Sportland S.S.D. a r.l.2015/2016
(Maschile)
Calcio a 11

18° CAMPIONATO CALCIO A 11

AMICHEVOLE LE SEQUOIE vs H.S.M. (Lun.2/5/2016)
pronti, via... poi tutti a tavola!

Amichevole di prestigio ieri sera sul campo dell'Alcione dove si sono affrontate due squadre storiche, se non gemellate, della Serie A.

L'incontro è servito per tenere caldo il motore e per testare le new entry in vista dei prossimi impegni. Perciò poco importa il risultato finale della sfida.

Più interessante invece il " terzo tempo" della serata: le due compagini. guidate dal rispettivo Mister ( Lorenzo Bettinelli per l'H.S.M. e Paolo Sensale per LE SEQUOIE), si sono ritrovate subito dopo al RISTORANTE TERRAFERMA ( Via Melchiorre Gioia 63-Mi), noto locale frequentato da sportivi e Vip.

Tra una portata e l'altra della saporita cucina calabrese dello chef Max Gallo, è stata illustrata la formula della prossima Coppa Primavera, che si svolgerà sulla falsariga degli imminenti Europei di calcio.

La Sportland, come ha spiegato il D.G. Andrea Badini, ha suddiviso le 24 squadre in 6 gironi da 4 ciascuno: attraverso le consuete fasi ( qualificazioni, semifinali, finalissima,) si arriverà a incoronare la vincitrice.

La novità sta nel fatto che ogni squadra sarà abbinata - nel nome e nel colore della maglia- ad una nazione partecipante alla manifestazione continentale.

L'H.S.M. sarà la Slovacchia così come Le Sequoie rappresenteranno l'Inghilterra. E così via tutte le altre squadre partecipanti.

Nel corso della serata si è parlato anche della Nazionale Sportland che già dal prossimo giovedì parteciperà al Torneo Bulgaretta/ Clerici la cui finale si disputerà all'Arena di Milano. E questo è il primo impegno della nostra Rappresentativa che coinvolge atleti di almeno quindici formazioni del nostro " mondo".

Insomma è stata una serata con tanta " carne al fuoco", per rimanere in campo gastronomico, grazie al clima cordiale che si respirava tra i tavoli del Ristorante Terraferma

( by Carlo Miretta).

 

Real Pupazzi – Cral Team Cacio&Pepe 1-2

Nella penultima giornata della serie B Elite Cral Team Cacio&Pepe espugna il campo della capolista Real Pupazzi e opera l’aggancio in vetta, con il vantaggio però dei due scontri diretti vinti. La supersfida del centro sportivo Savorelli si accende al 13’ quando Cral Team Cacio&Pepe sblocca il risultato con un tiro da fuori area di Gargiulo. Passano solo due minuti e Real Pupazzi replica con l’1-1 firmato da un tap-in sotto porta di Giulini, al termine di un’azione insistita della capolista. Ad inizio ripresa viene espulso Pietrafresa per bestemmia, ma l’inferiorità numerica non penalizza Cral Team Cacio&Pepe. Anzi al 15’ gli ospiti segnano il gol partita ancora con Gargiulo, che raccoglie un lancio e trafigge il portiere avversario in uscita con un pallonetto. Nel finale l’assalto di Real Pupazzi alla porta difesa con le unghie da Tucci è infruttuoso e Cral Team Cacio&Pepe festeggia il primato.

Le pagelle

The best five

Real Pupazzi

Giulini: ha il merito di timbrare l’inutile pareggio e crea scompiglio sulla fascia destra. Voto 7

Ferrandi: centrale difensivo che abbina fisico possente e buoni piedi nell’impostazione. Voto 6,5

Pietanesi: pivot che tiene in apprensione i difensori avversari, però eccede spesso nelle giocate individuali. Voto 6,5

Vergine: in mezzo al campo prova a dettare i tempi. Voto 6,5

Indeo: spinge con buona continuità sulla fascia. Voto 6

 

Cral Team Cacio&Pepe

Gargiulo: “Man of the match” con la doppietta che spacca in due la partita e potrebbe decidere il campionato. Voto 8

Tucci: incolpevole sul gol subito, nel finale compie un miracolo, balzando come un gatto per togliere un pallone dall’angolino dopo un colpo di testa. Voto 7,5

Filaninno: guida con autorità il reparto difensivo e non perde la bussola, soprattutto nel concitato finale. Voto 7

Crinò: il capitano è sempre sul pezzo, cantando e portando la croce. Voto 7

Pecoriello: sgomma sulla fascia destra con continuità ed efficacia. Voto 6,5

 

 

FC Invictus - Immobiliare Self 1 - 1 Serie A 22^ Giornata 

Partita dalla quale gli ospiti non hanno nulla da chiedere, già sicuri del quarto posto, mentre pe ri padroni di casa non vincere significa rimanere fuori dai playoff. Partita quindi come auspicabile che vede l'Invictus cercare di controllare il gioco e l'Immobiliare Self agire in veloci contropiedi.
Un primo tempo che nonostante il buon possesso dei padroni di casa non porta a grandi occasioni da gol, anche per la bravura del reparto difensivo ospite che blocca tutti gli spazi. Per sbloccare il match bisogna atendere l'inizio della ripresa quando un buco difensivo libera Basilico a tu per tu con il portiere avversario e il bomber è bravissimo a trafiggerlo infilando il palone all'angolino. Il gol subito non scuote particolarmente gli ospiti che vedono la gara com un allenamento, come anche il presidente ha comunicato nell'intervista pre partita. La partita però sul finale si innervosisce perchè la squadra di casa non riesce a mettere a segno il colpo del KO e rischia in contropiede di prendere il gol che li condannerebbe a rimanere fuori dai playoff. Forse proprio questo nervosismo porta la difesa della squadra dell'Invictus e distrarsi e negli ultimi secondi di gara gli ospiti trovano il pareggio con un preciso colpo di testa per l'1-1 finale.

Le pagelle

The best five

FC Invictus
Basilico: 
man of the match dell'incontro, trova il go del vantaggio e grazie al suo fisico protegge tutti i palloni che vengono lanciati nella sua zona, voto 7.
Castruccio: incolpevole sul gol, si fa sempre trovare pronto per tutta la gara, voto 6,5.
Artioli: tante buone giocate che gli causano anche diversi calcioni, sicuramente qualitativamente tanta roba, voto 6,5.
Zaramella: messo a uomo sulla punta avversaria, disputa una grande partita, voto 6,5.
Albini: solit abuona prestazione in campo e dalla panchina non fa mai mancare consigli ai suoi compagni, voto 6.5.

Immobiliare Self
Laurendi: 
l'anima della squadra in mezzo al campo, lotta su tutti i palloni e dispensa consigli ai compagni più giovani, voto 6,5.
De NguidJol: una forza della natura, non nella sua serata migliore ma si vede che ha classe da vendere, voto 6,5.
Drago: giocatore tutto campo, con la sua velocità ha messo in crisi i suoi diretti avversari, voto 6,5.
De Aguiar: sull'1-0 per gli avversari salva la sua squadra dal tracollo salvando su più occasioni avversarie, voto 6,5.
Charifi: arriva nell'intervallo e viene subito messo in campo per dare una svolta alla partita con la sua velocità, non risulta però così decisivo come il mister sperava, voto 6:
 

 

Le Sequoie - New Speed 4 - 0 Serie A 22^ Giornata 

In una serata di pioggia primaverile, davanti alle telecamere di Sportland Channel, Le Sequoie giocano una partita quasi perfetta. La formazione di Sensale ha espresso un bel gioco puntando sulla velocità dei suoi attaccanti e sulla qualita dei fantasisti brasiliani che hanno innescato le frecce del loro arco.
La partita resta in equilibrio fino alla metà della prima frazione di gara quando Carranza, bravissimo nello stop a seguire su un lancio millimentrico che arrivava dalla trequarti, trafigge il portiere avversario regalando il vantaggio ai suoi. La serata magica di Carranza, poi votato Man of The Match, continua e arriva anche la doppietta personale. A completare il poker delle Sequoie anche le reti di Siqueira Alves Gallo e Siqueira Alves Calibe.

Le pagelle

The best five

Le Sequoie
Carranza: doppietta per lui e autore di tante altre gicoate di qualità che hanno messo in crisi la difesa avversaria, voto 7,5.
Siqueira G: la sua qualità in mezzo al campo è di grande aiuto alla squadra; trova anche un gol da fuoriclasse con un tocco felpato che si insacca all'incrocio, voto 7.
Siqueira C: gol anche per lui e ottima prestazione personale, voto 7.
Bonta: sulla fascia destra un vero pendolino, voto 6,5.
Corio: in mezzo al campo lotta su tutti i palloni uscendo quasi sempre da vincitroe nei vari contrasti, voto 6,5.

New Speed
Cerizza: 
sulla trequarti prova a inventare qualcosa, ma la serata della sua squadra non è delle mogliori, voto 6,5.
Corsari: prende 4 gol, ma tra i plai dimostra di saperci fare, voto 6.
Zin: prova a fermare gli attacchi avversari in ogni modo ed è costretto anche a spendere un carellino giallo, voto 6.
Piazzon: serata difficile per tutta la squadra e lui spicca per voglia e grinta, voto 6.
Barusso: una partita sotto assedio in cui lui resiste più che può allo strapotere avversario, voto 6.



San Michele - Macron Opera Team 0 - 0 Serie B Girone Elite 21^ Giornata

Davanti alle telecamere di Sportland Channel è andata in scena la sfida tra San Michele e Macron Opera Team. Partita molto tattica con poche occasioni da entrambe le parte visto le ottime prestazioni delle difese. Risultato finale 0-0.
Primo tempo di studio tra le due formazioni che hanno grosse difficoltà a trovare gli spazi per tirare in porta. Nella ripresa, anche per la stanchezza, le maglie difensive si allargano e ci sono più azioni pericolose. Sono soprattutto gli ospiti ad andare vicino al gol del vantaggio, prima con Fatone che a tu per tu si fa ipnotizzare dal portiere avversario e poi con una mischia in area sugli sviluppi di un corner e con la palla che schizza sulla traversa. Per i padroni di casa poche occasioni, da segnalre la più grossa con protagonista Novelli, che dopo essersi fatto 50 metri palla al piede, sul momento più bello si è visto chiudere lo specchio da un intervento miracoloso di un difensore avversario.
All'ultimo secondo è ancora Guglielmi a tenere in vita il San Michele con un'altra super parata che gli vale il premio Man of The Match.

Le pagelle

The best five

San Michele 
Guglielmi: 
concentrato fino alla fine salva il risultato con due parate decisive, voto 7.
Miraglia: difensore centrale che blocca tutte le azioni potenzialmente pericolose degli avversari e guida la difesa da vero leader, voto 6,5.
Satta: collega di reparto di Miraglia e anche per lui prestazione più che sufficiente, voto 6,5.
Novelli: con la sua velocità mette in difficoltà la squadra avversaria e ha un ottima occasione per portare in vantaggio i suoi, voto 6,5.
Bretti: primo tempo da vero pendolino, nella ripresa cala un pò, voto 6.

