fa sempre trovare pronto quando è chiamato in causa, non può nulla sul gol. Esagera regalando addirittura un assist a Carulli, dopo una cavalcata fuori dalla sua area. Voto 7
Lo Schiavo: Una sicurezza, guida la difesa e fa sempre ripartire la manovra coi tempi giusti. Voto 6,5
Laudenzi: Ottima prova, realizza una doppietta ma svolge anche un gran lavoro di cucitore del gioco a centrocampo. Voto 7
Gavani: Padrone della fascia insieme a Savino, fa quello che vuole ed entra più volte nel tabellino dei marcatori. Voto7
D’Onofrio:  Partita di qualità, sempre sicuro nelle giocate e attento nelle chiusure. Voto 6,5
Carulli: Sigla un pokerissimo che gli vale la palma di “Man of the Match”, regala spettacolo con tocchi di classe e giocate di prima. Tornava da 3 settimane di stop, ritorno col botto. Voto 8
Savino: Dopo aver malamente perso il duello con Giannetto (e con i legni della porta) nel primo tempo, si riscatta alla grande nella ripresa segnando un poker (delizioso il gol di tacco). Voto 7,5

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 2^ Giornata

Gnù Team - Milano Pirates 0 - 8 

Nella seconda giornata della serie A Gazzetta Football League si assiste a un altra scorpacciata dei Milano Pirates, che dominano Gnu Team con un roboante 8-0. Dopo due giornate i bianco-verdi sono a punteggio pieno, mentre Gnu Team resta ancora fermo a quota zero. Bastano 4 minuti ai ragazzi di Carfì per sbloccare il risultato, con una punizione dal limite scaraventata in rete da Stefano Marra. Nel giro di 10 minuti i bianco-verdi chiudono i giochi con le reti di Kolaj e di Impagnatiello, per poi prendere il largo sul finire del primo tempo, con il poker griffato da Valvo (dopo un’insistita azione personale) e il 5-0 ancora di Impagnatiello. A inizio ripresa flebile tentativo di rientrare in partita dello Gnu Team, che impegna Carfì in due occasioni, ben parate dall’estremo difensore. I Pirates però tornano all’arrembaggio negli ultimi 10 minuti segnando altri 3 gol con Paolo Marra (doppietta) e ancora Impagnatiello (tris).

Gnù Team
Iurato
: Subisce 8 gol, con qualche responsabilità sullo 0-7, ma senza di lui sarebbe finita peggio. Voto 6,5
Avanzini: Soffre la velocità degli avversari, ma lotta fino alla fine Voto 6
Guacci R.: Come i compagni soffre tantissimo gli avversari che arrivano da tutte le parti. Voto 5
Bassi: Prova incolore contro avversari straripanti. Voto 5,5
Villanucci: Soffre come tutti i compagni di reparto la netta superiorità degli avversari. Voto 5,5
Guacci A.: Prova a guidare i compagni, ma senza risultati concreti. Voto 6
Costanzo: Lotta come un leone, ultimo ad arrendersi anche a giochi ormai fatti. Voto 6
Stancampiano: Servito poco e male, non può fare molto per rendersi pericoloso. Voto 5
Radino: Va vicino a segnare il gol della bandiera con un gran tir e ci prova fino alla fine. Voto 6,5
Macario: Il gioco passa dai suoi piedi raffinati, non riesce ad accendersi anche perché ben contenuto da Valvo. Voto 5,5

Milano Pirates
Carfì
: Inoperoso per quasi tutto il match, compie due super parate facendosi trovare pronto. Voto 6,5
Bianchi: Sempre sicuro nelle chiusure, guida la difesa con utili consigli ai compagni. Voto 6,5
Valvo: Padrone incontrastato del centrocampo, riesce anche a togliersi la soddisfazione del gol con una bella azione personale. Voto 7
Manenti: Prestazione egregia che gli vale il premio “Man of the match”, svolge un fondamentale lavoro lungo tutta la fascia permettendo ai compagni di spingersi avanti a cercare la rete. Voto 7,5
Paolo Marra: Timbra due volte il cartellino, cosa chiedere di più?. Voto 7
Stefano Marra: Ha il merito di sbloccare la gara con un bel goal su punizione. Voto 6,5
Kolay: Inesauribile, impacchetta il 2-0 e si propone sempre in avanti. Voto 6,5
Impagniatiello: Segna 3 gol molto semplici, da opportunista vero. Semina il panico col suo mancino e la sua velocità. Voto 7,5

