Sportland S.S.D. a r.l.2017/2018
(Maschile)
Calcio a 11

COPPA MILANO CALCIO A 11

Archivio news 19/06/2018

COPPA MILANO CALCIO A 11

Matteo alla Bale. H. S. M. triplete storico!

Jus Milano - H. S. M. dal 1976 4 - 6

Reti: 3’ Matteo (H), 6’ Noventa (J), 19’ Jose (H), 27’ Jessie Juana (H), 30’ aut. Arici (H), 35’ Tentardini (H), 9’ st rig. Angarano (J), 25’ st Cangelosi (J), 38’ st Matteo (H), 41’ st Jessie Juana (H)

 

JUS MILANO: Giustiniani 6, Santacroce 6.5, Scalabrini 6.5, Mella 6.5, Carullo 7, Noventa 7, Giurdanella 6.5, De Cesco 7, Imbarrato 7, Cangelosi 7.5, Angarano 8, Morabito 7, Rossi 7, Pinetti 6.5, Tavilla 6, Quieti 6. A disp. Munzone, Mandalari. All. Alghisi 7

H. S. M. DAL 1976: Paloschi 6, Biondo 7, Parlà 6, Russo 7, Arici 7.5, Melo 8, Serrelli 6, Tentardini 7, Jose 7, Jessie Juana 8.5, Matteo 9, Di Martino 6, Cesarò 6.5, Abati 6.5, Trolli 6, Busnach 6. A disp. Smerdel, Mariotto. All. Bettinelli 9

 

Ammoniti: Tentardini (H), Giurdanella (J), Di Martino (H), Cesarò (H)

 

LA PARTITA

H. S. M. scrive la storia con un “triplete” meraviglioso. I ragazzi di Bettinelli vincono grazie a una rosa completa e di altissima qualità.

L’impressione è che l’H. S. M. possa sempre cambiare passo. La partenza dei giocatori in maglia grigia è perfetto: gestione del possesso palla e vantaggio, firmato da Matteo. Jus Milano, però, non vuole svolgere il ruolo di semplice comparsa e si rende protagonista. Il trio d’attacco Imbarrato-Cangelosi-Angarano è rapido e crea non pochi problemi alla retroguardia avversaria. Proprio da uno spunto di Angarano nasce il gol del pari di Noventa. Nel momento migliore dei verdi, però, arriva la galoppata di Arici, che regala un cioccolatino già scartato a Jose: 1-2. H. S. M. vuole chiudere subito la pratica: Jessie Juana cala il tris. Jus Milano, però, non molla e si aggrappa al solito Angarano, che propizia l’autorete di Amici. Il primo tempo si chiude col gioiello su punizione di Tentardini: parabola pazzesca che gonfia la rete. Si va al riposo sul 2-4.

La ripresa si apre con un avvio sprint dei ragazzi di Alghisi, che vuole raggiungere subito la parità: Rossi sfiora il palo dal limite. Entra anche Morabito, che conquista un calcio di rigore: sul dischetto si presenta e non sbaglia il solito Angarano. Jus Milano prende in mano le redini del centrocampo guidata da un grande De Cesco, che gioca a tutto campo. Il pareggio è nell’aria e arriva: è opera di Cangelosi, che segna col tocco sotto. H. S. M. Non ci sta: vuole la vittoria. Melo si mette in proprio e colpisce il palo. Pochi secondi dopo Matteo si inventa la giocata della serata: rovesciata che vale il 4-5 e indirizza definitivamente la finale verso la banda Bettinelli. La partita si chiude con l’acuto di Jessie Juana, servito da Cesarò.

L’arbitro fischia tre volte: la storia è stata scritta.

 

TOP 3 PAGELLE JUS MILANO

Carullo 7 Nel primo tempo è un giocatore di movimento, nel secondo indossa i guanti e fa il portiere. Tra i pali è una dolce rivelazione: riflessi che tengono viva la partita e lo spettacolo.

Cangelosi 7.5 La velocità con cui muove le sue leve corte è impressionante. Ha un ritmo e un passo superiori alla media. Si muove tanto e gioca sempre tra le linee: è una spina nel fianco della difesa avversaria.

Angarano 8 È indiscutibilmente il leader tecnico di Jus Milano. È sempre lui la prima scelta dei compagni. La sua percentuale di dribbling riusciti sfiora il 90%. Il baricentro basso lo rende incontenibile.

 

TOP 3 PAGELLE H. S. M. DAL 1976

Melo 8 Imposta l’azione dal basso. Tocca un’infinita di palloni e li gestisce bene. È prezioso in ogni zona del campo.

Jessie Juana 8.5 Con lui in campo è tutta un’altra storia. Nel finale entra e risolve la finale. Strapotere fisico che risulta decisivo.

Matteo 9 Sembra Bale. Nel momento chiave del match segna il gol decisivo in rovesciata. La sua è la tipica intuizione del fuoriclasse. Man of the match.