Macron Opera Team
Fatone: grande voglia e tanto sacrificio per i compagni; sua l'occasione più pericolosa della squadra, voto 7.
Guagliardi: gioca sempre sul filo del fuorigioco, da profondità alla squadre e tiene molti palloni, voto 6,5.
Cuzzolin: dicevamo che le difese sono state insuperabili e il merito è anche per il centrale difensivo del Macron, voto 6,5.
Marchini: primo tempo di altissima qualità, poi nella ripresa spinge un pò meno, voto 6,5.
Petracchi: in mezzo al cmapo lotta con i mediani avversari e si fa valere, voto 6,5.

 


Vecchia Guardia - Flying 91 2 - 1 Serie B Girone C 20^ Giornata

Sfida tra due squadre che stanno disputando un buon campionato occupando la quinta e la sesta posizione posizione con gli ospiti che hanno cinque punti di vantaggio sui padroni di casa.
Prima frazione di gioco che vede un predominio territoriale della Vecchia Guardia che gli ospiti che cercano di pungere con ripartenze veloci. La partita sembra bloccata, ma al 32° è Rapisarda a portare in vantaggio i padroni di casa con un bel tiro che si infila all'angolino basso. Un gol sicuramente importantissimo che spezza gli equilibri della gara.
Nella ripresa dopo soli tre minuti è Vetrugno a raddoppiare con un altro bel tiro dal limite che batte per la seconda volta il portiere avversario. Il doppio vantaggio porta un rilassamento generale per la squadra di casa e crescono gli ospiti che al 23° trovano il gol del 2-1 con Radice. Negli ultimi dieci minuti i Flying cercano il gol del pareggio, ma la difesa della Vecchia Guardia regge bene e i ragazzi di capitan Esposito portano a casa i tre punti.

Le pagelle

The best five

Vecchia Guardia
Rapisarda: 
ha il merito di sbloccare la partita e sulla fascia sinistra è sempre pericoloso, voto 7,5.
Vetrugno: realizza il 2-0 che chiude virtualmente la partita, voto 7.
Kebe Papa: le sue lunghe leve gli permettono di creare grandi pericoli con sgambate veloci, voto 6,5.
Esposito: in mezzo al campo comanda la squadra da vero leader, voto 6,5
Caminada: terzino sinistro che fa bene sia la fase difensiva che quella offensiva, voto 6,5.

Flying 91
Radice: ha il merito di riaprire la partita a dieci dal termine, voto 7.
Caruso: difensore centrale di esperienza, soffre poco la punta avversaria, voto 6,5.
Cerretti: in mezzo al campo tanta quantità e anche buone giocate per i compagni, voto 6,5.
Coronato: come il collega avversario, terzino che copre e che spinge, voto 6,5.
Besana: gioca bene e incoraggia la squadra fino all'ultimo, voto 6,5.
 

 

Le Sequoie - HSM 2 - 3 Serie A 19^ Giornata

Quando giochiamo male la sintesi è più semplice: nel primo tempo non ci siamo proprio per testa e gambe... Affrontiamo molli e con troppi errori avversari più tonici, organizzati e, quindi, meritevoli del vantaggio scaturito da un eurogol su calcio franco.  Una punizione che toglie le famose ragnatele dal sette alla destra di Anselmi. Nei primi 35 rischiamo anche di segnare, ma non avremmo meritato il pari.

Nel secondo mettiamo un po' di testa e un po' di palle e siamo almeno dentro la partita. Il gol immediato dell'Hsm frutto di una bella manovra avvolgente non facilita le cose, ma almeno - anche se facendo una gran confusione e proponendo poche azioni lineari - ci spinge a reagire e a mettere pressione agli avversari. Alla fine, dopo aver creato qualche occasione (Cristian segnerà il 2 a 3 su rigore) e rischiato in contropiede (poco prima becchiamo l'1 a 3 sul filo del fuorigioco), alla fine sfioriamo persino il pari con un tiro in mischia di Eudes che il portiere in grigio respinge esultando.

Infine: non si contano gli errori tecnici e tattici dei singoli; non riusciamo a trovare il filo del gioco comune; non si reggono le proteste verso arbitro e guardialinee (che hanno sbagliato meno di noi) e sono francamente insopportabili tutte le schermagli e i mini litigi che costellano la partita.

Hsm vince con merito, noi ancora una volta mettiamo più nervi che grinta, due cose completamente diverse e agli antipodi.

(By Paolo Sensale)


Patatinaikos - A.I.M.B 0-0  Serie B Girone B 18^ Giornata

Nella diciottesima giornata in quel di Vimodrone va in scena la sfida tra Patatinaikos e AIMB. Sulla carta ci si aspetta una vittoria degli ospiti che vengono da 12 risultati utili consecutivi con 10 vittorie e 2 pareggi. La partita però è più dura del previsto per i ragazzi di Colloca che trovano i Patatinaikos chiusi dietro e pronti a ripartire. Questo il tema principale di tutta la gara con gli ospiti che cercano di creare gioco e si rendono pericolosi in più circostanze con i padroni di casa che chiudono tutti i varchi e provano a pungere in contropiede.
Al termine dei 70 minuti regge la diga eretta dai Patatinaikos e la partita termine 0-0.

Le pagelle

The best five

Patatinaikos

Passoni: concentratissimo per tutta la gara concede poco agli attaccanti avversarii, voto 6,5 

Alghisi: una diga in mezzo al campo; lottta su ogni pallone fermadno sul nascere diverse iniziative avversarie, voto 7

Annoni: sulla fascia destra prova a fare male in contropiede, voto 6,5

Mattelloni: in mezzo al campo con Alghisi forma una solida diga e sui palloni recuperati dal compagno prova a impostare i contropiedi per la sua squadra, voto 6,5

Redondi: da vero capitano guida la difesa pe tutta la gara lasciando all'asciutto l'attacco avversario, voto 7

A.I.M.B.

Cereda: terzino di spinta e tanti palloni buttati in area, voto 6,5 

Bianchessi: il più pericoloso dei suoi, palla al piede crea sempre situazioni di potenziale pericolo, voto 6,5

Erba: imposta in mezzo al campo e prova qualche sortita personale, peccato per l'ingenuità sulla simulazione, voto 6,5

Biffi: chiude tutti i varchi ai contropiedi avversari, voto 6,5

Ferrari: insieme a Cereda sulla sinistra trova spesso il fondo e copre anche sui contrattacchi avversari, voto 6,5

 

Man In Black - Vecchie Glorie 0-4  Serie B Girone C 17^ Giornata

Nella diciassettesima giornata della serie B girone C pronto riscatto per  le Vecchie Glorie, che stravincono 4-0 con Men in Black e restano al posto d’onore. La sfida del Baggio è però più equilibrata di quanto indichi lo score finale, perché si sblocca solo al 28’, con una punizione pennellata da Morpurgo e colpo di testa vincente di Sbisà. Ad inizio ripresa Morpurgo si procura e trasforma un penalty del 2-0. I Men in Black sono così costretti a sbilanciarsi per provare a riequilibrare il risultato e al 25’ incassano la terza segnatura in contropiede, autografata ancora dalla doppietta dell’incontenibile Morpurgo, premiato come “Man of the match” di Sportland Channel. A 7 minuti dal termine Vecchie Glorie cala il poker con Capanna che risolve una mischia su corner.

Le pagelle

The best five

Men in Black

Palummieri: per 28’ il capitano guida efficacemente il pacchetto arretrato. A metà ripresa deve arrendersi a contrattura a un polpaccio. Voto 6,5

Fabrizi: Nel primo tempo crea scompiglio con rapidità e la stazza fisica. Poi cala. Voto 6,5

Suppressa: nel primo tempo è buon protagonista in mezzo al campo per qualità e dinamismo. Voto 6

Rozza: usa la ramazza e si fa valere dietro e in mezzo al campo. Voto 6

Ciani: prova a spingere con buona continuità sulla destra. Voto 6

 

Vecchie Glorie

Morpurgo: spacca in due il match con il suo mancino fatato, timbrando la doppietta più l’assist del primo gol. Voto 8

Cudicini: centrale difensivo classe ’60, il capitano guida il reparto con classe e autorità. Voto 7,5

De Martino: poco impegnato per buona parte del match, nel finale compie alcuni buoni interventi e mantiene la porta inviolata. Voto 7

Sbisà: El Buitre spariglia le carte con la zuccata che sblocca il risultato. Voto 7

Capanna: chiude i conti con il tap-vincente del 4-0. Voto 6,5

 

 

Selezione Go Kick.org Archingegno - La Peggio Lorentejo 3-2  Serie B Girone B 16^ Giornata

Nella sedicesima giornata della serie B girone B Go Kick.Org Archigegno sconfigge di misura la Peggio Lorentejo e resta al quarto posto. Sfida dai due volti quella del Calvairate, che vede Go Kick piazzare il break decisivo con il 3-0 di inizio ripresa: al 15’ bomber Saluzzi sblocca il risultato, risolvendo un batti e ribatti. Allo scadere del primo tempo Giganti raddoppia su calcio d’angolo. Ad inizio ripresa, ancora sugli sviluppi di un corner Ventrella firma il 3-0 con una formidabile sforbiciata, che gli vale il premio di “Man of the match” di Sportland Channel. Nel finale la reazione de La Peggio Lorentejo frutta il 2-3 di capitan Schiraldi (con una sventola da fuori area) e un pallonetto di Gianazza, sfiorando nel finale anche il clamoroso pareggio, quando Pellegrinelli colpisce la traversa. 

Best five Go Kick

Ventrella: cambia tre ruoli, ma non perde mai la bussola, segna un gol da panico, colpisce un palo e si merita il premio di “Man of the match”. Voto 8

Giganti: puntuale come un orologio svizzero al tap-in del 2-0 su corner, coronando una buona prestazione. Voto 7

Saluzzi: il bomber sblocca il risultato e tiene sempre in apprensione i difensori avversari, anche se non sempre è preciso sotto porta. Voto 7

Castro: in mezzo al campo fa valere la sua tecnica e ringhia come un pitbull, anche se a volte eccede con l’agonismo. Voto 6,5

Marco Chirieleison: spinge con buon profitto sul binario di sinistra. Voto 6,5

 

Best five La Peggio lorentejo

Schiraldi: il capitano aziona fra le linee e timbra il cartellino del 2-3 con una sabongia da fuori area. Voto 7,5

Pellegrinelli: spinge sulla corsia di destra, sfiora il gol del 3-3 nel finale e da anche una mano dietro. Voto 7

Beluli: agisce su entrambe le fasce e tenta la via del gol senza fortuna con un pallonetto da quasi metà campo. Voto 6,5

Gianazza: ha il merito di firmare il 2-3 con una sventola. Voto 6,5

Lionetti: al centro del ring, prova a illuminare il gioco, ma si accende a intermittenza. Voto 6,5

 

AC Tua - FC Flying 91 3-2  Serie B Girone B 16^ Giornata

Nella sedicesima giornata della serie B girone C impresa di Ac Tua, che sconfigge 3-2 i decimati Flying, ora quinti in classifica. Al 10’ AC Tua accende la miccia, con una percussione centrale di Landi, che poi trafigge il portiere in uscita con un piattone. Al 15’ Nova raddoppia con una conclusione da fuori area che colpisce il palo d’interno prima d’insaccarsi in rete. Al 19’ ancora l’incontenibile Landi timbra il 3-0 con un sinistro imprendibile e si merita il premio di “Man of th match” di Sportland Channel. Al 24’ Flying avvia la riscossa con l’1-3 di Pierleoni su calcio d’angolo. Al 20’ della ripresa Rossetti finalizza una ripartenza dei Flying, che vale l’inutile 2-3. 