Ceva Logistics - El Puma Team 4 - 11 

Nella seconda giornata pronto riscatto per El Puma Team, che stravince 11-4 contro Ceva Logistics (all’esordio nel torneo) e conquista i primi tre punti. Gara subito in discesa per El Puma Team che vola sul 4-0 grazie a Dubla, Colombo (tripletta). Chiusa la prima frazione avanti 5-1 (rete di Tango) i Fumarola boys vanno in doppia cifra nella ripresa trascinati dalla premiata ditta Maderna (man of the match con una cinquina”) e Colombo (poker). Per Ceva Logistics a segno Luongo, Cappelletti, Scotto e Sabino.

Ceva Logistics
Panzeri:
raccoglie il pallone in fondo al sacco 11 volte, senza poter opporre molta resistenza. Voto 5,5
Cappelletti: vede arrivare avversari da tutte le parti, ma si consola entrando nel tabellino marcatori. Voto 5,5
Crippa: si danna l’anima in mezzo al campo e sfiora il gol. Voto 6
Deasti: minutaggio basso, non si mette particolarmente in luce. Voto 6
Giannetto: fatica ad arginare lo strapotere degli attaccanti avversari. Voto 5,5
Luongo: gara tutta in difficoltà nel reparto arretrato, timbra il cartellino. Voto 5,5
Sabino: il migliore dei suoi per dinamismo e qualità e va pure a segno. Voto 6,5
Scotto: Va bersaglio e sfiora la doppietta con una bella punizione. Voto 6

El Puma Team
Corradini:
incassa 4 gol senza colpe ed è prodigioso a fine primo tempo. Voto 6,5
Antoniazzi: entra in campo al 15’ e da il suo contributo, ma non è impeccabile sul terzo gol subito. Voto 5,5
Colombo: nel primo tempo saccheggia la retroguardia avversaria con una tripletta per festeggiare la prima in campionato. Nella ripresa serve il poker. Voto 8
Conversa: spinge con buona lena sulla sinistra e prova spesso il lancio incrociato a cambiare gioco. Voto 7
Dubla: all’alba sghiaccia lo 0-0, poi si mette al servizio della squadra con buon profitto. Voto 7
Fumarola: il mister si toglie la soddisfazione di scendere in campo, con buon impegno. Voto 6
Iorio: si piazza dietro e vive una serata molto tranquilla. Voto 6
Maderna: pure lui all’esordio in campionato sale in cattedra nella ripresa con la cinquina che gli vale il premio “man of the match”. Voto 8,5
Modeo: centrale di centro campo nel primo tempo, arretra la posizione nella ripresa. Voto 6,5
Tango: confeziona il gol del 5-1 che impreziosisce una prestazione dignitosa. Voto 6
Viganò: laterale di sinistra, gioca fino ad inizio ripresa, poi lascia il campo. Voto 6

US VIGHIGNOLO – I COLONI          10 – 1

Partita a senso unico tra Vighignolo e Coloni: il risultato finale di 10-1 rispecchia in pieno quanto visto in campo, con un dominio netto da parte dei gialloneri. MVP di serata il numero 10 Fabio Berardi autore di una manita. Per Vighignolo firma un poker Pecorino e trova la gioia personale anche Solidoro. Per i Coloni gol della bandiera siglato da Cioffi.

Vighignolo
Stefano Berardi: Partita tranquilla tra i pali, con pochi pericoli corsi. Voto 6
Fabio Berardi: In mezzo al campo fa quello che vuole. Voto 9
Carnevale: Puntuale negli anticipi sull'uomo. Voto 6
Francani: Cerca troppo spesso la giocata difficile, ma i suoi cross sono sempre pericolosi. Voto 6 L'Arocca: Buoni inserimenti poco premiati dai compagni. Voto 6
Pecorino: timbra 4 volte il cartellino, ma i gol potevano essere molti di più. Voto 7
Perego: Contiene molto bene le sortite avversarie. Voto 6,5
Raffaele: Spinge molto sulla corsia di destra. Voto 6
Saverino: Preciso e pulito in copertura, non sbaglia un passaggio. Voto 6,5
Solidoro: Dalle sue parti non si passa. Voto 7

