News archive 16/07/2021

CHAMPIONS CUP CALCIO A 11

Real Arese conquista il trofeo


OPERA TEAM – REAL ARESE 0-1 (0-0)
Rete:
1’ s.t. Zamperioli
 

LA CRONACA
Real Arese conquista la Champions Cup 2019-20 battendo Opera Team nella finalissima del centro sportivo di Pero, recupero della scorsa stagione, quando il Covid sospese tutte le competizioni a fine febbraio.
Nel primo tempo l’equilibrio regna sovrano, con le due occasioni più ghiotte per Real Arese,  vicina al gol con una conclusione larga di Barletta da buona posizione e una volee di Dasti, respinta con bravura da Florean.
Ad inizio ripresa il gol decisivo di Zamperioli, che si presenta in area e in diagonale trafigge il portiere.
Opera Team si getta così alla caccia del pareggio, ma il bunker della formazione guidata impeccabilmente in panchina da mister Piciaccia regge l’assalto e Real Arese festeggia così la conquista del trofeo.

LE PAGELLE
OPERA TEAM

Florean 6: poco impegnato, incolpevole sul gol preso.
Costa 7,5: laterale nei tre dietro, insuperabile nel primo tempo, poi scala al centro della difesa dopo lo 0-1 e il cambio di modulo.
Zanini 7: attento in copertura nella difesa a tre.
Magazzino 7: gioca solo un impeccabile primo tempo, poi sfinito chiede il cambio,
Cifarelli 6,5: partita di sacrificio sulla corsia di destra.
Zanella 6: esterno sinistro non sfigura, ma sul gol preso non chiude la diagonale.
Roscelli 6.5: centrocampista centrale lotta con garra sudamericana.
Argiolas 6,5: compensa l’inferiorità a centrocampo con tanta corsa e qualità.
Pierro 6: pericoloso sulle palle da fermo, ma poco concreto sotto porta
Salvagione 6: pure lui si sbatte davanti, ma è poco incisivo.
Tobia 6: completa il tridente offensivo, ma non trova la via del gol.
Macor 6: avvicenda  dietro Magazzino nella ripresa e quando serve usa la ramazza.
Co’ 6: subentra nel secondo tempo come esterno di difesa.
Campioni 6: gioca la ripresa, da laterale, con sufficiente profitto.
Chiarappa e Iovanna: Non entrati.

 
REAL ARESE
Capacchione 7: il portierone si riconferma tra i migliori nel ruolo, sicuro e reattivo quando conta.
Bertarione 6,5: difende con i denti ogni centimetro di campo tra spallate e scivolate.
Milani 7: il capitano alza da protagonista una Coppa a 57 anni, giocando come un ragazzino, applausi!
Divenosa 8: il migliore in campo, è ovunque e con lui non si passa, salva un goal quasi fatto.
Dasti 7: corre con un motorino incorporato, ara la fascia in lungo e in largo almeno 100 volte,  instancabile.
D'Amato 7: una roccia di granito difficile da superare, recupera palloni in quantità.
Cardani 7: metronomo con 7 polmoni, pressa ogni avversario ovunque senza dare respiro a nessuno.
Federico Ferrari 6,5: lavoro oscuro, ma prezioso per contenere le sfuriate avversarie.
Germiniasi 6,5: nel primo tempo le sue accelerazioni creano più di un pericolo, con il suo sinistro vellutato!
Nicola Fiore 7: attaccante di movimento che si sacrifica, ma dotato di tecnica e forte personalità.
Barletta 6,5: il bomber resta a secco, ma sfiora goal con una serpentina ubriacante.
Zamperioli 7,5: Man of the match, da la zampata letale ad inizio ripresa.
Sottile 6,5 centrocampista e difensore, jolly prezioso per i compagni.
Melazzi 7: con i suoi piedi educati e l’abilità nell’uno contro uno si procura una quantità industriale di falli prezioso!
Gianluca Fiore 6,5: bomber fisico che non disdegna di fare a sportellate.
Daniele Ferrari 6,5: aiuta i suoi compagni per reggere il forcing finale avversario.
Giassi 6,5: se davvero è stata la sua ultima recita, meglio non poteva chiudere!