Best five AC Tua

Landi: nei primi 20’ stampa la doppietta decisiva e fa ammattire i difensori avversari con la sua velocità e le magie da playstation. Poi cala e termina con i crampi. Voto 8

Nova: timbra il cartellino con il 2-0 e duetta con buon profitto con Landi. Voto 7

Bilardi: falso nueve, il capitano non da punti di riferimenti ai difensori avversari ed è bravo nel gioco di sponda. Voto 7

Cilluffo: mancino dal piede educato, dirige il traffico in mezzo al campo con buona continuità. Voto 6,5

Vitulo: sventa sulla linea di porta il 3-3 e non perde mai la bussola nel convulso secondo tempo. Voto 6,5

 

Best five FC Flying 91

Pierleoni: autografa il gol che avvia la riscossa e in mezzo taglia e cuce. Voto 7

Ummarino: entra nel finale del primo tempo e da vivacità sulla fascia sinistra. Voto 7

Rossetti: ha il merito soprattutto di segnare l’illusorio 2-3. Voto 6,5

Battocchio: il capitano detta i tempi dietro, con alcune efficaci chiusure. Voto 6,5

Della Gatta: in avvio sfiora il gol in girata e cerca di pungere senza successo. Voto 6

 

 

Deportivo Aperitivo – Cral Team Cacio&Pepe 0-1  Serie B Girone Elite 15^ Giornata 

Nella  quindicesima giornata della serie B girone Elite di calcio a 11 Cral Team Cacio&Pepe sbanca 1-0 il campo di Deportivo Aperitivo e balza in vetta da sola, in attesa della sfida dell’altra capolista Real Pupazzi giovedì 4 contro il Circolo Mangiagalli. Nella sfida del Barona equilibrio sovrano fino ad inizio ripresa, quando Cacio&Pepe segna il gol partita, con un lancio sul filo del fuorigioco per Resta, che taglia al centro rasoterra per l’accorrente Gargiulo, che non sbaglia il tap-in vincente, aggiudicandosi anche il premio di “Man of the match” di Sportland Channel. 

Best five Deportivo Aperitivo
 

Giro: al tramonto del primo tempo blinda lo 0-0 con due parate Doc e un’uscita provvidenziale. Poi incassa senza colpe il gol che decide il match. Voto 7

Foà: in maniche corte come se fosse maggio, se la cava bene sul binario di destra in entrambe le fasi. Voto 7

Cantatore: detta i tempi in mezzo al campo come un metronomo. Voto 6,5

Damone: spinge con buona continuità sulla fascia sinistra

Tarelli: discreta prestazione nella zona centrale difensiva. Voto 6,5


Best five Cral Team Cacio&Pepe
 

Gargiulo: come un cobra aspetta il momento buono per piazzare il morso letale che decide il match. Voto 7,5

Resta: tecnico e guizzante, imbandisce la tavola a Gargiulo per il gol partita. Voto 7

Cerasa: gran signore del centrocampo chiude e imposta con buon profitto. Voto 7

Filannino: laterale di sinistra è uno stantuffo prezioso in aiuto al centrocampo e agli attaccanti. Voto 6,5

Fortugno: nel finale di primo tempo sfiora due volte il gol, nella ripresa è prezioso assist-man. Voto 6,5




Le Sequoie – Immobiliare Self 1-2  Serie A 12^ Giornata 

Davanti alle telecamere di Sportland Channel l'Immobiliare Self si impone in trasferta 2-1 al termine di una gara combattuta e ben giocata da entrambe le squadre. A portarsi in vantaggio dopo pochi minuti sono i padroni di casa che grazie a un tocco delizioso di Bavoni trovano l'1-0. Sempre nel primo tempo, dopo diversi tentativi, gli ospiti trovano il gol del pareggio con "Eto'o". Si va quindi a bere un the caldo con il punteggio di 1-1. Nella ripresa entrambe le squadre hanno la possibilità di trovare il gol del vantaggio, ma è ancora Eto'o a trovare la rete a seguito di una mischia in area di rigore e a regalare i tre punti a Immobiliare Self che si conferma al terzo posto e si lancia all'inseguimento delle prime due.

Best five Le Sequoie

Bavoni: pronti via e segna subito un gran gol dando il vantaggi ai suoi, voto 6,5

Maineri: da vero capitano lotta in mezzo al campo su ogni pallone, voto 6,5

Essoufi: roccia difensiva, partita di contenimento e nel pacchetto arretrato è quello che soffre di meno Eto'o, voto 6,5

Bonta: sulla destra solita quantità però si innervosice troppo e non gioca come sa, voto 6

Sarkadi: prova a mettere in difficoltà gli avversari con le sue giocate senza però risultare troppo pericoloso, voto 6.

 

Best five Immobiliare Self

Zeutsa: per gli amici "Eto'o" è il man of the match. Due gol e tante belle giocate, peccato per l'ingenuità che gli costa il rosso, voto 6,5

Aldovrandi: quanto corre....avanti e indietro e oltre alla quantità tanta qualità nelle giocate, voto 6,5.

Denguidjol: in avanti aiuta Eto'o a creare pericoli alla difesa avversaria, voto 6,5

Hermes: sul gol subito forse si fa sorprendere, ma il tocco di bavoni era veramente vellutato; per tutta la partita poi si fa sempre trovare pronto, voto 6.

Djonkwa: guida la difesa e comanda i suoi senza sbavature, voto 6.

 

ASD Tso – Micky Team 4-1  Serie B girone B  13^ Giornata 

La capolista non si ferma più. Con quella di ieri sera sono 12 le vittorie consecutive inanellate dalla squadra del Presidente Rief. Primo tempo a senso unico con bomber Nigro che regala il doppio vantaggio ai suoi e ha anche altre occasioni per rendere il punteggio più pesante, ma la difesa avversaria si comporta bene ed evita di uscire dalla partita già dopo i primi 35 minuti.
Nella ripresa Nigro però ha ancora fame e riesce a trovare il gol 3-0 con un tocco felpato a tu per tu con il portiere avversario. Gol che sembra chiudere definitivamente la gara, ma Zordan con un gol d fuoriclasse trova il gol del 3-1 che rianima la Micky Team. Padroni di casa che comunque con il doppio vantaggio amministrano la gara senza rischiare troppo, ma una disattenzione tra il centrale e il laterale sinistro regala un'occasione d'oro agli ospiti per riaprire la gara. La foruna però sta dalla parte della capoilista e il pallonetto avversario si stampa contro il legno salvando i Tso che chiudono il match con il gol del 4-1 di Zappaterra.

Best five Asd Tso

Nigro: ancora una tripletta per il bomber che non si ferma più...cos'altro dire, voto 8.

Zappaterra: chiude la partita con il gol del 4-1 dopo un'ottima prestazione, voto 7,5

Sulsenti: solita partita di quantità e qualità, manca solo il gol, voto 6,5

Stasulli: poco impegnato, si fa trovare sempre presente quando chiamato in causa; straordinario con una parata d piede a tu per tu con un avversario, voto 7.

Bosisio: partita più che sufficiente sia in fase di impostazione che in fase di copertura, voto 6,5

Best five Micky Team

Elia: il più pericoloso della squadra, non riesce però a pungere come vorrebbe, voto 6,5

Lupo: ottimi interventi difensivi che evitano un passivo maggiore, voto 6,5

Croce: in mezzo al campo fa filtro e imposta il gioco, voto 6,5

Marotta: si rende pericoloso in più di un'occasione, senz aperò incidere troppo, voto 6

Zordan: trova un gran gol a coronamento di una gara più che sufficiente, voto 7



Vikings – La Commenda 7-5  Serie B girone B  13^ Giornata 

Ieri sera in Ausonia è andata in scena una delle gare con il maggior numero di gol del Campionato di Calcio a 11. Una partita spettacolare dove gli attacchi delle due formazioni hanno messo in mostra tutto il loro potenziale; non a casa entrambe le formazioni sono a 30 gol fatti confermandosi il secondo miglio attacco del girone.
Partono forte i padroni di casa che dopo soli tre minuti si portano in vantaggio grazie a un bellissimo uno/due Pisano-Pugni che libera il secondo davanti al portiere avversario per il gol dell'1-0. Passano solo tre minuti e Fotia su rigore raddoppia per i Vikings. La reazione della Commenda non tarda ad arrivare e sempre su rigore, Carola accorcia le distanze. La Commenda poco dopo si rende ancora pericolosa con una punizione a due in area sul cui sviluppo la difesa degli arancio va in difficoltà e Lyons infila il proprio portiere reglando il pareggio agli ospiti.
Quattro gol in un quarto d'ora di gioco di cui tre su calci da fermo e da un altro calcio di punizione arriva il nuovo vantaggio dei Vikings al 25°. Pisano calcia sul secondo palo, con la palla che attraversa tutta l'area senza che nessuno la tocchi e si insacca alle spalle del portiere. Poco prima della fine del primo tempo, arriva il nuovo pareggio della Commenda, ancora con Carola che è il più veloce di tutti ad arrivare sulla repsinta del portiere avversario dopo un tiro di un suo compagno.
La ripresa comincia così com'era iniziato il primo tempo, con un doppio vantaggio Vikings in gol prima Pisano su rigore e poi Contu con un bel tiro da fuori area. Sulle palle da fermo le difese sono andate spesso in crisi e infatti da calcio d'angolo arriva il gol del 5-4 e poco dopo quello del 5-5 con marcatori i due fratelli Lucchini.
Al 33° ariva il gol che spacca la partita; direttamente da rimessa laterale, Saracca trova Avalli da solo in area che di testa supera il portiere avversario. Non bastano 4 minuti di recupero alla Commenda per trovare il pareggio e anzi, nel tentativo estremo di trovare il gol, si sbilanciano troppo lasciando la possibilità a Leoni di chiudere il match con il gol del 7-5.

Best five Vikings

Pisano: due gol, un assist e un rigore procurato gli valgono la palma di man of the match, voto 8.

Avalli: termina il digiuno del bomber che quando segna lascia sempre il segno, voto 7.

Fotia: il trascinatore dell'attacco vichingo segna su rigore e con la sua velocità crea sempre pericoli alla difesa avversaria, voto 7.

Bonifacio: in mezzo al campo il capitano detta i tempi e prova qualche sortita offensiva, voto 6,5.

Pugni: ha il merito di sbloccare la gara e poi si sacrifica nel secondo tempo quando c'è da difendere, voto 6,5.


Best five La Commenda

Carola: 
doppietta per lui e pericolo costante per i difensori avversari, voto 7,5.

Guillermaz: come il suo compagno di reparto, con la sua velocità fa impazzire i suoi marcatori, gli manca solo il gol, voto 7.

Lucchini F: trova il gol su calcio d'angolo regalando il momentaneo 5 pari ai suoi, voto 6,5.

Lucchini G: come il fratello colpisce gli avversari con un colpo di testa su calcio d'angolo, voto 6,5.

Monti: prende 7 gol, ma sono stati diversi gli interventi positivi. Con coraggio sul 6-5 si lancia anche alla ricerca del gol del pari in area avversaria, voto 6.