I Coloni
Brunner: A volte fuori posizione, quasi spaesato. Voto 5
Cioffi: Troppo frettoloso nelle giocate. Segna il gol della bandiera. Voto 6
Conserva: Gioca a tutto campo, salva un gol sulla riga in scivolata. Voto 6
Cormio: Difensore arcigno, male in impostazione del gioco. Voto 5,5
Dognini: Si immola su un tiro di Pecorino, rientra in campo nonostante un lieve infortunio. Voto 6
Marzucca: Corre tanto per la squadra, ma non crea pericoli. Voto 5
Monti: Meglio in fase difensiva rispetto a quella offensiva. Voto 6
Paolelli: Si sgola per aiutare i compagni a mantenere le giuste distanze in campo. Voto 6
Roggia: Regala 2 gol ingenuamente. Si riscatta con grandi riflessi sui tiri ravvicinati. Voto 6
Vercellone: Combatte come un leone. Voto 6

FC AUTOSALONE TESTORI – FC TETTENHAM         3 - 1

Nella seconda giornata della serie A Gazzetta Football League Autosalone Testori sconfigge 3-1 Tettenham e bissa il successo inaugurale. Tre punti però più sofferti del previsto per Testori e compagni, che al 9’ rompono l’inerzia con un taglio di Franzini per l’1-0 di Bollani. Al 18’ lo stesso Bollani segna ancora, ma nella porta sbagliata, con l’autorete che ristabilisce la parità. Nei primi 15’ della ripresa Autosalone Testori spinge alla ricerca del nuovo vantaggio, ma l’ottima disposizione difensiva di Tettenham regge l’urto. Poi Mastrogiacomo sfonda sulla banda sinistra e mette in area un diamante che Franzini raccoglie per il 2-1, che gli vale anche il premio di “Man of the match”. Rotto l’argine, nel finale Autosalone Testori va ancora a segno con il 3-1 di Mastrogiacomo.

Autosalone Testori
Varaldi
: capitola solo su autorete, mentre si disimpegna con sicurezza nelle rare occasioni in cui è chiamato in causa. Voto 6,5
Bollani: nel primo tempo fa e disfa: colpisce un palo, sblocca il risultato e segna nella sua porta. Nella ripresa sfiora il 2-1 con una girata alta. Voto 6,5
Imbriaco: playmaker basso, prova a imbucare ripetutamente i compagni e si rende utile alla causa. Voto 6,5
Lipiani : spinge con buon profitto sulla banda destra. Voto 6,5
Mangiarotti: si piazza al centro del ring e prova a distribuire palloni ai compagni. Nel finale si rende utile davanti. Voto 6
Mastrogiacomo: il bomber colpisce un palo nel primo tempo e decide il match negli ultimi 10 minuti con l’assist del 2-1 e la segnatura che chiude la gara. Voto 7,5
Riva: si piazza sul centrocampo e prova più volte l’uno contro uno con la sua buona tecnica. Voto 6,5
Testori: laterale della difesa a 3, contiene con buon profitto le iniziative degli attaccanti avversari. Voto 6,5
Franzini: l’assist del primo gol e il tap-in che schioda l’1-1 lo incoronano Mvp evergreen a 46 anni. Voto 8,5

Tettenham
Brunetti
: il capitano blinda la porta per 40 minuti con numerosi formidabili interventi, prima di capitolare due volte nel finale, ma senza colpe. Voto 8
Cesario: laterale svolge con sufficiente profitto la doppia fase. Voto 6
Citu: becca il secondo giallo in 2 gare, ma da l’anima in mezzo al campo e sfiora il gol nel finale. Voto 6,5
Colombini: bravissimo fino all’1-1 in marcatura e nel guidare la linea difensiva. Voto 7,5
Cova: si piazza sulla sinistra e prova a dare il contributo alla causa. Voto 6
D’Angelo: nel finale di primo round prova il jolly incrociando al volo. Poi cala. Voto 6
Giaquinto: giostra al centro del ring e prova a innescare i compagni. Voto 6
Nava: forma con Colombini la cerniera difensiva che per 40 minuti mura gli attaccanti avversari. Voto 7
Rocco: pivot cerca di far valere il fisico facendo da sponda e a far salire la squadra. Voto 6
Zulini: terminale offensivo, cerca senza successo la via del gol. Voto 6