I Fantastici – Infront 0-8  Serie B girone C  12^ Giornata 

Al ritorno in campo dopo la pausa Natalizia Infront straripa sul campo dei Fantastici si mantiene nella zona nobile della classifica della serie B girone C. Sfida che vede Infront sbloccare sollecitamente il risultato con assist di Marini finalizzato da Astolfi. Al 20’ Tarroni inaugura lo show personale, con una percussione centrale conclusa con un sinistro che s’insacca nell’angolino basso, per il raddoppio. Prima del riposo Infront raddoppia la dote, con il 4-0 impacchettato da un colpo di testa di Ferrara e il bis di Tarroni. La ripresa non ha così praticamente più storia con il pokerissimo calato da un formidabile pallonetto da quasi da metà campo da Bani e il 6-0 con un sinistro a giro di Tarroni, premiato come “Man of the Match” di Sportland Channel grazie alla tripletta. Nel finale Infront sale sull’ottovolante con Cornacchia??? (da verificare il marcatore) e Ferrara.

Best five Infront

Tarroni: incontenibile, taglia dal centro verso sinistra e viceversa, con tre gemme che lo incoronano migliore in campo. Voto 9

Ferrara: timbra la doppietta e fornisce l’assist del 4-0, impreziosendo un’eccellente prestazione. Voto 8

Bani: ringhia in mezzo al campo e segna un gol da cineteca, da raccontare ai nipoti. Voto 7,5

Astolfi: ha il merito di sbloccare il risultato e crea scompiglio sulla trequarti con il suo moto perpetuo. Voto 7,5

Marini: pendolino inesauribile sulla corsia di destra, aziona la prima segnatura. Voto 7

Best five I Fantastici

Rotilio: nel primo tempo si mette in luce con una paio di cross in area e una punizione senza esito. Voto 6,5

Sommariva: prova a mettere al servizio dei compagni la sua buona tecnica, ma senza incidere. Voto 6

Bruzzano: cerca di mettere ordine in mezzo al campo, ma lotta contro i mulini a vento. Voto 6

Repossi: bravo nell’uno contro uno, si procura un fallo. Voto 6

Bolognesi: si posiziona sulla destra e tenta il lungo lancio. Voto 6

 

Gara KHO TAO - DEPORTIVO APERITIVO 1-1  Serie B girone Elite 11^ Giornata 

Kho Thao e Tutto l’Anno e Deportivo Aperitivo pareggiano 1-1 la sfida dell’undicesima giornata serie B Elite calcio a 11. La sfida di Basiglio si svolge in prevalenza a metà campo e le occasioni da gol scarseggiano. Al 27’ Deportivo Aperitivo sblocca il risultato su corner, con un colpo di testa di Bertazzoli che colpisce il palo, poi carambola in rete, dopo il tocco del portiere avversario. Al 9’ della ripresa la replica di Kho Tao sempre su calcio d’angolo con tocco vincente in mischia di Aliprandi. Andrea Ficili di Deportivo Aperitivo è premiato come “Man of the match” di Sportland Channel. 

Best five Kho Tao

Maar: comanda il pacchetto arretrato con efficacia e e alza il braccio per chiamare il fuorigioco più di Franco Baresi. Voto 7

Luini: batte l’angolo del gol del pareggio e nella ripresa prova creare scompiglio sulla sinistra. Voto 7

Aliprandi: ha soprattutto il merito di griffare il “gollonzo” dell’importante pareggio ad inizio ripresa. Voto 6,5

Parodo: con la sua tecnica sopraffina tiene sul chi vive i difensori avversari. Voto 6,5

Gasparini: dirige il traffico in mezzo al campo come un vigile nell’ora di punta, anche se non sempre con precisione svizzera. Voto 6,5

 

Best five Deportivo Aperitivo

Ficili: non giocava da 6 mesi, ma mette la museruola agli attaccanti avversari con chiusure efficaci, meritandosi il premio di “Man of the match”. Voto 7,5

Bertazzoli: spesso fa reparto da solo davanti, ma sblocca il risultato e sfiora la doppietta in girata. Voto 7

Civello: bravo in marcatura, blinda il reparto centrale difensivo con autorità. Voto 7

Mandrioli: una sola parata decisiva, quando a metà ripresa ipnotizza l’attaccante avversario con un’uscita da standing ovation. Voto 6,5

Da Cas: cambia fascia tra un tempo e l’altro, ma accende il motorino e sfonda ripetutamente con la sua velocità da centometrista, anche non è efficace al tiro. Voto 6,5

 

 

 

Gara NEW SPEED - LE SEQUOIE 2-1  Serie A   10^ Giornata 

Quando perdiamo con squadre teoricamente alla nostra portata, lo facciamo sempre in maniera sguaiata e rumorosa.

Siamo riusciti giocare male, in modo pasticciato, senza amalgama e voglia di fare squadra. Abbiamo concesso un gol sbagliando un fuorigioco su un rinvio affannoso del portiere avversario, a pareggiare con un gol da centrocampo di Bogdan (cercato, direi..) e subendo a tempo scaduto il gol sul loro secondo tiro della partita guardando un cross attraversare la nostra area piccola (o giù di lì...) senza che nessuno intervenisse e tantomeno marcasse l'avversario più lontano. Quindi, in sintesi, al netto delle quattro o cinque occasioni a tu per tu con il portiere che abbiamo sprecato per sufficienza e mollezza, direi che i New Speed hanno meritato perché sono sempre stati con la testa nella gara. Noi no. Abbiamo anche reso inutile l'esordio (a lungo cercato) di Hassan detto Mimmo. Ottimo calciatore, spaesato nella confusione rissosa che ci creiamo da soli.

Avevo detto prima di iniziare che questa gara avrebbe detto qual è la nostra dimensione in questo campionato. La risposta delle Sequoie in campo è stata: siamo una squadra senza anima, quindi da metà classifica. Punto. A lunedì 

(By Paolo - Le Sequoie)

Gara GRUPPO SPORTIVO ALCAZAR - LA CUPOLA 3-1 Serie B Girone A  10^ Giornata 

Partita che mette di fronte la terz’ultima e l’ultima del girone, ma che regala fin da subito forti emozioni.
Comincia meglio La Cupola che nel giro di pochi minuti crea una diversi pericoli al portiere avversario, molto bravo in prima battuta e anche fortunato sulla seconda conclusione avversaria che si stampa sul legno. Poco dopo è ancora la Cupola a farsi pericolosa in area avversaria con alcune incursioni degli attaccanti che però non riescono a trovare la via del gol.

Alla prima occasione però sono i padroni di casa a passare in vantaggio; a seguito di un calcio di punizione dal limite e di un batti e ribatti all’interno dell’area, la palla finisce nella zona di Gougeon, che con una bellissima rovesciata insacca alle spalle di un incolpevole Filannino.
Dopo il gol subito, la squadra di Pitzalis prova a reagire ma tutti gli attacchi risultano sterili e gli azzurri non riescono a trovare il pareggio. Molto più cinica la formazione di Donato, che approfitta di una disattenzione della difesa e alla seconda grossa occasione colpisce ancora con Gougeon e fa 2-0 chiudendo la prima frazione di gara con il doppio vantaggio.
Nella ripresa La Cupola non riesce a reagire così come aveva fatto dopo il primo gol e i primi venti minuti del secondo tempo non regalano emozioni ne da una parte ne dall’altra. A poco meno di cinque minuti dalla fine però La Cupola trova il meritato gol con fava, che riapre la partita a seguito di una mischia in area sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Gli utlimi minuti vedono gli ospiti riversarsi nella metà campo avversaria alla ricerca del pareggio, ma allo scadere in contropiede è Donato Andrea a chiudere il match fissando il risultato sul 3-1.

Best five Gruppo Sportivo Alcazar

Cascino: sulla fascia sinistra è un pericolo costante; la punizione del gol nasce grazie a una sua incursine, voto 7.

Donato: attaccante mobile e rapido che crea problemi con la sua velocità ai difensori avversi, chiude il match sul triplice fischio finale, voto 7.

Gougeon: solo il primo gol gli varrebbe la nomina di Man of the match, ma non gli basta e raddoppia allo scadere del primo tempo mettendo in discesa la gara alla sua squadra, voto 8.

Rota: difensore a tutto campo, sempre preciso nelle chiusure e non disdegna qualche galoppata sulla fascia, voto 6,5.

Rinaldi: il fulcro del centrocampo, tutti i palloni o quasi passano dai sui piedi e ne sbaglia pochissimi, voto 6,5.

Best five La Cupola

Pitzalis: il capitano della squadra guida i suoi dalla difesa e compie diversi interventi decisivi fermando gli attacchi avversari, voto 6,5.

Filannino: in un ruolo non suo si comporta egregiamente salvando la porta diverse volte, nulla può sui primi due gol che decidono la gara, voto 6,5.

Baldini: in mezzo al campo corre per tutti e prova anche a impostare il gioco dei suoi, voto 6,5.

Tauro: il più pericoloso dei suoi, con la sua velocità e i sui dribbling crea grossi pensieri agli avversari, voto 7.

Fava: autore del gol e di una buona prestazione in generale, peccato per lui che il gol non serva alla squadra, voto 6,5.



Gara JUS MILANO - DINAMO DEL GROSSO  1-1 Serie B Girone A  9^ Giornata 

Finisce in parità la sfida tra Jus Milano e Dinamo Del Grosso, due squadre che viaggiano a metà classifica e che avevano bisogno dei tre punti per accodarsi al treno playoff.
Nel primo tempo il freddo pungente della serata di ieri ghiaccia le squadre e in campo succede poco o nulla e le squadre vanno a bere un the caldo sul punteggio di 0-0. Nella ripresa il match si sblocca al 15° con una punizione pennellata di Ruggeri che supera la barriera e si deposita alle spalle di un incolpevole Giulini. 
La reazione della squadra ospite è immediata e Fusco dopo pochi minuti colpisce la traversa con un gran tiro dai 25 metri. La pressione degli ospiti continua e al 20° Corbetta trova il gol del pareggio con un'incursione centrale e un diagonale che supera Giustiniani per l'1-1 finale. 

Best five Jus Milano

Quieti: 
sulla fascia destra un pendolino A/R per tutta la partita, macinati kilometri, palle messe in mezzo e tanti scambi con i comapgni e pochi palloni sbagliati, voto 7.
Ruggeri: la punizione con cui sblocca il risultato è degna del miglior Pirlo. Oltre al gol fa un gran lavoro per la squadra spalle alla porta proteggendo tutti i palloni che arrivati nella sua zona, voto 7.
Pinetti: lavora molto alle spalle di Ruggeri e aiuta molto la squadra a respirare tenendo palla e impostando il gioco con molti passaggi filtranti per la punta e per gli esterni. Apertura precise e puntuali e aiuta anche in fase difensiva, voto 6,5 
Mella: difensore centrale che lavora d'esperienza sugli attaccanti avversari, soffre poco la pressione avversaria e comanda bene la squadra da dietro, voto 6,5 
Scalabrini: insieme a Mella il migliore del reparto difensivo, copre bene e quando può spinge anche, voto 6,5.

Best five Dinamo Del Grosso

Fusco: Man of the Match della serata; assoluto dominatore del centrocampo, colpisce una traversa con un tiro dai 25 metri e lavora per tutta la gara per i compagni, voto 7,5.
Filomene: terminale offensivo della squadra, con la sua velocità crea diverse occasioni, ma non riesce a trovare la soluzione vincente, voto 6,5.
Corbetta: sigla l'1-1 che regala il pareggio alla squa squadra e oltre al gol fa sempre giocate intelligenti, voto 6,5.
Cassar Scalia: difensore roccioso, per tutta la gara soffre poco gli attacchi avversari e infatti il gol dello Jus arriva da palla inattiva, voto 6,5.
Fiamberti: subentra sulla destra per dare maggiore spinta visto lo svantaggio e fa il suo lavoro fino al termine della gara senza però riuscire a ribaltare la situazione, voto 6.


Gara ASD TSO 1991 - NATURAL BREAK 4-2 Serie B Girone B  9^ Giornata 

La capolista parte subito forte e dopo 10 minuti sblocca il risultato con un bel gol di Sulsenti che gira alla spalle del portiere un pallone vagante in area di rigore. Neanche il tempo di riordinare le idee per gli ospiti che arriva l'immancabile gol di Nigro che sfrutta un assist al bacio di Zappaterra e insacca il 2-0. Il secondo gol subito sveglia la squadra di Arnau e dopo pochi minuti Avella si inventa un gol pazzesco dai 25 metri che sorprende il portiere e si infila a fil di palo. A pochi secondi dalla fine del primo tempo è sempre Nigro a recuperare un pallone vicino alla bandierina e a meterlo in mezzo per Zappaterra che non deve fare altro che appoggiare in rete a porta vuota per 3-1 che manda le squadre al riposo.
Nella ripresa subito Natural Break protagonisti con Greco che insacca di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo e riapre la partita al decimo. Sul 3-2 la partita assume una fase di stallo senza grosse occasioni ne da una parte ne dall'altra. Il match si chiude al 30° quando su un rinvio affrettato della difesa dei Natural Break, Ballerini calcia di prima intenzione vedendo il portiere leggermente fuori e il suo tiro si insacca in fondo alla rete per il definitvo 4-2.

Best five ASD Tso

Sulsenti: sblocca la partita con un tiro preciso e potente da dentro l'area di rigore e con la sua velocità è un pericolo costante per la difesa avversaria, voto 7.
Nigro: gol, assist e tanto lavoro lontano dalla porta, l'attaccante che tutti gli allenatori vorrebbero avere, voto 8.
Uggeri: il più anziano della squadra guida il reparto difensivo da vero leader guidando i terribili ragazzini che gli giocano di fianco, voto 6,5.
Ballerini: chiude la partita con un euro gol che ha ricordato quello di Stankovic contro lo Shalke e inoltre per tutta la gara ha in mano le chiavi del centrocampo, voto 7,5
Zappaterra: assist e gol anche per lui, sempre pronto a scappare dalle grinfie dei difensori avversari grazie alla sua rapidità, voto 7.

Best five Natural break

Avella: trova un gran gol che riapre la partita e da la carica necessaria ai suoi per reagire allo svantaggio, voto 6,5.
Greco: a inizio ripresa con il suo gol da ancora speranze alla squadra che aveva chiuso la prima frazione di gara sotto di due gol, voto 6,5.
Meniconi: il capitano, l'anima della squadra. Non molla mai e lotta come un leone su tutti i palloni contro i ben più giovani attaccanti avversari, voto 6,5.
Pulcino: non una serata da ricordare, ma per tutta la gara lotta e crea apprensione alla difesa avversaria, voto 6.
Mazzocchi: sulla fascia destra è sicuramente uno dei migliori dela sua squadra, corre avanti e indietro e dialoga molto con i compagni, voto 6,5.


Gara REAL PUPAZZI - KOH TAO 3-1  26/11/2015  Serie B Girone A  8^ Giornata 

Real Pupazzi s’impone 3-1 su Koh Tao, dopo una sfida combattuta soprattutto a centrocampo e scarse occasioni da rete. Al 3' sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio, grazie allo spunto di Demaria che, partito in velocità sulla fascia destra, infila un diagonale preciso alle spalle del portiere. Passato il 20', Zilli su punizione impensierisce Cobucci, ma l'estremo difensore è attento e copre bene il suo palo. Poi è Maar che sfiora il gol del pareggio su punizione, con parabola perfetta alla Pirlo, ma il pallone sfiora il palo. Nel secondo tempo Aliprandi, di testa, ha l'occasione più ghiotta del match: spiovente da calcio d'angolo, colpo di testa con pallone indirizzato nell'angolino, ma Angorato compie il miracolo. Al 7' il raddoppio del Real Pupazzi ancora con Demaria, che come un felino, sfreccia sulla fascia e punisce Cobucci. A 5' dalla fine Salem realizza un calcio di rigore, accorciando le distanze. Poi Bianco ha l'occasione di chiudere la partita, ma il suo pallonetto si stampa sulla traversa. Il gol della sicurezza arriva a un minuto dal fischio finale, con Porta che sancisce la vittoria del Real.

Le pagelle: The best five

Real Pupazzi

Porta: Premiato come migliore in campo, segna il gol che spezza le speranze di rimonta del Koh Tao. Corona con il gol l'ottima prestazione. Voto 7
Demaria: nei primissimi minuti è devastante. Fa dell’agilità l’arma più pericolosa del suo repertorio. Nella ripresa un altro guizzo lo porta a timbrare la doppietta. Cercato poco dalla squadra, ma è letale quando ha il pallone tra i piedi. Voto 7
Nardella: Blocca sul nascere ogni azione degli avversari. Diga in mezzo al campo. Voto 7
Sansone: Possente fisicamente e un pò lento, ma è pericoloso davanti. Fa penare e non poco i difensori avversari. Ha anche qualche chance per segnare, ma la fortuna non lo sorregge. Voto 6,5
Angorato: Sporca poco i guantoni, ma la paratona su Aliprandi vale oro! Voto 6,5

 

Koh Tao Tutto l'anno
Maar: L'uomo più cercato dalla squadra, leader tecnico dei suoi. Micidiale come ala, padrone della fascia sinistra. Mezzo voto in meno perché nel secondo tempo sparisce. Voto 7
Aliprandi: Regista basso dei viola, dai suoi piedi passano le sorti della squadra per l'impostazione delle manovre offensive. Voto 7
Sarr: Granitico in difesa, un muro. Da metà ripresa in poi si rende anche pericoloso nella metà campo avversaria, avanzando con caparbietà. Voto 7
Barbieri: Spinge e corre sulla fascia come un cavallo. Voto 6,5
Cobucci: Non copre bene il sul suo palo e sul secondo gol ha qualche colpa, ma il tiro di Demaria è potente e immediato. Compie due belle parate che evitano una sconfitta più larga. Voto 6,5

 

Gara TIKI TAKA - MICKY TEAM 2-2   23/11/2015  Serie B Girone B  8^ Giornata
In Serie B girone B sfida ad alta quota tra la seconda e la quarta della classe. Le premesse fanno pensare ad una gara equilibrata, e infatti così sarà.
A portarsi in vantaggio è la squadra di casa con una bel gol di Potzolu che partendo dalla destra salta l'avversario di fasca e col sinistro trafigge il portiere avversario regalando così il vantaggio all'intervallo. Va detto che pochi minuti prima gli ospiti hanno avuto una palla gol colossale sui piedi di Marotta che però ha sbaglaito a pochi passi dalla linea di porta un gol che sembrava già fatto; nel calcio si sa, glo sbagliato.....
Nella ripresa Micky Team cerca il pareggio senza però creare grossi pericoli al Tiki Taka fino al ventesimo minuto quando una conclusione precisa di Croce beffa il portiere avversario e si deposita in fondo alla rete peril parziale 1-1. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere e dopo pochi minuti trovano il nuovo vantaggio grazie alla caparbietà di Maraschi Gianluca che trova la rete dopo un azione insistita sulla fascia destra e un probabile contatto falloso in area di rigore. L'espulsione di Clemente, tra le fila dei padroni di casa, complica la gestione del vantaggio con Micky Team che man mano che passavano i minuti faceva sentire sempre di più la sua presenza nella metà campo avversaria. A pochi secondi dal termine l'episodio che decide la partita; Montes nel tentativo di spazzare l'area, non si accorge della presenza di un avversario in anticipo e lo calcia. Rigore e 2-2 siglato da capitan Elia che regala un punto preziosissimo alla squadra di Mister Taurisano.

Best five Tiki Taka

Putzolu: sblocca la partita e il suo mancino è sempre un pericolo costante per la difesa avversaria, voto 7.

Maraschi S: premiato come MVP, in difesa da sicurezza a tutto il reparto ed è sempre pulito e puntuale nelle chiusure sugli attaccanti avversari, voto 7.

Maraschi G: con il suo gol illude la squadra di una vittoria che alla fine sfuma a pochi minuti dal termine, voto 6,5.

Montes: peccato per l'ingenuità sul rigore causato, ma la sua partita è sicuramente sufficiente, voto 6.

Masia: controlla la sua zona di competenza senza grossi problemi, anche perchè gli attacchi avversari spesso sono rivolti in altre zone di campo, voto 6.

Best five Micky Team

Elia: 
da vero capitano si prende la responsabilità della trasformazione del penalty dopo aver giocato 70 minuti e aver dato tutto per la squadra, voto 7.

Montebianco: centrale difensivo che prova anche a spingere e a proporsi, non è da tutti e lui lo fa anche molto bene, voto 6,5.

Croce: sicuramente l'uomo più pericoloso; oltre al gol del primo pareggio anche una traversa per lui, voto 7.

Caruso: due gol subiti ma diverse parate e uscite decisive, voto 6.

Rotundo: la fascia destra è il suo habitat naturale, buone chiusure e sovrapposizioni lo mettono tra i best five, voto 6,5.



Gara PICKERS - LE SEQUOIE 1-5 23/11/2015  Serie A  8^ Giornata

Bastano dieci minuti per capire la direzione presa dalla gara; passano tre minuti e Le Sequoie colpiscono la traversa con una punizione di Siqueira e pochi minuti dopo sempre su punizione Railean sblocc ail risultato. All'undicesimo Ardeleanu raddoppia con un gollasso e chiude virtualmente la partita. I Pickers tentano una timida reazione senza però portare grossi pericoli dalla parti di ANselmi che passa la serata da spettatore aggiunto. Al trentesimo arriva il 3-0 e allo scadere è ancora Ardeleanu a calare il poker con un altro eurogol. Il secondo tempo comicnia così come era finito il primo e Carranza porta a 5 le reti dopo soli cinque minuti di gioco. Si può dire che la partita finisce qui, da segnalare la perla di Trabelsi che su una palla persa dalle Sequoie sigla il gol della bandiera mettendo la palla all'incrocio dei pali al ventesimo della ripresa.

Best five Pickers

Trabelsi: non la migliore delle serate per lui, però prova a combinare qualcosa in avanti anche se quasi sempre isolato. trova con un gran tiro il gol della bandiera, voto 6,5.

Cimino: prova ad aiutare dalla fascia sinistra Trabelsi e tra tutti è forse il più propositivo in una serata nera per la squadra, voto 6.

Zampino: difensore destro dai mille polmoni, copre e riparte anche se molte sue sovrapposizioni non sonos tate premiate, voto 6.