SETTIMO CALCIO – AC TENUTA CARRETTA 1999         7 - 4

Il Settimo s’impone 7-4 su Tenuta Carretta, nella sfida che vedeva opporsi due formazioni vittoriose nella prima giornata. Il Settimo tiene a distanza controllata i “gialli” per tutta la durata dell'incontro, mantenendo il pallino del gioco in mano. Chiuso il primo round avanti 3-1, per il Settimo il settebello è calato dalle doppiette di  Savino e Corani (Man of the Match) e dai centri di Gavani, Arcerito e Damiani. Per la formazione ospite non basta la tripletta del bomber Cateni.

Settimo Calcio
Arcerito
: Spina nel fianco nella difesa giallonera. Voto 7
Corani: Mvp, gestisce ogni situazione sapientemente e sfiora il jolly dalla distanza. Voto 8
Damiani: Trova il gol con un tiro da fuori. Voto 6,5
Gavani: Prestazione opaca rispetto alla prima giornata. Voto 6
Laudenzi: Quando Corani non può ricevere, imposta il gioco molto bene. Voto 6,5
Lo Schiavo: Esperienza da vendere, sempre ben posizionato in campo. Voto 6,5
Novelli: Bravo sia tra i pali che con i piedi. Voto 6,5
Savino: Incontenibile! Dribbling, scatti e conclusioni in porta a raffica. Voto 7,5

Tenuta Carretta
Alfieri
: Tanta corsa sulla fascia destra. Voto 5,5
Cateni: Regge il peso dell’attacco da solo, andando in tripla cifra. Voto 7
De Falco: Insieme a Merli eregge un muro difensivo. Voto 6
Grossi: Aggressivo senza mai eccedere. Voto 6,5
Heritier: Fa quel che può contro le punte avversarie. Voto 5,5
Italia: Un po’ lento a dare inizio alla manovra. Voto 5,5
Locatelli: Tuttocampista, autore di un’ assist sublime. Voto 6,5
Lombella: Incolpevole sui gol. Voto 6
Merli: Attento in fase difensiva. Voto 6
Mileto: Si sacrifica per contenere le avanzate avversarie. Voto 5,5
Shehi: Buona tecnica, allegata a grandi capacita aerobiche. Voto 6

 

SERIE A GAZZETTA FOOTBALL LEAGUE 1^ Giornata

F.C. TETTENHAM - MILANO PIRATES         0 - 3

Si è chiusa la prima giornata della Seria A Gazzetta Football League, che ha visto il successo 3-0 di Milano Pirates su Tettenham.
I Milano Pirates sbloccano il risultato grazie ad una punizione di Marra, leggermente deviata. I ragazzi di Carfì hanno il predominio del campo e sprecano parecchie occasioni per il 2-0. Al 18’ primo acuto dei Tettenham, che colpiscono la traversa. La riprese è decisamente a tinte bianco-verdi, con i Milano Pirates che all’ottavo raddoppiano con un azione combinata, finalizzata da Kolaj.
A chiudere la partita ci pensa il “Best Player” della partita Impagnatiello al 13’, che firma il definitivo 3-0 della ripresa.

F.C. Tettenham 
Brunetti: Incolpevole sui 3 goal subiti. Voto 6
Nava: Nel primo tempo chiude bene sugli attaccanti avversari, poi cala. Voto 5,5
Sozzani: Come il compagno di reparto Nava cala alla distanza. Voto 5,5
Cova: Corre tanto, ma senza incidere. Voto 5,5
Giaquinto: Ci prova dalla distanza, ma senza fortuna. Voto 6
Zulini: Il migliore dei suoi, metronomo del centrocampo che detta i tempi. Voto 7
Citu: Generoso, corre per due e prende un ammonizione evitabile. Voto 6,5
Rocco: Ha sulla testa l’occasione dell’1-1, ma la palla finisce sulla traversa. Voto 6,5
D’Angelo: Generoso, jolly di centrocampo. Voto 6,5
Colombini: Esperienza e leadership in difesa, nel secondo tempo non ne ha più e la difesa ne risente. Voto 6,5
Cesario: Tanto movimento davanti, ma non incide. Voto 6