Khafagi: insieme a Cimino a provato a dare manforte al reparto offensivo, ma la serataccia della squadra non gli ha permesso di rendersi molto utile, voto 6.

Giordano: in mezzo al campo prova a dettare i tempi di gioco che però era quasi sempre nelle mani dei metronomi avversari; le poche palle che tocca non le sbaglia, voto 6.


Best five Sequoie

Ardeleanu: doppietta per lui che decide la gara e gli vale la nomina di man of the match, voto 7,5.

Carranza: doppietta anche per lui, anche se sul secondo gol forse il portiere avversario poteva fare di meglio, voto 7.

Railean: sblocca la partita e su tutti i contrasti, aerei e non, esce vincitore, voto 7.

Siqueira: colpisce una traversa e poi in mezzo al campo domina, voto 7.

Corio: come il suo compagno di reparto domina e da le geometrie in mezzo al campo, voto 7.



SEQUOIE FOREVER
Ha compiuto 18 anni l'A.S.D. LE SEQUOIE essendo nata il 17/11/1997. Diventata maggiorenne, questa storica squadra della " galassia Sportland" raddoppia ovvero, oltre alla formazione di "calcio a 11" , mette in campo anche quella degli "over 45 di calcio a 7". E non basta. Con una operazione del tipo "ritorno nel futuro" ha inglobato anche la nazionale rumeno-moldava di calcio a 5. Per festeggiare questo traguardo nei giorni scorsi è stata organizzata una manifestazione presso il Ristorante Terraferma (in via Melchiorre Gioia 63-Mi), noto ritrovo di VIP e sportivi. Madrina della serata era la Signora Carla De Albertis, stimata personalità nel campo della politica e della solidarietà. Hanno preso parte ai festeggiamenti parecchie Sequoie di antico pelo, cui è stato attribuito l'"Amarcord", un riconoscimento per il loro passato sportivo ed umano. Alla fine, come sempre, il motto lanciato in aria è stato: " SEQUOIE FOREVER!!". ( by Carlo Miretta)

 

Gara A.C. WARRIORS - GRUPPO GORLA  1-0 20/11/2015  Serie A  7^ Giornata

Nella serie A di calcio a 11 Gruppo Gorla si aggiudica 2-1 lo scontro al vertice della settima giornata di Basiglio contro i Warriors e resta da solo al comando a punteggio pieno. Nel primo tempo equilibrio sovrano, con battaglia soprattutto a centrocampo e le conclusioni in porta che latitano. Al 22’della ripresa i Warriors sbloccano il risultato con una punizione trasformata da Caracciolo. Al 35’ Gruppo Gorla replica con un corner calciato da Lombardo in area, sul quale la zuccata di Sala firma l’1-1. Nel recupero ancora Lombardo innesca l’azione decisiva, finalizza da Caprini, che fa esplodere la festa di Gruppo Gorla, per una rimonta pazzesca. Alessandro Caprini viene premiato con il “Man of the match” di Sportland Channel.

Le pagelle. The best five

Warriors

Stilo: guida con autorità il reparto difensivo, che mantiene l’imbattibilità per 70 minuti, prima dell’epilogo da incubo. Voto 7

Maggioni: nel primo tempo prova a sfondare sulla destra con la sua tecnica e velocità e tiene sempre sul chi vive la difesa avversaria. Nella ripresa viene dirottato a sinistra, senza riuscire a incidere. Voto 6,5

Andrea Pancani: poco appariscente, ma è sempre sul pezzo sul centro sinistra del pacchetto arretrato. Voto 6,5

Giordano: in mezzo al campo battaglia senza risparmiarsi, recuperando un buon numero di palloni e provando anche alcune verticalizzazioni. Voto 6,5

Caracciolo: ha il merito di trasformare la punizione che accende la miccia e illude i suoi. Voto 6,5

Gruppo Gorla

Caprini: la zampata con la quale impacchetta il gol partita gli vale il premio di “Man of the match”. Voto 7,5

Lombardo: con il suo mancino fatato, al tramonto pennella i due assist decisivi che ribaltano l’inerzia della supersfida e lanciano la fuga dei suoi. Voto 7,5

Sala: la capocciata dell’1-1 suggella un’eccellente prestazione nel reparto arretrato, dove chiude sempre con efficacia e imposta. Voto 7,5

Candi: nel primo tempo è il più vivace dei suoi sul centro sinistra del fronte offensivo, poi cala. Voto 6,5

Motta: nel primo tempo ingaggia un “duello rusticano” con Maggioni, ma lo contiene con esperienza. Voto 6,5

 

Gara LE SEQUOIE - SAN SIRO 2000  1-0 16/11/2015  Serie A - 7^ Giornata

Stasera, con la minaccia incombente della nebbia, avevamo obiettivi molto chiari da inseguire: ricominciare a fare i tre punti e cercare continuità di prestazione dopo la nostra lunga sosta e il combattuto pareggio con gli Hsm. 

Qualche assenza in difesa viene compensata dal rientro (finalmente) di "Piedibuoni" Kallebe e dal ritorno della coppia centrale Ivan + Ivan: Il muro di Cimiano.

Per la verità, nel primo tempo facciamo più confusione che gioco, faticando a trovare le giuste distanze a centrocampo e fra la mediana e gli attaccanti. Giochiamo di più ma sbagliamo tanto. Nel secondo tempo, miglior la confidenza di Kalle con gli altri, viene accentrato Cristian e gli esterni LorMatteo e Vlad iniziano a spingere con aggressività: arrivano le occasioni, ma resta l'imprecisione. Il gol, meritato, arriva con una iniziativa di Vlad che conclude con un cross millimetrico da destra a sinistra per Cristian una manovra avvolgente del centrocampo. Risultato non contestabile. Con caparbietà portiamo a casa una gara che sembrava bloccata: carattere e aggressività vengono premiate.

Una notazione particolare in più per i due vecchietti terribili, AleCorio e Capitan Ivan: concentrazione e corsa continua fra centrocampo e difesa. Un esempio per tutti di come si sta in partita qui, dalle parti delle Sequoie... Però, davvero, bravissimi tutti!

(by Paolo Le Sequoie)



Gara CIRCOLO MANGIAGALLI-JUS MILANO 1-2  13/11/2015  Serie B Girone A - 6^ Giornata
Stasera commentiamo la partita del girone tra " Il Circolo " e " Jus Milano", due squadre che occupano la meta' della classifica.
Pronti via la squadra di casa attacca con il solito Battaglia che da fuoriclasse semina scompiglio nella difesa avversaria, dopo appena 5 minuti su un lancio millimetrico di un centrocampista l'attaccante del Circolo si fa trovare pronto da solo davanti al portiere e manda in rete la palla dell uno a zero con un tiro piazzato al lato del portiere.
La partita inizia a carburare con le squadre che si studiano, ma è sempre la squadra di casa a mandare i propri attaccanti nell'area avversaria. Ancora Battaglia che dribbla 2 difensori avversari, ma arriva sotto porta senza mira mandando la palla fuori. Ancora macina gioco il Circolo, con Perrone  da assist man invita Migliaccio sotto porta, ma anche lui con poca lucidità manca il gol del raddoppio. Non manca la risposta degli ospiti che alla prima azione guadagnano un fallo fuori area. A calciare è il loro fuoriclasse che manda la palla all'incrocio alla destra del portiere.
La squadra ospite trova coraggio e inizia a giocare e complice la solita stanchezza che colpisce la squadra di casa a fine primo tempo continuano ad attaccare ma senza risultato, finisce il primo tempo.
Nel secondo tempo squadra piu aggressive, ma nessuna trova lo sbocco per raddoppiare. Azioni degne di nota la prima con il Circolo che su calcio piazzato porta il centrocampista Migliaccio a colpire di testa sotto porta d poco a lato. Occasione anche per gli ospiti che con un lungo lancio, con la palla che attraversa tutta l'area piccola del portiere, ma senza trovare la giusta deviazione.
Finisce cosi la partita con un punteggio che tutto sommato accontenta le due squadre.

by Francesco (Circolo Mangiagalli)

 

Gara GLOBULI ROSSI - UCB LIONS 1-2  9/11/2015 Serie B Girone C - 6^ Giornata

Nella sesta giornata  della serie B girone C di calcio a 11 la capolista Ucb Lions fa suo 2-1 il big-match contro Globuli Rossi, che perde l’imbattibilità dopo 2 vittorie e 2 pareggi. Dopo il nulla di fatto della prima frazione, ad inizio ripresa arriva la scarica di adrenalina, con la squadra di mister Beltrame che sblocca il risultato al 3’grazie ad una pregevole iniziativa sulla fascia destra di Zega, che apparecchia la tavola con un traversone calibrato per il tap-in vincente di Buzzini. Passano solo 30 secondi e Ucb Lions replica con l’1-1 di Michele Forti, che battezza in rete un assist al bacio di Bugelli. L’equilibrio dura fino al 20’quando ancora Michele Forti impacchetta il gol partita e la doppietta personale, insaccando da posizione defilata il 2-1 e si merita il premio di “Man of the match” di Sportland Channel. 

Best five Globuli Rossi

Marconi: Al 12’ vola sulla destra come un gatto per mettere in angolo una punizione. Poi blinda la porta con altri interventi Doc, prima di capitolare due volte nella ripresa. Voto 7,5

Buzzini: Si muove su tutto il fronte offensivo, pennella un cross invitante in area e accende la miccia, timbrando l’inutile 1-0. Voto 7

Oliva: Ringhia al centro del ring come un mastino su tutti gli avversari nei paraggi e sradica palloni in quantità industriale. Voto 7

Bellavita: Si piazza sul centro destra e prova a sospingere i compagni con alcune buone giocate. Voto 6,5

Zega: Mandante del gol dell’illusorio vantaggio, coronando una buona prestazione. Voto 6,5


Best five UCB Lions

Michele Forti: “Man of the match”, da buon sicario entra in azione al momento decisivo e aziona la doppietta che spacca in due la gara. Voto 8

Cervasio: il capitano guida con esperienza il reparto difensivo , anche se nella ripresa è costretto a lasciare il campo per un problema fisico. Voto 7

Bugelli: nella prima frazione crossa in area due buoni palloni in area con il suo sinistro educato, poi fornisce l’assist per l’1-1. Voto 7

Cianchetti: bravo nelle chiusure difensive e negli anticipi, nel primo tempo salva la porta con una strepitosa chiusura della diagonale. Voto 7

Ciortescu: spinge con buona continuità sulla corsia di destra e svolge con profitto entrambe le fasi. Voto 6,5

 

 

Gara GRUPPO GORLA - HSM DAL 1976   1-0  2/11/2015 Serie A - 5^ Giornata

Ieri sera al campo del Real Milano è andato in scena il Big Match della Serie A tra Gruppo Gorla e Hsm dal 1976.
La partita vedeva affrontarsi due delle migliori difese del Campionato e i due migliori attacchi. Le previsioni potevano far pensare a una partita combattuta e chiusa e così è stato.
Nel primo tempo poche occasioni da entrambe le parti, la più nitida sui piedi di Trolli (Hsm) che si inserisce da sinistra per ricevere una palla filtrante, ma spara a lato.
Nella ripresa esce alla lunga il Gruppo Gorla, che nella prima frazione di gara aveva creato poco o nulla. Anche i primi minuti della ripresa non producono grandi occasioni da gol, ma mentre nel primo tempo è stata Hsm ad avere il maggiore possesso del pallone, nella ripresa è la squadra di Gorlaa tenere il pallino del gioco in mano, lasciando spazio solo a qualche ripartenza della squadra di Nahum.
Al 26° l’episodio che spacca la partita; azione ben manovrata del Gruppo Gorla che porta un attacco dal lato sinistra del campo con Candi, uno dei migliori in campo. Appena dentro l’area viene travolto da un difensore avversario, e l’arbitro concede il rigore.
Lombardo si incarica della battuta e trasforma spiazzando il portiere per il vantaggio del gruppo Gorla.
Negli ultimi 10 minuti ci si aspettava l’assedio di Hsm, che però, grazie alla solidità difensiva della squadra di casa, non è riuscita mai a impensierire il portiere avversario. Anzi, è ancora Lombardo ad andare vicino alla marcatura con un tiro al volo dal limite alla fine di batti e ribatti in area di rigore.
Quattro minuti di recupero, più un minuto aggiuntivo, non bastano alla squadra di Bettinelli per trovare il pareggio e così Gruppo Gorla può festeggiare il primato in classifica.

Best five Gruppo Gorla

Solerio Alessandro voto 7: nel primo tempo si nasconde un po’ dietro le maglie dei difensori di Hsm e non riesce a esprimere il suo talento. Nella ripresa cresce e aiuta la squadra tenendo tutti i palloni che arrivavano dalle sue parti con dribbling secchi ai danni degli avversari e tante assist per i compagni.

Benabib Maroan voto 6,5: la sua velocità è l’arma in più della squadra, palla sempre attaccata al piede e tanti appoggi dei compagni; manca in fase conclusiva, ma difronte aveva la miglior difesa del campionato.

Sala Roberto, voto 6,5: un muro, dalle sue parti non passa nessuno; solo una piccola sbavatura in tutta la partita per un ultimo uomo che dà sicurezza all’intero reparto e guida i compagni da vero leader in campo.

Candi Alessandro voto 7: una spina nel fianco destro di Hsm, macina chilometri sulla fascia sinistra difendendo e attaccando senza mai fermarsi. Non a caso l’intervento falloso che decide la partita è ai suoi danni dopo una delle tante incursioni fatte durante la partita.

Lombardo Matteo voto 7,5: l’uomo che decide il Big Match non poteva non essere premiato come mvp. Con freddezza spiazza il portiere avversario e va vicino alla doppietta personale con un siluro che lambisce la traversa. Decisivo!

Best five HSM dal 1976

Trolli Carlo voto 6,5: nel primo tempo l’uomo più pericoloso della partita, sul suo piede l’unica palla gol dei primi 35 minuti. Nella ripresa esce e la squadra cala; rientra negli ultimi minuti ma non riesce più a dare la spinta del primo tempo.

Melo Santos Jose Roberto voto 6,5: in mezzo al campo è uno di quei giocatori che tutti gli allenatori vorrebbero avere; copre, imposta e quando può attacca anche. Forse il giocatore più completo in campo anche se ieri sera la squadra non ha girato come al solito e lui non reso al massimo.

Codazzi Filippo voto 6: tanta quantità in mezzo al campo, ma la serata non positivissima dei compagni hanno limitato anche le sue giocate. Tanto cuore in mezzo al campo e anche alcune buone giocate per lui.

Matti Federico voto 6: tanti chilometri per lui sulla fascia destra nel secondo tempo. Aiuta i compagni e si propone sempre per le ripartenze. Anche lui non aiutato dalla serata non felice della squadra.

Santandrea Mattia voto 6: dà sicurezza al reparto difensivo e si fa trovare pronto ogni volta che viene chiamato in causa dai propri compagni e dagli avversari. Nulla può sul calcio di rigore trasformato con freddezza dall’attaccante avversario.

 

Gara MANALIVE - RESAKA   2-3  29/10/2015 Serie B Gir. C  -4^ Giornata

Nella quarta giornata della serie B girone C Resaka rompe il digiuno e conquista i primi tre punti, imponendosi 3-2 su Manalive, nella sfida del Cimiano ripresa dalle telecamere di Sportland Channel. L’avvio è favorevole alla truppa di mister Veronese, che affonda due volte nei primi 14’ con la doppietta dell’incontenibile diciottenne Matteo Avogadro, premiato al termine come “Man of the match.” Lo 0-2 scatena la reazione di Manalive, che al 18’ dimezza il gap con una formabile punizione a giro di capitan Calogera. A metà ripresa 2-2 di Battocchio, che lanciato sul filo del fuorigioco fredda il portiere avversario da distanza ravvicinata. L’equilibrio dura lo spazio di un caffè, perché subito dopo Marras piazza la zampata vincente per Resaka sugli sviluppi di una punizione, per il definitivo 3-2.

Le pagelle: Best Five

Manalive

Calogera: il capitano si muove con buon profitto sul fronte offensivo: nel primo tempo trasforma con una magia la punizione dell’1-2 e sfiora il pareggio poco prima del riposo con una girata che lambisce il palo. Voto 7,5

Battocchio: pendolino instancabile sulla corsia di sinistra con la sua velocità, timbra con freddezza l’illusorio 2-2 a metà ripresa. Voto 7

Banterle: il bomber nel primo tempo crea scompiglio sulla fascia destra, pennellando in area due cross deliziosi non sfruttati dai compagni. Voto 7

Mellani: in coppia con Banterle tiene per tutta la gara in apprensione la retroguardia avversaria con il suo dinamismo e alcune buone giocate. Voto 7

Luca Sgaria: si piazza al centro del ring e dirige con profitto la manovra dei suoi con alcune buone verticalizzazioni. Voto 7

 

Resaka

Matteo Avogadro: nei primi 14 minuti è una furia incontenibile che con la sua velocità mette in crisi la difesa avversaria, impacchettando una doppietta d’autore, che gli vale il premio “Man of the match”. Voto 8

Marras: tuttocampista instancabile con la sua rapidità e i piedi educati illumina le azioni e mette pure lo zampino con il tap-in del decisivo 3-2. Voto 7,5

Podda: prestazione tutta sostanza al servizio dei compagni, impreziosita dalla battuta della punizione da cui scaturisce il gol partita. Voto 7

Serra: mancino dotato di buona tecnica offre il suo contributo prezioso sulla banda di sinistra alla prima vittoria. Voto 7

Pisanu: fa reparto con Matteo Avogadro al quale offre spalla ideale soprattutto per i primi 15 minuti devastanti, che spaccano in due la gara. Voto 7

 

 

Gara LE SEQUOIE - INVICTUS  1-1  26/10/2015 Serie A  -4^ Giornata

Nella quarta giornata della serie A di calcio a 11 Le Sequoie e Invictus impattano 1-1 il monday night del Cimiano, condizionato dalla fitta nebbia. A metà del primo tempo le Sequoie sbloccano il risultato con Carranza, imbeccato da Lorenzo Matteo. Ad inizio ripresa definitivo 1-1 di Invictus, con Bini che risolve una mischia sotto porta susseguente ad un calcio di punizione. A fine gara Jose Carranza (Le Sequoie) è premiato come “Man of the match”. 

 

Gara PRO MILANO - NATURAL BREAK  22/10/2015 Serie BGir.C  -3^ Giornata

Nella terza giornata della serie B girone B del campionato di calcio a 11, Pro Milano stravince 5-2 contro Natural Break, trascinata dal poker dell’incontenibile Langella, premiato come “Man of the match” di Sportland Channel. Il folletto imprendibile numero 14 inaugura la sua serata di grazia sbloccando il risultato al 19’ dopo un’azione personale. Langella si ripete al 22’, finalizzando un assist di Parodi. Natural Break reagisce e subito dopo Pulcino dimezza il gap, avviando e concludendo l’azione. Al 30’ Bolletta firma il 3-1 dei rossi, con una rasoiata da fuori area. Allo scadere del primo round ancora Langella va a segno su penalty, mandando le due squadre a bere il the caldo sul 4-1. Al 26’ della ripresa Pulcino concede il bis e timbra il 2-4, ma a pochi secondi dal triplice fischio Langella impacchetta il definitivo 5-2 in contropiede. Il portiere dei Natural Break Stefano Dimola si merita il premio “Fair play” perché nel finale di primo tempo, dopo che il direttore di gara gli ha fischiato un rigore contro per un suo intervento falloso, ammette all’arbitro di aver commesso fallo sull’attaccante avversario.

Le pagelle: i “best five

Pro Milano

Langella: il talento classe ’95 di pure classe cristallina è incontenibile con il suo sinistro alla Messi e impacchetta un poker sontuoso, meritando il premio di “Man of the match”. Voto 8,5

Bolletta: timbra il 3-1 nel finale di primo tempo con una sassata da fuori area, coronando un’ottima prestazione, con i suoi piedi educati. Voto 7,5

Ghiglioni: pendolino instancabile sul binario di sinistra, svolge con buon profitto sia la fase offensiva che difensiva. Voto 7

Pratelli: chioccia con i suoi 47 anni dirige le operazioni in mezzo al campo con classe ed esperienza, senza disdegnare l’uno contro uno e la conclusione su punizione. Voto 7

Limitone: sfiora il gol alla Recoba nel finale di primo tempo con una palombella da 40 metri e porta il suo utile contributo alla causa dei rosso-blu. Voto 7

 

Natural Break

Pulcino: regista di lotta e di governo, prova a trascinare i compagni con la doppietta dell’1-3 e 2-4 ed è l’ultimo ad arrendersi. Voto 8

Mazzocchi: con Pulcino forma la cerniera al centro del ring, che prova a tenere a galla i suoi. Voto 7

Gori: prestazione più che positiva, nella quale prova ripetutamente a entrare nel tabellino dei marcatori, sfiorando il gol in un paio di circostanze, ma senza fortuna. Voto 6,5

Hamdaqui: rapido e brevilineo, all’alba del match prova a fare il diavolo a quattro con il suo dinamismo e il saper muoversi sul filo del fuorigioco e tra le linee offensive. Poi cala. Voto 6,5

Di Mola: costretto senza colpe a raccogliere quattro volte il pallone in fondo al sacco,merita il premio “fair play” per aver confermato all’arbitro di aver commesso fallo sull’avversario in occasione del penalty dell’1-4. Voto 6,5

 

Gara ARES BPM - GS ALCAZAR  14/10/2015 Serie B Elite  -2^ Giornata

Le pagelle: i Best Five

Ares Biepiemme

Pecorella: spacca in due la partita imitando Lewandovsky, con una tripletta da raccontare ai nipoti nei primi 20 minuti e porta a casa con pieno merito il pallone. Poi s’infortuna leggermente e all’intervallo va a farsi la meritata doccia. Voto 8,5

Di Muzio: Nel primo tempo è praticamente incontenibile e in coppia con Pecorella s’infila come il burro nella retroguardia avversaria , sfiora il gol e sforna assist in area a ripetizione, come il cioccolatino per l’1-0. Voto 7,5

De Angeli: Per gran parte della gara deve sbrigare solo l’ordinaria amministrazione, ma al tramonto mantiene lo shout-out con una parata “pazzesca” con balzo felino su un colpo di testa velenoso. Voto 7

Bellomi: Prova praticamente impeccabile al centro della retroguardia, dove spazza con grande autorità e tempismo tutto ciò che passa dalle sue parti. Voto 7