Milano Pirates 
Carfì: Inoperoso ma con la sua leadership carica il gruppo alla vittoria. Voto 6,5
Bianchi: Difensore con i piedi buoni, da sicurezza a tutto il reparto. Voto 6,5
Impagniatiello: Best Player dell’incontro, una spina nel fianco per gli avversari, chiude la partita con un goal e un assist. Voto 7,5
Valvo: Un prova con la P maiuscola, è lui il padrone del centrocampo, tutti i palloni passano dai suoi piedi. Voto 7
Manenti: Sulla fascia sinistra è inarrestabile suo l’assist del terzo goal. Voto 6,5
Marra P: Qualità e sostanza, buona la sua gara. Voto 6,5
Marra S.: Buona prova per il centrocampista, suggellata dal goal su punizione. Voto 7
Kolay: Jolly di Centrocampo, inesauribile timbra il 2-0. Voto 7
Valvo: Molto bene in fase difensiva, nella sua zona non si passa. Voto 6,5

SETTIMO CALCIO – GNU’ TEAM          9 – 1

Nella prima giornata della Serie A Gazzetta Football League Settimo Calcio stravince 9-1 contro Gnù Team. Partita che fin dall’inizio ha ben poco da dire vista la netta superiorità della formazione di Carulli. Le marcature si aprono al 7’ con un diagonale di Savino su assist di tacco di Gavani. Passano 10’ ed il Settimo raddoppia con una bomba su punizione di Corani. Poco dopo è proprio Gavani a trovare il gol con un preciso diagonale che batte Iurato. Nel finale di primo tempo poker dei viola con un gran tiro da fuori di Savino. Stesso spartito nella ripresa e 5-0 siglato da Damiani, con un sinistro a giro sul palo lontano. Poi Macario segna il gol della bandiera per lo Gnù Team, grazie ad una punizione da centrocampo che sorprende Sicolo. Momentanea gioia spenta dall’autogol di Bassi, che commette anche il fallo da rigore del 7-1, trasformato da Gavani. La gara si chiude con altre 2 segnature che portano la firma di Savino e Gavani per le rispettive triplette.

Settimo Calcio
Lo Schiavo
: Sempre pulito ed ordinato. Voto 6
Laudenzi: Non butta mai via la palla. Voto 6,5
Savino: La qualità c’è e si vede. Tripletta senza mai mettere le marce alte. Voto 7,5
Di Viesti: Comanda da dietro le operazioni. Voto 6
Sicolo:  Non sempre sicuro negli interventi, ha qualche colpa sul gol avversario. Voto 5,5
Corani: Imposta la manovra e trova un gran gol su punizione. Voto 6,5
Gavani: Migliore in campo, con la sua tecnica mette in difficoltà la difesa avversaria con 3 gol e 2 assist vincenti. Voto 9
Damiani: Sempre propositivo in fase offensiva. Voto 6

Gnù Team
Iurato
: Senza di lui il passivo sarebbe stato più pesante. Voto 7
Avanzini: Si arrangia come può su Savino. Voto 5
Ebbene: Entra a giochi fatti. Voto s.v.
Pannunzio: Insieme ad Avanzini, fatica ad arginare gli avversari che arrivano da tutte le parti. Voto 5
Bassi: Autogol e rigore concesso per un’ingenuità. Voto 4,5
Guacci: Impreciso in molte occasioni. Voto 5,5
Costanzo: Lotta con il coltello tra i denti. Voto 6
Stancampiano: Difficile combinare qualcosa, quando non arrivano palloni. Voto 5
Macario: Si sbatte cercando di inventare qualcosa. Trova il gol su punizione. Voto 6,5
Liotta:  Davanti non tocca un pallone. Finisce come ultimo difensore nel tentativo di fermare la goleada. Voto 5