Lorenzi: il capitano festeggia le 47 primavere prendendo il centro del ring e guidando i compagni con dinamismo e buona qualità. Voto 7

 

Gruppo Sportivo Alcazar

Rocchini: il migliore dei suoi con due cross in area non sfruttati dai compagni e un gol sfiorato con un colpo di testa. Voto 7

Donato: dopo un minuto sfonda a sinistra e  pennella in area un cross delizioso non sfruttato. Nella ripresa lambisce il palo con una rasoiata da fuori area. Voto 6,5

Rotella: regista in mezzo al campo, prova  più volte a innescare gli attaccanti. Voto 6,5

Trignano: interno di centrocampo dai piedi educati, prova a dare la scossa ai compagni con alcuni lanci filtranti. Voto 6,5

Gougeon: tecnico e dinamico, prova con insistenza a far male alla retroguardia avversaria, ma senza esito. Voto 6

 

Le Sequoie - Warriors 12/10/2015 Serie A - 2 Giornata
Probabilmente il risultato del tabellino finale non sorprende nessuno. O meglio, nessuno di quelli che al Cimiano non c'erano. Io posso provare a raccontare in due righe una partita che è stata una battaglia sportiva dal 1 al 60 minuto, quando cioè, i neroverdi sono riusciti a pareggiare il gol di vantaggio delle Sequoie, frutto di una triangolazione Ardeleanu, Pereira, Carranza. Primo tempo in equilibrio, combattuta palla su palla in ogni scontro diretto. L'espulsione (giusta) della neo Sequoia Sergio al 35 segna evidentemente la gara. Ma anche la ripresa vede le Sequoie difendere con ordine e fallire colpevolmente almeno tre occasioni più che limpide, forse clamorose. Il raddoppio avrebbe aumentato il nervosismo dei Warriors, che fino a quel momento non riuscivano a fare valere l'uomo in più. Il gol del pareggio, invece cambia l'inerzia della partita. I ragazzi di Basiglio raddoppiano quasi subito e chiudono con il terzo gol al 70,  infierendo sulle Sequoie ormai scoraggiate. Stasera però abbiamo dimostrato di non avere timore di nessuno e di essere di nuovo le Sequoie combattenti e irriducibili. Continueremo così, non ho dubbi.

Nota di demerito per chi scrive: ho avuto troppa fiducia nella carica adrenalinica dei 10 in campo, non dando il giusto ricambio al nostro centrocampo. Fiducia in chi era in campo, non certo sfiducia per chi ha continuamente e pazientemente sostenuto dalla panchina i propri compagni. Saprò fare tesoro di questo errore.

(by Paolo - Mister Le Sequoie)

Immobiliare Self - Le Sequoie 7/10/2015 Serie A - 1 Giornata
Una partita a due facce quella che ci fa ritrovare subito gli amici del DonTeam, truccati da immobiliaristi.

Un primo tempo disordinato, iniziato già al primo minuto con una distrazione che lascia a Denis la possibilità di fare quello che sa fare meglio: scatto, taglio e rasoiata sul palo opposto. Noi guardiamo. Ma pur nella confusione arriviamo al pareggio dopo una serie di rimpalli, grazie a un autogol. Ci pentiamo subito e lasciamo a Denis un regaluccio che non può rifiutare. Giochiamo bene gli ultimi 15 del primo tempo annunciando così le intenzioni del secondo. Registriamo la squadra con un paio di cambi e subito i rossi prendono decisamente il pallino del gioco senza più lasciarlo. La seconda frazione si chiude con un 4 a 1 parziale che la dice lunga sulla intensità, caparbietà su ogni palla e (finalmente) un gioco più fluido e largo che ci permette di creare almeno otto occasioni limpide. Il gol di forza di caterpillar LorMatteo, le due perle di Paolo e il gol finale di Cristian, raccontano di 35 minuti giocati sempre con intelligente, continua, pressione. Prendiamo 4 ammonizioni non tutte convincenti, ma la terna è stata sicura e serena!

by Paolo (Le Sequoie)

 

Gara Longobarda- Hsm dal 1976 6/10/2015 Serie A  - 1^ Giornata

Le pagelle: i Best Five

Longobarda

Pedroni: Raccoglie senza colpe quattro palloni in fondo al sacco, ma nel primo tempo tiene a galla i suoi con due parate prodigiose e nella ripresa compie un altro miracolo. Voto 7

Fajidiga: Centrale difensivo e playmaker, bravo in marcatura e anche nell’impostazione, soprattutto quando cerca Romiti con lunghi lanci. Voto 7

Casagrande: qualità ed esperienza sulla banda destra, sbaglia pochissimi palloni, nel primo tempo effettua due assist al bacio in area e nel finale è uno degli ultimi ad arrendersi. Voto 7

Romiti: Nel primo tempo tiene in apprensione i difensori avversari con il suo dinamismo e al 21’ sfiora il gol, rompendo anche le scarpe nella stessa azione. Poi cambia gli attrezzi del mestiere e nel finale timbra il gol della speranza. Voto 6,5

Serventi: Mancino dai piedi educati è protagonista di un buon primo tempo sulla corsia di sinistra con un paio di chiusure da applausi e alcuni lanci interessanti per Romiti. Voto 6,5

 

Hsm dal 1976

Tentardini: Premiato come “man of the match” dirige il traffico in mezzo al campo con qualità e dinamismo, distribuendo palloni in quantità industriale e trasformando con freddezza il penalty del raddoppio. Voto 8

Morodo: Nella ripresa sfonda a sinistra con giocate di alta scuola e fornisce pure due assist vincenti. Voto 7,5

Bonamici: Classe pura al servizio della squadra, procura il rigore del 2-0 e nella ripresa spesso è incontenibile. Voto 7,5

Matti: Ha il merito di sbloccare il risultato, coronando un ottima prestazione al centro del tridente offensivo. Voto 7

Zeller: stantuffo sulla fascia destra, nel primo tempo sforna 3 cross pennellati in area, non sfruttati dai compagni. Voto 7

 

Gara Micky Team-Gokick.org 5/10/2016 Serie B Girone B -1^ Giornata

I Best 5 di Micky Team

Napolitano: Frangiflutti davanti alla difesa, ringhia su tutti gli avversari che transitano dalle sue parti. Voto 7

Lupo: Centrale difensivo disputa una prova di buona qualità e sostanza. Voto 7

Croce: gran signore del centrocampo, prova a far valere i suoi piedi educati e nel primo tempo salva la sua porta con un tackle scivolato strappa applausi. Voto 7

Furnari: Trequartista si muove con buon dinamismo tra le linee e non disdegna anche di andare alla conclusione dalla lunga distanza, ma non inquadra la porta. Voto 6,5

Elia: All’alba del match si fuma un’occasione ghiotta per il vantaggio, poi  da buon capitano si riscatta e prova a trascinare i compagni al pareggio. Voto 6,5

 

I Best 5 di GoKick Archingegno

Andrea Chierieleison: gioca solo il primo tempo, ma merita il premio di “man of the match” perché giostra su tutto il fronte offensivo e pennella due cross d’autore in area, uno dei quali risulterà l’assist vincente. Voto 7,5

Saluzzi: il capitano fa a sportellate con i centrali avversari e al tramonto del primo tempo trova la zuccata spacca-partita, che vale i primi tre punti stagionali. Voto 7,5

Tavilla: Playmaker difensivo, guida il reparto con grande autorità e contribuisce a mettere spesso in fuorigioco gli avversari. Voto 7

Castro: mediano alla “Gattuso” sradica palloni in quantità industriale, anche se a volte eccede in foga agonistica e si becca il giallo. Voto 7

Marco Chierieleison: Fornisce un apporto determinante allo shout-out dei bianchi, con una prova difensiva senza sbavature. Voto 7

Gara Gokick.org - Real Blanco 15/10/2016 Serie B Girone B -2^ Giornata

I Best 5 di GoKick Archingegno

Chiapparino: il bomber di “scorta” si fa trovare nella ripresa due volte al posto giusto nel momento giusto, impacchettando una doppietta da serial killer che spariglia le carte del match. Voto 7,5

Saluzzi: il capitano entra in due delle tre reti segnate dai suoi e costringe due volte il portiere avversario a superarsi per negargli la doppietta. Voto 7

Latorre: pendolino instancabile sul binario di sinistra, dove sfonda con frequenza e pennella due cross in area che creano scompiglio. Voto 7

Marco Chierieleison: altra prova senza sbavature, con un importante apporto in copertura e con alcune aperture illuminanti. Voto 7

Manca: due gare giocate e porta ancora immacolata, dopo una prestazione più che positiva, anche senza dover compiere interventi prodigiosi. Voto 6,5

 

Real Blancos

I Best 5 di Real Blancos

Samele: Laterale di sinistra dai piedi raffinati disputa una buona prova sia in copertura sia in fase di spinta. Voto 7

Cappuccini: Nel primo tempo cerca il gol alla Maradona da 30 metri con il portiere fuori dai pali, sfiorando l’incrocio dei pali e il gol dell’anno. Voto 6,5

Varduashavli: Pivot spesso costretto a fare reparto da solo contro la retroguardia avversaria, nel primo tempo s’invola in campo aperto e sfiora il gol del vantaggio. Voto 6,5

D’Agostino: il capitano a dispetto delle 53 primavere presidia con buona autorità la fascia destra provando a dare l’esempio ai compagni. Voto 6,5

Moschelli: play basso alla Bonucci, prova a innescare gli attaccanti con alcuni lanci dalle retrovie con il suo piede mancino. Voto 6,5 


Gara AC Tua - Resaka 15/10/2016 Serie B Girone C -2^ Giornata

I Best 5 di AC Tua

Tarantini: all’esordio in campionato si muove con grande profitto tra le linee difensive avversarie e trascina i compagni alla vittoria, sbloccando il risultato in apertura di ripresa. Poi lascia il campo per la meritata standing ovation. Voto 7,5

Arras: Mantiene la porta inviolata con un grande intervento nel primo tempo e un paio di parate provvidenziali ad inizio ripresa sullo 0-0. Voto 7

Cosentini: Chiude i conti con il tap-in del 2-0 nel finale, che suggella una buona prestazione al servizio dei compagni. Voto 7

Nova: Sfonda spesso a sinistra con buona tecnica e rapidità e crossa in area con frequenza. Voto 6,5

Catania: merita il premio fair play concedendo un corner agli avversari e presidia con buona autorità la fascia destra. Voto 6,5

 

I Best 5 di Resaka

Sirena: Nel finale di primo tempo con la sua classica “potada” in semirovesciata costringe il portiere avversario al miracolo. Ad inizio ripresa s’infortuna e abbandona il campo e si spegne luce nel reparto offensivo. Voto 7

Panella: centrocampista che abbina qualità tecniche e d’incontrista e sfiora il gol nel primo tempo con una volee che sfiora il palo. Voto 7

Prato: presidia con buona attenzione il reparto difensivo ed è uno degli ultimi ad arrendersi. Voto 6,5

Pisanu: Sfiora il gol al decimo con un rasoterra dal limite dell’area e ad inizio ripresa sullo 0-0 mette in area un cross delizioso. Voto 6.5

Pieragostini: laterale di sinistra solitamente non sempre impiegato, disputa una prova più che positiva. Voto 6,5