US VIGHIGNOLO  – FC AUTOSALONE TESTORI         3 - 4

Serata nebbiosa per lo scontro tra due big della Serie A Gazzetta Football League. Il match si sblocca al 7’ con una fenomenale conclusione al volo di Mastrogiacomo su lancio millimetrico di Franzini. Prima della pausa è ancora Mastrogiacomo che scarica in porta un sinistro imparabile, per il 2-0. Inizia il secondo tempo e Testori cala il tris. Poi Imbriaco ruba palla sulla trequarti e serve Mangiarotti, che davanti a Stefano Berardi non può fallire il tris. Nemmeno il tempo di riprendere il gioco che Fabio Berardi accorcia le distanze con un preciso colpo di testa su cross di Francani: 1-3. Sullo slancio il Vighignolo riapre la gara grazie ad una punizione dal limite di Pecorino. I Testori però riallungano con l’ennesima prodezza del suo numero 90, un pallonetto da centrocampo che sorprende il portiere fuori dai pali. Ancora una volta il Vighignolo replica con il 3-4, grazie ad uno-due tra Foti e Pecorino concluso con un perfetto diagonale. Nel finale Testori spreca le occasioni per chiudere definitivamente la partita, vinta comunque meritatamente.

US Vighignolo
Stefano Berardi
: Ha qualche colpa sul primo e sul quarto gol, per il resto impeccabile. Voto 6
Perego: SV
Saverino: SV
Fabio Berardi F.: Fa a sportellate e molte volte ne esce vincitore. Si guadagna e trasforma la punizione del 2-3 e serve l’assist per il 3-4 a Foti. Voto 7
Pecorino: Qualità al servizio della squadra, perfetto nell’inserimento del gol. Voto 6,5
Carnevale: Primo tempo di corsa poco protagonista, nel secondo rimedia alla sua prestazione, salvando un gol già fatto. Voto 6
Solidoro: Sempre preciso nell’anticipo. Voto 6
Libera: Troppo irruento nelle sue giocate. Voto 5
Foti: Non incide sulla partita, si vede solo nell’occasione del gol. Voto 5
Raffaele: Fa fatica a contrastare la fisicità di Mastrogiacomo. Voto 5
Francani: L’assist per il gol è un cioccolatino, poco altro però. Voto 5,5
Leoni: Non molla mai, regala sponde ai compagni duellando con gli avversari. Voto 6

FC Autosalone Testori
Ravera
: In più occasioni salva il risultato. Voto 7
Imbriaco: Non sbaglia mai il posizionamento difensivo e si concede anche l’assist del 3-0. Voto 7,5
Mangiarotti: Segna al primo pallone toccato, pericolo costante per gli avversari. Voto 6,5
Lipiani: Spinge molto sulla fascia destra mettendo in difficoltà gli avversari. Voto 6,5
Riva: Difficile da contenere nell’uno contro uno. Voto 6
Bollani: Geometrie e sostanza in mezzo al campo. Voto 7
Testori: Sempre preciso nelle diagonali difensive. Voto 6
Franzini: Lancio al bacio in occasione del primo gol. Voto 6,5
Mastrogiacomo: MVP della partita, incontenibile. I suoi gol sono tutti spettacolari. Voto 8

I COLONI – BARRIO CENISIO         3- 3

Finisce 3-3 la sfida tra Barrio Cenisio e I Coloni, condizionata dalla fitta nebbia. Partita in equilibrio nelle battute iniziali, con la prima frazione che poi si conclude con il vantaggio di un gol dei Coloni. Nella ripresa il Barrio Cenisio non demorde e dopo ripetuti assalti ottiene nel finale il meritato pareggio.

Questi i marcatori: per I Coloni Cioffi, Monti e Vercelloni, per il Barrio Cenisio Locci Filippo e doppietta di Costanzo

Barrio Cenisio

Barbuto: cerca spazio sulla fascia sinistra e mette al centro dell’area palloni invitanti. Voto 6,5

Boselli: Copre bene la porta dopo aver subito il goal. Voto 6

Busacca: Comanda la difesa e si protende spesso in attacco cercando la conclusione. Voto 6,5

Colonna: Deciso in difesa entra su tutti i palloni che piovono dalle sue parti. Voto 6

Costanzo: Timbra una doppietta e smista palloni in continuazione e serve assist che meriterebbero maggiore fortuna. Voto 7,5

Galli: Gioca sulla fascia sinistra e cerca continuamente il lancio risolutore. Voto 6

Locci: Crea molto, e sfiora il gol da distanza ravvicinata. Sprona la squadra alla ricerca del goal, e lo trova quasi al termine dell’incontro. Voto 6,5

Rivarola : Comanda il proprio centrocampo e si propone in avanti con poca fortuna. Voto 6

 

I Coloni

Roggia: Granitico in porta, si oppone spesso alle azione offensive degli avversari. Voto 6

Cioffi: Va segno allo scadere del primo tempo su rimpallo dopo azione combinata. Voto 6,5

Conserva: A destra della difesa si oppone all’avversario con grinta. Voto 6

Monti: Si piazza al centro della difesa riesce a contenere gli attacchi avversari e si porta avanti, segnando il secondo goal. Voto 7

Marzucca: Cerca Spazio sulla fascia destra ma non sempre è servito a dovere. Voto 6

Dognini: Si impegna cercando i compagni, ma non sempre riesce nell’intento. Voto 6

Cormio: Comanda bene l’attacco cercando il goal a ripetizione. Voto 6,5

Vercellone: Sempre presente fra centrocampo e attacco e viene premiato confezionando il terzo goal. Voto 7

AC TENUTA CARRETTA 1999 - EL PUMA TEAM          2 - 1

Nella prima giornata della Serie A di calcio a 7 Gazzetta Football League, Tenuta Carretta s’impone 2-1 in rimonta su El Puma Team, con gol decisivo segnato nel finale. El Puma Team sblocca il risultato al 7’ con un taglio di Murgia per Viganò, che finalizza sotto porta. Tenuta Carretta replica prima del riposo con un gol di rapina da bomber di razza di Locatelli. L’1-1 dura fino al tramonto del match, quando Locatelli concede il bis, grazie una sventola che scheggia il palo e s’insacca per il sorpasso definitivo di Tenuta Carretta. La doppietta vale a Davide Locatelli il premio di “Man of the match”.

AC Tenuta Carretta 1999
Lombella
: non particolarmente impegnato, difende la porta con buona sicurezza, anche senza dover ricorrere agli straordinari. Voto 6,5
De Falco: buona prestazione in fase difensiva, senza disdegnare di rendersi utile nell’impostazione. Voto 6,5
Filice: mancino di buona tecnica, nella ripresa sfiora il gol con un sinistro a giro, deviato in angolo dal portiere. Voto 6,5
Grossi: si destreggia tra la zona centrale del campo e la fascia e tenta anche, senza fortuna, la conclusione da fuori area. Voto 6
Italia: si piazza in mezzo al campo a dirigere le operazioni con sufficiente profitto. Voto 6
Locatelli: premiato come “Man of the match” per la doppietta da bomber di razza che spacca in due la partita. Voto 8
Marugi: prova a pungere nella ripresa su punizione e con una percussione sul binario di destra, con conclusione che sfiora l’incrocio dei pali. Voto 6,5
Merli: baluardo difensivo, di testa o di piede è sempre puntuale negli anticipi. Voto 7
Mileto: spinge con buona costanza sulla corsia di sinistra e si guadagna la pagnotta. Voto 6
Niro: fa reparto offensivo con Locatelli e offre il suo contributo prezioso alla vittoria. Voto 6,5

El Puma Team
Corradini
: tutt’altro che impeccabile sul primo gol subito, si riscatta nella ripresa con un paio di parate di pregevole fattura, soprattutto un miracolo con il quale toglie una punizione dall’incrocio dei pali. Voto 6
Conversa: laterale di sinistra, prova ripetutamente la conclusione da lontano. Voto 6
Dubla: spinge sulla corsia di sinistra e sfiora il gol nella ripresa da fuori area. Voto 6,5
Filippi: Si mette in mostra con alcuni lanci e un paio di tiri dalla lunga distanza. Voto 6
Fumarola: non entrato
Iorio: il capitano guida il reparto difensivo con esperienza e alcune chiusure Doc. Voto 6
Modeo: Chiamato in causa solo nel secondo tempo, prova a dar manforte al reparto offensivo. Voto 6
Murgia: nei primi minuti crea scompiglio nella retroguardia avversaria con il suo dinamismo e porge anche l’assist del gol che sblocca la gara. Poi cala. Voto 7
Viganò: accende la miccia insaccando con precisione chirurgica l’1-0. Poi prova a concedere il bis ripetutamente, ma invano. Voto 6,5